Alta Via dei Parchi - Tappa #25

Da La Verna al Rifugio Biancaneve al Fumaiolo

Un incredibile viaggio a piedi attraversando due parchi nazionali, cinque parchi regionali ed uno interregionale nello stupendo Appennino tra Emilia Romagna, Toscana e Marche: 500 chilometri totali suddivisi in 27 tappe, capaci di suscitare nel viaggiatore grandi emozioni e senso di avventura, grazie a panorami mozzafiato, vasti orizzonti, natura selvaggia e le tracce storiche di antichi confini.

Il percorso è studiato per consentire agli escursionisti di ammirare il meglio di ciò che le montagne appenniniche sono in grado di offrire: circhi glaciali, laghi immersi in praterie di alta quota, torrenti scroscianti, sterminate foreste, rupi vulcaniche e falesie di gesso.

E' consigliato percorrere l'Alta Via nel periodo che va da metà primavera a metà autunno, mentre gli escursionisti più esperti possono affrontarla anche nei mesi invernali, con la dovuta attrezzatura e cautela, soprattutto nei tratti che possono presentare neve dove il crinale supera i 1400 metri di quota.
Sono presenti varie strutture ricettive nei posti tappa (permettendo quindi di percorrere le tappe anche singolarmente), mentre chi desidera pernottare in tenda è invitato a consultare le indicazioni sul bivacco con tenda. 

Credits: Ambiente - Regione Emilia Romagna

25° TAPPALa Verna - Rifugio Biancaneve al Fumaiolo (21,8 km)

Tappa lunga ma di grande suggestione, prima ‘forestale’ e poi ‘paesaggistica’, per la comparsa di ambienti più aperti.
Questa tappa conduce nel Montefeltro, divenuto romagnolo in seguito al referendum popolare che ha sancito il passaggio di diversi comuni dalla provincia di Pesaro a quella di Rimini.

Dal Santuario della Verna si imbocca la vecchia mulattiera che si stacca dal tornante della strada che sale a Chiusi. Seguendo un antico muretto in sasso, si inizia in questo modo ad allontanarsi dalle imponenti faggete che coprono l’altura del Monte Penna. Da Croce della Calla, si sale quindi verso i pratoni di Monte Calvano per poi proseguire su una mulattiera fino al Passo delle Pratelle, in un saliscendi tra faggi, in cresta.

Da qui si prosegue verso sinistra su un’assolata strada bianca che passa sotto Monte Castelsavino e porta al Passo delle Gualanciole. Proseguendo lungo il sentiero di crinale si giunge infine a Poggio Tre Vescovi, da dove si comincia a scendere su cresta fino a Poggio Bastione, poi sul versante romagnolo, sempre più aperto: ambienti prativi e infine anche aridi prendono il posto della foresta.

Presso un pilastrino ci si immette sulla strada di Montione che va seguita fino al Valico di Montecoronaro e poi fino all’omonimo paese, dove si trova la mulattiera per il Fumaiolo. Essa tocca in tre punti la strada asfaltata diretta al monte, poi se ne stacca salendo ad una bella insellatura dove a destra, tra pascoli, si stacca un percorso per Balze. Si prende invece la sinistra, raggiungendo il lato ovest del Fumaiolo. Un ultimo tratto sale tra conifere sul versante nord e poi al valico. Al di là della strada, al termine di una breve deviazione a sinistra, c’è il Rifugio Biancaneve.

Uno dei motivi principali di interesse di questa zona, oltre agli onnipresenti boschi, è quella peculiarità geomorfologica ma anche “antropologica” costituita dalla Buca del Tesoro, grotta naturale che si può vedere compiendo una breve deviazione dal Poggio Tre Vescovi verso il Passo di Rotta dei Cavalli.

Vai alla tappa precedente #24
Vai alla tappa successiva #26

@ph. Fiorenzo Rossetti Buca del Tesoro Montecoronaro Monte Fumaiolo Le sorgenti del Tevere

Punti d'interesse

BUCA DEL TESORO
BUCA DEL TESORO

E' posta sul crinale dell'Appennino tosco-romagnolo, a quota 1.154 mt., nascosta tra faggi, strati di foglie e massi sparsi, tra il Passo della Rotta dei Cavalli ed il Poggio Tre Vescovi. E' un avvallamento di origine tettonica formatosi per fratture e crolli degli strati d'arenaria. Assomiglia a un breve canyon delimitato a tratti, a destra e sinistra, da ripidi muri di roccia: vi si accede per uno stretto pertugio ed un pozzetto di circa 3 metri che conduce ad una vasta caverna. Ha un notevole interesse geologico e per visitarla sono necessarie attrezzature da speleologo. Come spesso accade, anche questa "buca" ha il suo corredo di storie e leggende. Deve infatti il suo nome a narrazioni di tesori che vi sarebbero celati, custoditi gelosamente da spiriti malvagi.

MONTE FUMAIOLO
MONTE FUMAIOLO

Situata tra Romagna e Toscana, è una delle vette più affascinanti e panoramiche dell’Appennino forlivese. È altresì noto poiché a 1268 m. di altezza è situata la sorgente del fiume Tevere. Dal vicino Pratone della Briglia, si può godere di un panorama a perdita d'occhio su buona parte della penisola: dalla riviera romagnola alle colline toscane, dalle vette dell'Appennino umbro-marchigiano alle colline umbre e tutta la dorsale dell'Appennino tosco-emiliano fino al Corno alle Scale. Il Fumaiolo si caratterizza per le imponenti faggete, che si possono percorre grazie a una rete di comodi sentieri transitabili a piedi e in mountain bike. Il monte è meta anche invernale, essendo dotato di impianti di risalita e piste per il fondo e da discesa. Il Rifugio Biancaneve offre la possibilità di noleggio sci, scarponi e mountain bike.

MONTECORONARO
MONTECORONARO

Il paese è posto su uno dei valichi più bassi ed agevoli dell'intero Appennino, da cui un tempo si dominava una delle principali vie di comunicazione tra il nord e il sud Italia. Montecoronaro è meta di molti turisti, anche grazie al "villaggio" costruito a ridosso del borgo originario, immerso in un bosco incontaminato. In prossimità del paese, sul Monte Castelvecchio (1126 m.), si trovano le "fonti" del fiume Savio, raggiungibili attraverso un sentiero segnalato. In estate il borgo si anima grazie a numerose feste e sagre, che offrono la possibilità di apprezzare la gustosa cucina locale.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Alta Via dei Parchi - Tappa #25. Scrivi tu il primo commento su Alta Via dei Parchi - Tappa #25

Dati tecnici

Comune di partenza: Chiusi della Verna

Partenza: La Verna

Comune di arrivo: Verghereto

Arrivo: Monte Fumaiolo

Lunghezza(km.): 22

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Giornata intera

Dislivello in salita (m): 950

Dislivello in discesa (m): 700

Punto più alto (m): 1371

Punto più basso (m): 833

Durata (h): 9

Link Utili

ambiente.regione.emilia-romagna.it/parchi-natura2000/fruizione/altavia/tappe

Comuni attraversati

Verghereto (FC)
Verghereto (FC)

Comune di montagna, di origini antiche, la cui economia si basa soprattutto sul turismo, oltre...