Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - MULTITAPPA

C'è un Cammino di Santiago anche in Val di Non: seguendo le conchiglie gialle tra spirito, natura ed arte

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello Stelvio. 

Anaunia è l'antico nome della Val di Non, dove nel corso del Medioevo la devozione per San Giacomo ispirò a moltissimi uomini e donne del Trentino di partire pellegrini per Santiago de Compostela. Il Cammino Jacopeo ripercorre alcune delle tappe affrontate e, col ritmo lento del camminare, porta alla scoperta delle bellezze della valle, dove arte, storia, fede e cultura si intrecciano, incastonate in panorami stupendi. 

L'itinerario in Val di Non scorre su strade di campagna immerse nel silenzio dei boschi e nei meleti, ma penetra anche nei borghi contadini della zona, per vivere un contatto diretto con gli abitanti della valle e le loro tradizioni. Luoghi di eremitaggio e chiese affrescate in cui i pellegrini trovavano ristoro si incontrano lungo il percorso, che oggi è segnalato dalle inconfondibili conchiglie gialle.  

Il Cammino Jacopeo è alla portata di chiunque, purché abbia alle spalle un buon allenamento per via delle lunghezza delle tappe. E' percorribile in tutte le stagioni, con la primavera come più consigliata: le temperature non sono troppo alte e si può godere dello spettacolo dei meli in fiore. 

Prima di partire, procurarsi la Credenziale, che può essere timbrata nelle chiese lungo il Cammino e consente l'accesso a prezzi convenzionati presso le strutture "Amiche del pellegrino". Per richiederla, scrivere all’APT Val di Non: info@visitvaldinon.it. Sarà inviata gratuitamente a casa.

Credits: APT Val di Sole, APT Val di Non e Associazione Anaune Amici del Cammino di Santiago

> Clicca sulle Tappe qui sotto per info, foto e gpx <

Tappe

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 1
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 1

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 2
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 2

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 3
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 3

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 4
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 4

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 5
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 5

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 6
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 6

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e...

Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 7
Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - Tappa 7

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le sette tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e...

Punti d'interesse

SANTUARIO DELLA MADONNA DI SENALE
SANTUARIO DELLA MADONNA DI SENALE

Il Santuario di Nostra Signora nel Bosco (in tedesco: Unsere Liebe Frau im Walde) è uno dei principali santuari in Alto Adige e si trova a 1508 m. in piena Val Senales. Costruito nel ‘500, l’edificio sorge sul luogo di un’antica chiesa romanica, là dove esisteva una struttura ospitalizia per pellegrini fin dal 1184. Simbolo di questo santuario gotico è l'immagine votiva “Maria con bambino”, una statua romanica che risale al periodo tra il 990 e il 1170. Alla Madonna va la particolare devozione dei tanti pellegrini, che ogni anno vengono a visitare il santuario. Notevoli sono però anche gli altari barocchi intagliati.

ROMENO - MASO SAN BARTOLOMEO
ROMENO - MASO SAN BARTOLOMEO

Documentato sin dal 1213, si tratta di uno dei numerosi luoghi di ospitalità gestito da comunità miste di confratelli e consorelle sorti in Trentino tra la fine del 1200 ed i primi decenni del ‘300. Fu area cimiteriale e santuariale in epoca tardo romana, poi ospitò una curia vescovile e successivamente fu ospizio/ospitale per pellegrini e viaggiatori fino a tutto il XV secolo. Molto preziosa l’attigua chiesetta dedicata a San Bartolomeo, già tempio romanico, che ospita uno dei più importanti cicli di pittura romanica della regione.

SANTUARIO DI SAN ROMEDIO
SANTUARIO DI SAN ROMEDIO

E’ il più interessante esempio di arte cristiana medievale presente in Trentino. Si tratta di un noto luogo di pellegrinaggio dedicato alla figura dell'eremita Romedio di Thaur, costruito su un ripido sperone di roccia calcarea alta oltre 70 metri. Immerso in una splendida cornice naturale, il complesso è formato da più chiese e cappelle costruite a ridosso della parete di roccia nell’arco di circa 1000 anni, tutte collegate fra loro da una ripida scalinata con ben 131 scalini. La cappella più antica dell’edificio risale all’XI secolo, nel corso dei secoli sono state erette altre tre piccole chiese, due cappelle e sette edicole della Passione.

