Alta Via dei Giganti - Tappa #16

L'Alta Via n.1, denominata ALTA VIA DEI GIGANTI, è un itinerario escursionistico dallo scenario incomparabile: si sviluppa infatti ai piedi dei massicci più elevati d’Europa, quali il Monte Rosa, il Cervino e il Monte Bianco. Questo itinerario offre, accanto ai superbi esempi di architettura naturale delle Alpi, impareggiabili testimonianze di architettura rurale, strettamente legata alla vita degli alpeggi.

Tracciata lungo la sinistra orografica della Dora Baltea, l’Alta Via n.1 è percorribile da chiunque poiché si snoda lungo sentieri ben tracciati e interamente segnalati. Si sviluppa in 17 tappe giornaliere, da Donnas Courmayeur (richiedono in media 3/5 ore di cammino ciascuna), mettendo a disposizione dell’escursionista punti di sosta e ristoro per ogni necessità.

L’elevato valore naturalistico di questi ambienti e le alte e celebri montagne, cariche di storia e di imprese, che ne fungono da superba cornice, offrono un quadro d’altri tempi che l’escursionista dovrà semplicemente ammirare ed apprezzare.

16° TAPPA: Rifugio Frassati - Rifugio Walter Bonatti (7 km)

Dal pianoro del lac Merdeux (2.542 mt.) il percorso si alza fra i verdi pascoli, sino a raggiungere una conca detritica contornata da una suggestiva cresta rocciosa molto frastagliata. Attraversata la conca, si percorre una lunga diagonale verso sinistra e, con alcuni stretti tornanti, si supera l’ultimo ripido tratto che conduce sul Col Malatrà (2.925 m.).

Dal colle inizia la discesa. In mezza costa, dopo aver superato alcuni dossi erbosi, si arriva ad un vasto pianoro solcato dal torrente. Costeggiando sulla destra il corso d’acqua, si percorre l’intero pianoro e si raggiunge l’alpeggio Giué Superiore (2.228 m.); attraversato verso sinistra il torrente su un ponticello in legno, dopo pochi metri di dislivello si incontra l’alpeggio Malatrà Superiore.

Da qui, in breve, si scende all’alpeggio Malatrà Inferiore e al Rifugio Walter Bonatti (2.025 mt.).

Vai alla tappa precedente
Vai alla tappa successiva

Alpeggio Giuè Alpeggio Malatrà Inferiore Rifugio Bonatti

Punti d'interesse

COL DE MALATRA’
COL DE MALATRA’

Importante valico che mette in comunicazione la Comba des Merdeux con il Vallone di Malatrà. Il toponimo "malatrà" probabilmente deriva dal tardo latino "malastrà", ovvero "passaggio cattivo, disagevole" in quanto il colle è caratterizzato da una strettissima apertura tra le rocce. Dal colle si ha una vista panoramica, sia sulla catena del Monte Bianco sia sulla vallata del Gran Combin, che lo rende una bella meta escursionistica.

RIFUGIO WALTER BONATTI
RIFUGIO WALTER BONATTI

Situato a 2.025 metri di quota, all’imbocco del Vallone di Malatrà, il rifugio è stato inaugurato il 2 Agosto 1998 ed intitolato all’alpinista di fama mondiale ed esploratore Walter Bonatti Si affaccia su un panorama che abbraccia la catena del Monte Bianco, dal Col de la Seigne al Col Ferret. È un rifugio di media montagna, ideale punto di partenza per itinerari escursionistici di varia difficoltà e durata. D’inverno è aperto per lo scialpinismo o per una salita con le racchette da neve

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Alta Via dei Giganti - Tappa #16. Scrivi tu il primo commento su Alta Via dei Giganti - Tappa #16

Dati tecnici

Comune di partenza: Saint Rhemy En Bosses

Partenza: Rifugio Frassati

Comune di arrivo: Courmayeur

Arrivo: Rifugio Walter Bonatti

Lunghezza(km.): 7

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 430

Dislivello in discesa (m): 903

Punto più alto (m): 2540

Punto più basso (m): 2025

Durata (h): 7

Link Utili

http://www.lovevda.it/it/banca-dati/7/alte-vie/saint-rhemy-en-bosses/rifugio-frassati-rifugio-walter-bonatti/2173