Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - MULTITAPPA

Anche la Val di Non ha il suo Cammino di Santiago: natura, spirito ed arte accompagnati dalle inconfondibili conchiglie gialle

Gli scenari più spettacolari della Val di Sole e della Val di Non si aprono lungo le tappe del Cammino Jacopeo d'Anaunia, in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell’Adamello e dello Stelvio. 

Anaunia è l'antico nome della Val di Non, dove nel corso del Medioevo la devozione per San Giacomo ispirò a moltissimi uomini e donne del Trentino di partire pellegrini per Santiago de Compostela. Il Cammino Jacopeo ripercorre alcune delle tappe affrontate e, col ritmo lento del camminare, porta alla scoperta delle bellezze della valle, dove arte, storia, fede e cultura si intrecciano, incastonate in panorami stupendi. 

L'itinerario in Val di Non scorre su strade di campagna immerse nel silenzio dei boschi e nei meleti, ma penetra anche nei borghi contadini della zona, per vivere un contatto diretto con gli abitanti della valle e le loro tradizioni. Luoghi di eremitaggio e chiese affrescate in cui i pellegrini trovavano ristoro si incontrano lungo il percorso, che oggi è segnalato dalle inconfondibili conchiglie gialle.  

Il Cammino Jacopeo è alla portata di chiunque, purché abbia alle spalle un buon allenamento per via delle lunghezza delle tappe. E' percorribile in tutte le stagioni, con la primavera come più consigliata: le temperature non sono troppo alte e si può godere dello spettacolo dei meli in fiore. 

Prima di partire, procurarsi la Credenziale, che può essere timbrata nelle chiese lungo il Cammino e consente l'accesso a prezzi convenzionati presso le strutture "Amiche del pellegrino". Per richiederla, scrivere all’APT Val di Non: info@visitvaldinon.it. Sarà inviata gratuitamente a casa.

L'itinerario proposto è la versione breve del Cammino, che in 3 tappe compie un anello che inizia e si chiude a Sanzeno e consente di raggiungere il Santuario di San Romedio.

Credits: APT Val di Sole, APT Val di Non e Associazione Anaune Amici del Cammino di Santiago

Tappe

Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 1
Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 1

Gli scenari pi√Ļ spettacolari della Val di Sole e della Val di Non¬†si aprono lungo le¬†tappe del Cammino¬†Jacopeo¬†d'Anaunia,¬†in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell‚ÄôAdamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 2
Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 2

Gli scenari pi√Ļ spettacolari della Val di Sole e della Val di Non¬†si aprono lungo le tappe del Cammino¬†Jacopeo¬†d'Anaunia,¬†in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell‚ÄôAdamello e dello...

Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 3
Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - Tappa 3

Gli scenari pi√Ļ spettacolari della Val di Sole e della Val di Non¬†si aprono lungo le tappe del Cammino¬†Jacopeo¬†d'Anaunia,¬†in quella porzione di Trentino che allungandosi verso ovest si spinge verso le cime dell‚ÄôAdamello e dello...

Punti d'interesse

SANTUARIO DELLA MADONNA DI SENALE
SANTUARIO DELLA MADONNA DI SENALE

Il Santuario di Nostra Signora nel Bosco (in tedesco: Unsere Liebe Frau im Walde) è uno dei principali santuari in Alto Adige e si trova a 1508 m. in piena Val Senales. Costruito nel ‘500, l’edificio sorge sul luogo di un’antica chiesa romanica, là dove esisteva una struttura ospitalizia per pellegrini fin dal 1184. Simbolo di questo santuario gotico è l'immagine votiva “Maria con bambino”, una statua romanica che risale al periodo tra il 990 e il 1170. Alla Madonna va la particolare devozione dei tanti pellegrini, che ogni anno vengono a visitare il santuario. Notevoli sono però anche gli altari barocchi intagliati.

ROMENO - MASO SAN BARTOLOMEO
ROMENO - MASO SAN BARTOLOMEO

Documentato sin dal 1213, si tratta di uno dei numerosi luoghi di ospitalità gestito da comunità miste di confratelli e consorelle sorti in Trentino tra la fine del 1200 ed i primi decenni del ‘300. Fu area cimiteriale e santuariale in epoca tardo romana, poi ospitò una curia vescovile e successivamente fu ospizio/ospitale per pellegrini e viaggiatori fino a tutto il XV secolo. Molto preziosa l’attigua chiesetta dedicata a San Bartolomeo, già tempio romanico, che ospita uno dei più importanti cicli di pittura romanica della regione.

SANTUARIO DI SAN ROMEDIO
SANTUARIO DI SAN ROMEDIO

E’ il più interessante esempio di arte cristiana medievale presente in Trentino. Si tratta di un noto luogo di pellegrinaggio dedicato alla figura dell'eremita Romedio di Thaur, costruito su un ripido sperone di roccia calcarea alta oltre 70 metri. Immerso in una splendida cornice naturale, il complesso è formato da più chiese e cappelle costruite a ridosso della parete di roccia nell’arco di circa 1000 anni, tutte collegate fra loro da una ripida scalinata con ben 131 scalini. La cappella più antica dell’edificio risale all’XI secolo, nel corso dei secoli sono state erette altre tre piccole chiese, due cappelle e sette edicole della Passione.