SANZENO - BASILICA SS.MARTIRI ANAUNIENSI
SANZENO - BASILICA SS.MARTIRI ANAUNIENSI

La Basilica dei Santi Martiri Anauniesi Sisinnio, Martirio e Alessandro - detta anche Basilica di Sanzeno - è il luogo principe per la cristianità della Val di Non, antico punto di riferimento storico e religioso. Fu costruita a partire dal 1480 per volere del principe-vescovo di Trento, Giovanni Hinderbach, su un edificio precedente del XIII secolo, nel luogo dove nel 397 d.C furono martirizzati i tre missionari della Cappadocia mandati a convertire la popolazione locale. La Basilica è in stile gotico-rinascimentale e conserva due reliquiari contenenti le ceneri ed alcuni resti del rogo dei Martiri.

LAGO DI SANTA GIUSTINA
LAGO DI SANTA GIUSTINA

Alimentato principalmente dalle acque del torrente Noce, il lago è situato al centro della Val di Non ed è il maggiore bacino artificiale del Trentino per grandezza e volume d'acqua. L'imponente diga di Santa Giustina, alta 152,50 m, venne inaugurata nel 1951 e al tempo era la più alta d'Europa. Prende il nome dall'antico Eremo di Santa Giustina, situato nella forra alla base della diga. Il lago è una meta molto apprezzata dagli amanti delle escursioni nella natura.

VALLE DI RUMO
VALLE DI RUMO

Rumo è il nome dato all’insieme delle 9 frazioni o ville anticamente chiamate “cappelle”: Mione, Corte Inferiore, Placeri, Marcena, Corte Superiore, Scassio, Mocenigo, Cenigo e Lanza. Si tratta di piccoli paesi adagiati su pendii ad un’altitudine intorno ai mille metri, immersi in un ambiente prettamente alpestre e isolato ai piedi delle Maddalene. La valle di Rumo si differenzia nettamente dal resto della Val di Non: il parziale isolamento, infatti, ne ha mantenuto intatto il caratteristico stile architettonico. Si notano diverse testimonianze della passata ricchezza, come gli edifici con imponenti portali, spesso ornati da stemmi ed affreschi, e i capitelli votivi del 1600. In questo territorio gli appassionati della natura trovano diversi modi per divertirsi, dalle escursioni alle gite in bici fino allo sci alpinismo. Marcena è la frazione capoluogo del comune di Rumo, e splendidi sono i suoi palazzi storici, ornati con stemmi signorili e altri ornamenti.

LAUREGNO
LAUREGNO

Circondato da un panorama maestoso sulle catene montuose del Brenta e delle Maddalene, sui ghiacciai della Presanella e sul leggendario Catinaccio, il piccolo paese alpino conserva un fascino antico e mantiene vive le sue tradizioni. Tra foreste secolari e alture verdeggianti, spiccano masi antichissimi che si spargono attorno al centro del paese, dove si trova anche la chiesa parrocchiale di San Vito in stile tardogotico. Lauregno fa parte dei paesi di lingua tedesca dell'Alta Val di Non con Proves, San Felice e Senale.

MALE'
MALE'

E' il centro commerciale e culturale più importante della Val di Sole. I pochi km che distanziano il paese dal Parco Nazionale dello Stelvio e dal Parco Adamello-Brenta, lo rendono una meta frequentata sia d'estate che d'inverno. Offre agli amanti della vacanza attiva la possibilità di passeggiate ed escursioni panoramiche. Il piccolo centro abitato ha diverse attrazioni, tra cui la cinquecentesca Chiesa di Santa Maria Assunta e la Fucina Marinelli, uno dei pochi esempi di fucina idraulica ancora funzionante nell'arco alpino.

CALDES
CALDES

E’ uno dei comuni più ampi della Val di Sole, con un territorio che abbraccia per intero la parte bassa della valle e che è composto da ben sette frazioni: Caldes, Samoclevo, Cassana, San Giacomo, Tozzaga, Bordiana e Bozzana. I punti di forza sono l’agricoltura (famosi i meleti) e il turismo, attratto dalla natura rigogliosa ma anche da alcuni monumenti di importante valore storico, come Castel Caldes, la Rocca di Samoclevo o la parrocchiale di San Giacomo. Il centro storico di Caldes è tra i più suggestivi del Trentino, dominato dal castello e formato da palazzi nobiliari e da case contadine, da campanili e chiese, immersi tra stradine acciottolate, portali e bifore.

