La Rocca della Verruca: escursione sui Monti Pisani

Un piacevole hiking fino alla fortezza che domina la Valle dell'Arno

La Rocca della Verruca fu sede di cruente battaglie tra Fiorentini e Pisani nel corso del Medioevo e sorge sullo sperone roccioso chiamato proprio Monte Verruca, per la curiosa forma con cui si staglia sulla linea dei monti.
Questo itinerario escursionistico ad anello, ricco di bellezze naturali e storiche, porta alla Rocca, dalla quale si può godere di una magnifica vista sulla piana pisana e la Valle dell'Arno.

Si parte dall’abitato di Calci, che stupisce con la sua incredibile Certosa Monumentale, ex monastero certosino situato in Val Graziosa, alle pendici dei Monti Pisani. Da qui si sale dolcemente tra olivi e piccoli orti fino a raggiungere l’abitato di Montemagno, per poi abbandonare le strade di campagna, che cedono il passo a strade forestali. 
Si attraversano fantastiche pinete che portano fino all’imbocco del sentiero per il castello, che si raggiunge con un’ultima breve salita.

Descrizione tecnica:
Il percorso si sviluppa su strade asfaltate di campagna poco trafficate, su piste forestali, strade bianche e sentieri single track. Non ci sono passaggi tecnici, a parte la breve e ripida salita per arrivare al castello e la prima parte del sentiero n.145 che è spesso scivolosa.

Consigli tecnici:
Abbigliamento adatto all'escursionismo

Periodo consigliato:
Tutto l'anno, tranne i mesi di Luglio ed Agosto

Dove parcheggiare:
Alla Certosa Monumentale di Calci

 

Certosa di Calci Montemagno Rocca della Verruca Convento Sant'Agostino di Nicosia

Punti d'interesse

ROCCA DELLA VERRUCA
ROCCA DELLA VERRUCA

Ultimo baluardo difensivo della Repubblica Pisana contro l’espansionismo della Signoria fiorentina, il castello fu costruito in posizione dominante sulla cima dell’omonimo monte, a dominare tutta la pianura del Valdarno inferiore fino alla costa tirrenica. La Rocca fu edificata nel XII secolo su un precedente insediamento, rendendosi inespugnabile come struttura militare attiva fino alla definitiva caduta di Pisa nel 1503. L'aspetto attuale della fortezza è quello che derivò dai lavori di rafforzamento eseguiti dopo questi fatti bellici. La struttura in pietra e laterizi è stata ricostruita e ampliata in vari momenti: ha pianta pentagonale, con solo quattro lati fortificati, e vi si accede dopo aver percorso una ripida scalinata nella roccia. Alcune parti risultano crollate, ma altre sono ancora ben salde. Ci sono anche passaggi segreti e camere sotterranee. Il castello faceva parte di un complesso sistema di difesa sparso sul territorio circostante, costituito da altre rocche e torri.

CONVENTO SANT’AGOSTINO DI NICOSIA
CONVENTO SANT’AGOSTINO DI NICOSIA

Il complesso si trova ai piedi del Monte della Verruca, nella piccola frazione di Nicosia, a pochi km da Calci. Il convento e la chiesa furono edificati fra il 1258 e il 1264 per iniziativa di Ugo da Fagiano, vescovo di Nicosia (Cipro), motivo per cui il toponimo è poi passato ad indicare l’intera zona. L'edificio presenta una semplice struttura ad aula unica, con copertura a capanna e campanile in laterizio. L'interno ha decorazioni a fresco e a tempera del ‘700-‘800. A parte la chiesa e il chiostro, tuttora utilizzati, il resto del complesso monastico versa da decenni in stato di abbandono.

MONTEMAGNO
MONTEMAGNO

E’ un piccolo e caratteristico borgo nei pressi di Calci, situato sulle propaggini meridionali del Monte Serra dei Monti Pisani, in un’estesa area terrazzata e coltivata ad olivi. Celebre per avere dato i natali a papa Eugenio III Paganelli (1145-1153), il paese fu fondato in epoca alto-medievale. Tra i luoghi di maggiore interesse ci sono tre chiese: San Martino, la più antica; Santa Maria della Neve (XI secolo) e l’Oratorio di San Rocco (XVII secolo).

CALCI - La Certosa Monumentale
CALCI - La Certosa Monumentale

Vasto complesso monumentale che sorge a pochi chilometri dalla città di Pisa, in una zona pianeggiante alle pendici dei Monti Pisani. Fondato nel 1366 da una famiglia di certosini, il complesso è stato ampliato tra il XVII e il XVIII secolo e si presenta oggi con forme barocche, inserito in un contesto paesaggistico fortemente suggestivo. Nel 1972 la Certosa, abbandonata dai pochi monaci rimasti, divenne Museo Nazionale, mentre nel 1979 la parte occidentale del complesso fu concessa all’Università di Pisa, che vi fondò il Museo di Storia Naturale, da allora ampliato, arricchito e rinnovato. Presenta un grande cortile interno subito dopo l'ingresso, dedicato alla vita comune dei monaci, mentre oltre gli edifici che circondano il cortile sono disposte le celle, gli orti e gli ambienti più riservati e tranquilli. Al convento si accede da due viali, con un suggestivo percorso pedonale dai quali si gode della vista prospettica della doppia facciata del complesso.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su La Rocca della Verruca: escursione sui Monti Pisani. Scrivi tu il primo commento su La Rocca della Verruca: escursione sui Monti Pisani

Dati tecnici

Comune di partenza: Calci

Partenza: Calci

Comune di arrivo: Calci

Arrivo: Calci

Lunghezza(km.): 9

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 400

Dislivello in discesa (m): 400

Punto più alto (m): 500

Punto più basso (m): 100

Durata (h): 3