Alta Via dei Monti Liguri in Trekking - Tappa #17

AVML Tappa 17: Da Colle di Cadibona a Le Mugge

L'Alta Via dei Monti Liguri è un percorso di "confine", che separa la costa mediterranea dall'entroterra selvaggio, tra mare e cielo, Alpi ed Appennini. Come un'autostrada verde attraversa tutta la Liguria, per un totale di 440 km lungo crinali soleggiati, praterie erbose e boschi ombrosi.

Chi si avventura per l'Alta Via dei Monti Liguri a piedi può godere di punti panoramici affascinanti, da cui lo sguardo può spaziare fino alla Corsica, il Monviso e il Monte Rosa, ma notevole è anche il patrimonio storico e culturale, tra linee di fortificazioni e splendidi borghi che meritano di essere visitati.

Il segnavia rosso-bianco-rosso con la sigla AV identifica l'itinerario da seguire lungo tutto il percorso, che non presenta particolari difficoltà e può essere tranquillamente affrontato durante tutto l'anno da escursionisti medi. Inoltre, l'Alta Via dei Monti Liguri è circondata da una rete di sentieri e mulattiere ed incrocia tutte le varianti di valico, permettendo di spezzare l'itinerario a proprio piacimento.

Lungo le 43 tappe dell'itinerario trekking sono presenti numerose strutture ricettive appartenenti all'Associazione Ospitalità Alta Via dei Monti Liguri, dove dormire, mangiare, ottenere riparo in caso di condizioni climatiche avverse e modificare le tappe secondo le proprie necessità e capacità.
E' attivo un servizio di assistenza h24 al numero +39 3381629347.
Su www.altaviainfoh24.com (cui vanno i credits per il tracciato gpx dell'Alta Via dei Monti Liguri qui pubblicato) è possibile acquistare la guida ufficiale del percorso.

17° TAPPA: Colle di Cadibona - Le Meugge (19,5 km) (Tappa 1 della sezione 7 sulla guida in rete www.altaviainfoh24.com)

La tappa 17 dell'Alta Via dei Monti Liguri riparte dal Colle di Cadibona, presso il borgo di Altare, dove il vetro soffiato è un'arte antica e le ville liberty impreziosiscono il centro storico.

L'itinerario in trekking è stato recentemente modificato, eliminando un tratto di asfalto iniziale. Si inizia a camminare quindi su sentiero, con lievi saliscendi (ed un breve tratto su strada) fino alla discesa che al km 6 raggiunge Ferrania.
Si procede quasi in piano lungo la valle del Rio Ferranietta e, attraversato un vasto prato, il percorso si addentra nel bosco mentre inizia la salita

Ci si trova nella Riserva Naturale dell'Adelasia, polmone verde della Val Bormida, ricca d'acqua, di maestose foreste, praterie e radure.
Superata la diroccata Cascina Pigni si continua a salire fino alla Rocca dell'Adelasia, da dove si procede a mezza costa raggiungendo Cascina Miera (km 15,2), per poi affrontare l'ultima salita della tappa presso il Bric del Tesoro, punto più alto a 824 mt.

Gli ultimi 3 km scorrono quasi tutti in discesa fino a Le Meugge, punto di arrivo.

Vai alla tappa precedente #16
Vai alla tappa successiva #18

Capriolo Palazzo Cappa

Punti d'interesse

VAL BORMIDA
VAL BORMIDA

E’ una valle molto estesa, che si sviluppa nell’entroterra savonese fino al Basso Piemonte, seguendo il corso del fiume Bormida, che confluisce nel Tanaro. La Valle nasce dall'Appenino ligure e si trova quindi ad una altitudine al di sopra dei 1000 metri, per poi discendere dolcemente verso la costa. Nel loro corso superiore, i vari rami del Bormida scorrono fra prati e boschi, in un paesaggio naturale integro e con rari centri abitati. Ci sono anche molte strade panoramiche che attraversano la valle, che nel tempo si è molto industrializzata. La storia della val Bormida trova significative testimonianze a partire dal Medioevo. Questo periodo ha lasciato sul territorio diverse tracce architettoniche di prestigio, di cui solo alcune ci sono giunte intatte.

PALAZZO CAPPA
PALAZZO CAPPA

E’ un antico palazzo padronale, da taluni chiamato “Castello Cappa”, le cui origini risalgono al 15° secolo, quando era ancora un monastero. Nel 1850 fu con la famiglia Cappa che l’edificio venne allargato e adibito a residenza estiva padronale, con una panoramica torre merlata a dominare la vallata. Oggi tutto ciò è diventato un B&B, parzialmente adibito a dimora dell'attuale proprietà, dopo un ampio e profondo restauro che ha coniugato le attuali necessità con l'eredità del passato. Il palazzo è immerso nel verde collinare tra Altare e Ferrania, fitto di boschi di felce, punto di riferimento per cicloturisti ed escursionisti.

RISERVA NATURALE DELL’ADELASIA
RISERVA NATURALE DELL’ADELASIA

Istituita nel 1989, l’area protetta regionale occupa il versante settentrionale dell'Appennino ligure, nel cuore più verde della provincia di Savona, in alta Val Bormida. Ha un’estensione di 500 ettari, pressoché interamente coperti da una bella faggeta, composta da piante secolari che attualmente costituiscono il principale polmone verde della zona: la Riserva è infatti molto importante dal punto di vista ambientale, avendo creato un ecosistema di diverse specie animali e vegetali che si sta estendendo in altre aree boschive limitrofe all’interno di una zona storicamente di grande attività industriale. Alcuni sentieri ad anello ben segnalati attraversano il Parco, addentrandosi in ambienti eterogenei che fanno la felicità degli escursionisti. La Riserva prende il nome dalla principessa Adelasia di Sassonia, figlia dell'imperatore Ottone I (X secolo d.C.) la quale, secondo la leggenda, si rifugiò qui per fuggire dalle ire del padre, contrario alle sue nozze con lo scudiero Aleramo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Alta Via dei Monti Liguri in Trekking - Tappa #17. Scrivi tu il primo commento su Alta Via dei Monti Liguri in Trekking - Tappa #17

Dati tecnici

Comune di partenza: Altare

Partenza: Colle di Cadibona

Comune di arrivo: Savona

Arrivo: Le Meugge

Lunghezza(km.): 19

Difficoltà: Escursionistico

subdetails.tpl

Motivazioni: Natura

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 580

Dislivello in discesa (m): 280

Punto più alto (m): 824

Punto più basso (m): 361

Durata (h): 4