VAL DI BRESIMO
VAL DI BRESIMO

Questa suggestiva oasi naturale si trova all’estremità nord-occidentale della Val di Non: è percorsa dal torrente Barnes ed è caratterizzata da vaste distese erbose, variopinti prati fioriti e folte aree boschive di abeti rossi e larici. In un paesaggio dal passato antico, la valle si snoda selvaggia e silenziosa attorno a diversi centri abitati, tra cui Bresimo, da cui prende il nome. Tra le attrattive storiche merita una visita la Basilica di S. Maria dell'Assunta, a Baselga, monumento storico artistico nazionale di origine altomedievale-romanica, in cui si trovano pregevoli affreschi quattro e cinquecenteschi, e il Castello d’Altaguarda (o Altaguardia) sul Monte Pin, a quota 1274 m, recentemente restaurato, fra le costruzioni fortificate più elevate del Trentino. A livello naturalistico non mancano i bei panorami che si possono godere percorrendo i numerosi sentieri che risalgono le Maddalene, meta di appassionati anche d’inverno, per scialpinismo e ciaspole.

CLES
CLES

E’ il centro nevralgico della Val di Non. Il paese si trova a 650 m. di altitudine sulla sponda occidentale del Lago di Santa Giustina, all’imbocco della Val di Sole, in posizione ideale per muoversi tra le bellezze paesaggistiche delle due valli, ad un passo dalle Dolomiti di Brenta, dell’Ortles e della Mendola. Cles è praticamente circondata dai frutteti, che producono le famose mele della Valle di Non. Sulla piazza del paese si affaccia l'antica e monumentale chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, ricostruita in stile gotico-rinascimentale fra il 1512 e il 1522. Bello anche il Palazzo Assessorile, edificio medievale posto tra le due principali piazze pubbliche, Corso Dante e Piazza Granda. Nelle vicinanze del lago, sulla cima di un promontorio, si trova il rinomato Castel Cles, il castello dei Signori del luogo, antico maniero sviluppatosi forse attorno ai resti di una torre di vedetta romana. Inizialmente appartenuta ad una consorteria di tipo comunitario, la fortezza divenne dimora della famiglia attorno all'anno Mille.

TASSULLO - Castel Valer
TASSULLO - Castel Valer

Situato sui terrazzi verdi lungo il fiume Noce ed immerso tra i meleti a sud del Lago di Santa Giustina, Tassullo è un importante centro agricolo della Val di Non. Numerose le chiesette e i palazzi di pregio presenti nel territorio, tra cui l’elegante Castel Valer, la principale attrazione del luogo. Circondato da meleti e in felice posizione panoramica, il castello medievale (fondato nel 1211 dai Conti di Appiano) è ancora oggi ben conservato e può vantare un mastio di ben 40 metri, due cappelle affrescate e decine di sale con arredi d’epoca. Il nucleo più antico si trova nel cosiddetto Castel di Sotto, mentre gli edifici che risalgono al XV secolo nel Castel di Sopra. Il complesso è oggi sede di eventi e struttura alberghiera.

NANNO
NANNO

Situato in posizione strategica, il piccolo paese di Nanno è tra i più antichi insediamenti umani della Val di Non, come testimoniato da importanti ritrovamenti archeologici. Conserva alcune opere di interesse storico, tra cui Castel Nanno, antico fortilizio con quattro torri di guardia e cinta muraria (menzionato per la prima volta nel XII secolo), trasformato in una villa rinascimentale veneto-toscana a fine ‘500, poi restaurato e oggi di proprietà privata. A pochi passi dal castello è possibile visitare la chiesetta dei Santi Fabiano e Sebastiano (con affreschi del ´400) e, nel centro del paese, la caratteristica piazzetta con fontana, dominata dal campanile della chiesa parrocchiale.

TUENNO
TUENNO

E’ uno dei centri più antichi della Val di Non, abitato già in epoca retica. Di antica tradizione rurale, il territorio di Tuenno si estende nella Val di Tovel, all’interno del Parco naturale Adamello Brenta. Poco fuori dal centro storico del paese, dominato dalla chiesa parrocchiale di Sant’Orsola e caratterizzato dalla presenza di antiche abitazioni, si trova l’antica chiesetta romitorio di Sant’Emerenziana, con i suoi affreschi del XIV secolo.

CASTEL LA SANTA
CASTEL LA SANTA

Il complesso monastico agostiniano di Santa Maria Coronata (conosciuto come Castel La Santa) si trova a sud del paese di Cunevo, in posizione dominante su una collina. Un tempo monastero e romitorio dei Cavalieri Teutonici, esso custodiva una cappella del XIII secolo dedicata a S.Maria Maddalena. Il complesso offre un vasto panorama sulla valle.

