Alta Via dei Parchi - Tappa #10

Dal Lago Scaffaiolo al Rifugio Montecavallo

Un incredibile viaggio a piedi attraversando due parchi nazionali, cinque parchi regionali ed uno interregionale nello stupendo Appennino tra Emilia Romagna, Toscana e Marche: 500 chilometri totali suddivisi in 27 tappe, capaci di suscitare nel viaggiatore grandi emozioni e senso di avventura, grazie a panorami mozzafiato, vasti orizzonti, natura selvaggia e le tracce storiche di antichi confini.

Il percorso è studiato per consentire agli escursionisti di ammirare il meglio di ciò che le montagne appenniniche sono in grado di offrire: circhi glaciali, laghi immersi in praterie di alta quota, torrenti scroscianti, sterminate foreste, rupi vulcaniche e falesie di gesso.

E' consigliato percorrere l'Alta Via nel periodo che va da metà primavera a metà autunno, mentre gli escursionisti più esperti possono affrontarla anche nei mesi invernali, con la dovuta attrezzatura e cautela, soprattutto nei tratti che possono presentare neve dove il crinale supera i 1400 metri di quota.
Sono presenti varie strutture ricettive nei posti tappa (permettendo quindi di percorrere le tappe anche singolarmente), mentre chi desidera pernottare in tenda è invitato a consultare le indicazioni sul bivacco con tenda. 

Credits: Ambiente - Regione Emilia Romagna

10° TAPPALago Scaffaiolo - Rifugio Monte Cavallo (13,5 km)

Ultima tappa nel paesaggio dell’alto crinale emiliano: inizia la discesa verso la valle del Reno e la media montagna bolognese.

Dal Lago Scaffaiolo si sale al vicino Passo dei Tre Termini e da qui, traversando in quota l’ultimo circo glaciale che si incontra lungo l’Alta Via, si raggiunge il Passo dello Strofinatoio (1847 m), snodo orografico dal quale si stacca verso nord la cresta del Corno alle Scale.

Scesi al Passo del Cancellino, si traversano le pendici settentrionali del Monte Gennaio incontrando la sorgente dell’Uccelliera: qui si lascia il sentiero di crinale - che troveremo nuovamente soltanto fra dieci giorni di cammino - costeggiando il Poggio delle Ignude. Con una deviazione di pochi minuti si può andare al Rifugio Porta Franca.

L’Alta Via continua lungo un comodo viottolo che dapprima attraversa l’alta valle del torrente Causso, completamente ricoperta di boschi, incontrando poi le belle radure del Rombiciaio e di Pian dello Stellaio. Da qui una comoda strada forestale porta all’ampia sella boscosa del Passo Tre Croci, a pochi minuti di cammino dal Rifugio di Monte Cavallo.

Vai alla tappa precedente #9
Vai alla tappa successiva #11

 

Lago Scaffaiolo Verso Passo Strofinatoio @Antonella Lizzani Dal Passo dello Strofinatoio al Monte Gennaio @Antonella Lizzani Rifugio Duca degli Abruzzi @Roberto Rancido Monte Gennaio e Colle delle Ignude @Roberto Rancido Corno alle Scale @Paolo Carrai Monte Toccacielo e Monte Pianaccetto @Antonella Lizzani Faggeta a Pian dello Stellaio @Antonella Lizzani Verso il Monte Cavallo @Antonella Lizzani Monte Cavallo @Antonella Lizzani

Punti d'interesse

PARCO REGIONALE DEL CORNO ALLE SCALE
PARCO REGIONALE DEL CORNO ALLE SCALE

Area protetta naturale nell'Appennino Bolognese, quasi interamente ricoperta di boschi naturali che regalano scenari multicolore in ogni stagione. L'imponente dorsale del Corno alle Scale (1944 mt) costituisce l'asse centrale, a ridosso del quale nascono le vallate dei torrenti Dardagna e Silla. Lungo le pendenze meno aspre si trovano caratteristici borghi montani, mentre nei boschi con un po' di fortuna si possono incontrare caprioli, daini, mufloni e moltissime specie di uccelli, tra cui l'aquila reale. (ph. da Parks.it)

MONTE CAVALLO
MONTE CAVALLO

Con la sua particolare forma a dorso di cavallo - alla quale deve il suo nome - il monte domina il crinale che separa la valle del Randaragna dalla valle del Baricello, torrente affluente del Silla. Dalla cima, alta 1451 metri, partono pendici completamente boscose, coperte da faggi e conifere. Il vicino Passo delle Tre Croci - chiamato così per via di tre curiose croci in legno presenti sulla cima - offre alcuni degli scorci più imponenti della vallata. Nei pressi c’è il Rifugio omonimo, che rappresenta il punto di partenza di itinerari per chi pratica escursionismo a piedi, in mountain-bike o a cavallo.

POGGIO DELLE IGNUDE
POGGIO DELLE IGNUDE

Considerato spesso come l’anticima del Monte Gennaio, questa montagna raggiunge la quota di 1735 metri sul livello del mare ed è quindi una delle più alte della provincia di Pistoia. Dai suoi pendii nascono due corsi d'acqua importanti della zona: il torrente Orsigna (a sud) e il torrente Causso (a nord), uno dei principali rami sorgentizi del torrente Silla. Il suo nome deriva dal fatto che si tratta dell’ultima cima, seguendo il crinale verso oriente, ad essere libera da alberatura, quindi “nuda”, permettendo un bel panorama aperto sia sul versante emiliano che su quello toscano.

MONTE GENNAIO
MONTE GENNAIO

Imponente cima posizionata a 1.810 m. sul crinale principale dell’Appennino Tosco Emiliano, al confine tra le province di Bologna e Pistoia. E’ la quarta vetta più alta del bolognese, relativamente isolata e per questo meta di escursioni più appartate e meno note rispetto a quelle del vicino Corno alle Scale. Denominato anche Monte dell'Uccelliera (qui si trovano infatti le sorgenti del fiume), offre un panorama di grandiosa vastità sulle cime più alte dell’Appennino bolognese: il Monte Cornaccio, il Corno alle Scale, il Monte Nuda e il Monte Grande. Rispetto al versante toscano, quello bolognese presenta sentieri più impegnativi, per il maggiore dislivello.

PASSO STROFINATOIO
PASSO STROFINATOIO

Il valico separa il Monte Cornaccio dal crinale meridionale del Corno alle Scale. Secondo alcuni archeologi potrebbe essere il passo da cui transitò Annibale, nella primavera del 217 a.C., nel corso della II guerra punica, per passare dalla pianura padana verso l'Etruria. Il Passo dello Strofinatoio è poco distante dal Passo dei Tre Termini, chiamato così nei secoli scorsi perché originariamente in quel punto confluivano i territori di tre stati diversi: Granducato di Toscana, Ducato di Modena, Stato della Chiesa.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Alta Via dei Parchi - Tappa #10. Scrivi tu il primo commento su Alta Via dei Parchi - Tappa #10

Dati tecnici

Comune di partenza: Fanano

Partenza: Lago Scaffaiolo

Comune di arrivo: Granaglione

Arrivo: Rifugio Montecavallo

Lunghezza(km.): 14

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 450

Dislivello in discesa (m): 920

Punto più alto (m): 1855

Punto più basso (m): 1269

Durata (h): 5

Link Utili

ambiente.regione.emilia-romagna.it/parchi-natura2000/fruizione/altavia/tappe

Comuni attraversati

Fanano (MO)
Fanano (MO)

Comune di montagna, di origini incerte, che accanto alle tradizionali attività agricole e...