SANZENO - BASILICA SS.MARTIRI ANAUNIENSI
SANZENO - BASILICA SS.MARTIRI ANAUNIENSI

La Basilica dei Santi Martiri Anauniesi Sisinnio, Martirio e Alessandro - detta anche Basilica di Sanzeno - è il luogo principe per la cristianità della Val di Non, antico punto di riferimento storico e religioso. Fu costruita a partire dal 1480 per volere del principe-vescovo di Trento, Giovanni Hinderbach, su un edificio precedente del XIII secolo, nel luogo dove nel 397 d.C furono martirizzati i tre missionari della Cappadocia mandati a convertire la popolazione locale. La Basilica è in stile gotico-rinascimentale e conserva due reliquiari contenenti le ceneri ed alcuni resti del rogo dei Martiri.

LAGO DI SANTA GIUSTINA
LAGO DI SANTA GIUSTINA

Alimentato principalmente dalle acque del torrente Noce, il lago è situato al centro della Val di Non ed è il maggiore bacino artificiale del Trentino per grandezza e volume d'acqua. L'imponente diga di Santa Giustina, alta 152,50 m, venne inaugurata nel 1951 e al tempo era la più alta d'Europa. Prende il nome dall'antico Eremo di Santa Giustina, situato nella forra alla base della diga. Il lago è una meta molto apprezzata dagli amanti delle escursioni nella natura.

VALLE DI RUMO
VALLE DI RUMO

Rumo è il nome dato all’insieme delle 9 frazioni o ville anticamente chiamate “cappelle”: Mione, Corte Inferiore, Placeri, Marcena, Corte Superiore, Scassio, Mocenigo, Cenigo e Lanza. Si tratta di piccoli paesi adagiati su pendii ad un’altitudine intorno ai mille metri, immersi in un ambiente prettamente alpestre e isolato ai piedi delle Maddalene. La valle di Rumo si differenzia nettamente dal resto della Val di Non: il parziale isolamento, infatti, ne ha mantenuto intatto il caratteristico stile architettonico. Si notano diverse testimonianze della passata ricchezza, come gli edifici con imponenti portali, spesso ornati da stemmi ed affreschi, e i capitelli votivi del 1600. In questo territorio gli appassionati della natura trovano diversi modi per divertirsi, dalle escursioni alle gite in bici fino allo sci alpinismo. Marcena è la frazione capoluogo del comune di Rumo, e splendidi sono i suoi palazzi storici, ornati con stemmi signorili e altri ornamenti.

LAUREGNO
LAUREGNO

Circondato da un panorama maestoso sulle catene montuose del Brenta e delle Maddalene, sui ghiacciai della Presanella e sul leggendario Catinaccio, il piccolo paese alpino conserva un fascino antico e mantiene vive le sue tradizioni. Tra foreste secolari e alture verdeggianti, spiccano masi antichissimi che si spargono attorno al centro del paese, dove si trova anche la chiesa parrocchiale di San Vito in stile tardogotico. Lauregno fa parte dei paesi di lingua tedesca dell'Alta Val di Non con Proves, San Felice e Senale.

CAGNO’ - REVO’ - ROMALLO
CAGNO’ - REVO’ - ROMALLO

I caratteristici centri della cosiddetta “Terza Sponda Anaune” sorgono in posizione rialzata e panoramica sul lago artificiale di Santa Giustina, ai piedi del Monte Ozol, a breve distanza l’uno dall’altro. Sono immersi in verdi distese cinte dalla catena delle Maddalene, scavate dai ghiacciai e modellate dai corsi d’acqua che scendono a valle. Data la felice posizione, sia climatica che strategica, la zona fu abitata fin dal III millennio a.C. e ha un illustre passato, attraversata per secoli da importanti strade, come quella romana detta “dei Regai”.

EREMO DI SAN BIAGIO
EREMO DI SAN BIAGIO

Luogo di silenzio e preghiera alle porte di Romallo, il complesso sorge su un poderoso sperone di roccia, tra aspri burroni. Prima lebbrosario poi ospizio per viandanti, l’eremo è composto da edifici eretti a partire dal XIII secolo, il cui nucleo più antico è costituito da una cappella romanica dedicata alla Beata Vergine Maria. La chiesa propriamente detta, dedicata a San Biagio, è invece d’impianto quattrocentesco, con successive modifiche.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - MULTITAPPA. Scrivi tu il primo commento su Il Cammino Jacopeo d'Anaunia (Versione Breve) - MULTITAPPA

Dati tecnici

Comune di partenza: Sanzeno

Partenza: Sanzeno

Comune di arrivo: Taio

Arrivo: Santuario di San Romedio

Lunghezza(km.): 44

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Long Weekend

Comuni attraversati

Brez (TN)
Brez (TN)

Comune di montagna di origini medievali con secolari tradizioni agricole. Più della metà dei...

Cagnò (TN)
Cagnò (TN)

Piccola comunità di montagna di origine medievale ma con radici antichissime, ha conservato la...