CASTEL BELASI
CASTEL BELASI

Il complesso feudale sorge isolato su una verde collina lambita dal rio Belasi, poco sotto il paese di Segonzone. Il castello venne eretto intorno al XII secolo con funzioni di controllo ma nel corso della sua storia si è trasformato in residenza signorile di alcune delle più rilevanti famiglie nobiliari della Val di Non. Abbandonato nel secondo dopoguerra, oggi Castel Belasi è proprietà del Comune di Campodenno che sta portando avanti importanti lavori di restauro. Il castello è protetto da un doppia cinta muraria e il palazzo centrale è collegato all’imponente mastio, sulla cui sommità si trovano cinque grandi finestre che mostrano un bel panorama sull’intera bassa Val di Non.

VIGO DI TON - Pieve di Santa Maria Assunta
VIGO DI TON - Pieve di Santa Maria Assunta

Posta all’estremo orientale dello sperone di roccia che ospita il nucleo storico di Vigo e affiancata dal camposanto, l’antica chiesa pievana è menzionata per la prima volta nel 1242 ma fu ricostruita in stile gotico nel corso del XVI secolo ed ampliata successivamente a metà ‘700. Nella sacrestia è presente un ciclo di dipinti del grande artista veneziano Francesco Guardi, che rende la piccola pieve uno dei più importanti monumenti artistici del Trentino.

COREDO
COREDO

Adagiato su un verde altopiano panoramico nel cuore della Val di Non, ai margini di vaste foreste di conifere, il paese ha un'antica tradizione turistica, come dimostrano alcune ville liberty di inizio Novecento. Il pittoresco centro storico si sviluppa attorno alla piazza, su cui si affaccia la neo-rinascimentale Chiesa di Santa Maria Assunta. Sulla via principale si trova anche Casa Marta, pregevole edificio in stile veneziano del XVI secolo. Da vedere anche la piccola chiesa della Madonna Addolorata, con il suo prezioso altare in stile barocco, e Palazzo Nero, costruzione quattrocentesca merlata. Poco distanti dal centro abitato, i due laghi attigui di Coredo e Tavon offrono relax e possibilità di escursioni nel verde.

CASTEL BRAGHER
CASTEL BRAGHER

Si erge imponente e circondato dal bosco sulla strada che da Taio conduce a Tres. Residenza per quattro secoli della potente famiglia dei Thun, che lo rese uno dei castelli più ricchi ed eleganti dell’intera Val di Non, Castel Bragher prende il nome dal primo proprietario, un certo Bragherio di Coredo, che lo ricevette in feudo verso la fine del XIII secolo. Il complesso conserva ancora il muro di cinta merlato e l'antico ponte coperto ligneo presso l'accesso occidentale al maniero. Molto suggestive sono la Torre della Pece e la chiesetta di S.Celestino, che custodisce al suo interno un prezioso ciclo di affreschi. I tetti degli edifici sono tutti ricoperti dalle cosiddette “scandole”, tegole in legno di larice.

CASTEL THUN
CASTEL THUN

Costruito nella metà del XIII secolo, questo imponente edificio medievale fu la sede della potente famiglia dei Tono (Thun), antichi feudatari vescovili che nell’arco di otto secoli ottennero posizioni di primo piano nella scena politica del tempo. Il monumentale fabbricato civile-militare di stile gotico è fra i meglio conservati del Trentino e sorge in cima ad un colle, in posizione panoramica rispetto all'intera Val di Non. E’ circondato da un complesso sistema di fortificazioni, con torri, torrette, mura, bastioni e fossato. Il palazzo baronale, slanciato in verticale, si eleva al centro dei sistema fortificato. All’interno conserva preziosi arredi, una ricca biblioteca, stanze signorili e un’armeria.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - MULTITAPPA. Scrivi tu il primo commento su Il Cammino Jacopeo d’Anaunia - MULTITAPPA

Dati tecnici

Comune di partenza: Sanzeno

Partenza: Sanzeno

Comune di arrivo: Romeno

Arrivo: Santuario di San Romedio

Lunghezza(km.): 149

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Grandi Itinerari

Comuni attraversati

Brez (TN)
Brez (TN)

Comune di montagna di origini medievali con secolari tradizioni agricole. Più della metà dei...