L'Anello di Barberino ed il Castello di Tignano

Escursione nelle terre del Chianti, tra valli selvagge e villaggi fortificati

L'Anello di Barberino è un'escursione che dà l'opportunità di scoprire un variegato pezzo di Toscana in una sola giornata: dalle dolci colline vitate ai boschi di quercia lungo il conteso confine tra Firenze e Siena. Si attraversano torrenti, immersi negli scorci di un antico paesaggio mezzadrile e si può ammirare il Castello di Tignano, il piu' antico villaggio fortificato del Chianti. Si risale poi un'inaspettata valle selvaggia nel paese di Barberino, gioiello medievale affusolato sulla strada Romana Regia, antica via di comunicazione e pellegrinaggio tra le due repubbliche di Firenze e Siena, dove concedersi un bicchiere di ottimo vino.

Siamo infatti nella zona di produzione Chianti DOCG, sulle cui colline si aprono ampie viste lungo la prima parte del percorso. La parte centrale, piu' selvaggia e rurale, vede parti boscate alternate a scorci agro-silvo-pastorali. Oltre alla presenza di ungulati (cinghiale e capriolo), si possono avvistare rettili e uccelli rapaci nelle aree aperte.

Descrizione dell'itinerario:
Dal parcheggio, scendete sulla Cassia e proseguite fino a imboccare Via di Novoli a sinistra. Percorsa tutta, quando la strada gira a sinistra, si prosegue dritto nello sterrato e si incontra il primo guado. Se c'e troppa acqua, 20 metri a sinistra c'e' un ponticello. Dopo il guado, si sale leggermente a sinistra per una forestale boscata. Finita la salita, si prosegue sulla sinistra lungo le vigne sulla Strada della Torre.
All'incrocio con il ponte sulla superstrada Firenze-Siena, si volta a sinistra in discesa per Strada della Chiara. Alla fattoria La Torraccia, si attraversa l'incolto e si prosegue lungo il borro fino al secondo guado, per poi risalire a sinistra fino a Tignano. Al Castello del Nero, il percorso procede scendendo sulla sinistra e, dopo il guado, si risale dritti fino alla strada che riporta al punto di partenza.

Consigli tecnici:
Indispensabili scarpe da trekking possibilmente impermeabili, pantaloni lunghi anche in estate. Il percorso non prevede grosse difficolta' tecniche, ma ha tre brevi guadi di torrenti, il secondo leggermente tecnico su roccia scivolosa in caso di abbondante acqua. Importante anche avere buone capacita' di orientamento e lettura mappa/dispositivi gps in quanto non c'e segnaletica. Attenzione alle arnie! Fontanelli d'acqua al parcheggio e a Tignano.

Dove parcheggiare:
Parcheggio di Via U.Foscolo a Barberino, vicino al campo sportivo.

Periodo consigliato:
Tutto l'anno. Ideale primavera e inizio autunno. Fare attenzione al meteo tra autunno e inverno. In caso di abbondanti piogge nei giorni precedenti, il secondo guado potrebbe essere problematico.

Punti d'interesse

BARBERINO VAL D’ELSA
BARBERINO VAL D’ELSA

Il suggestivo borgo toscano fu costruito nel 1200 sulle ceneri dell’antica città medievale di Semifonte, sul tracciato della Strada Regia Romana che collegava Firenze, Siena e Roma. La città è attraversata da una strada principale che collega i due maggiori punti di accesso al centro storico, Porta Senese e Porta Fiorentina. Lungo le vie del borgo si trovano diversi edifici dai bei portoni di legno e dalle pareti in limpida pietra che, secondo le leggende, apparterrebbero alle macerie di Semifonte. Da ammirare il Palazzo Pretorio, con la facciata decorata con i 35 stemmi di importanti famiglie nobili, e la di Chiesa di San Bartolomeo, ricostruita nel 1910 in stile neo-gotico, dalla cui terrazza panoramica si ha una vista bellissima sulle sinuose colline di vigneti e oliveti.

CASTELLO DI TIGNANO
CASTELLO DI TIGNANO

Posto su un colle a 334 metri di altezza, il piccolo Castello di Tignano può essere considerato, grazie alla perfetta conservazione della sua tipica struttura circolare, uno dei migliori esempi esistenti di borgo fortificato medievale d'altura. La fortificazione di Tignano venne eseguita nel XII° secolo, con l'edificazione del castello per mano dei Conti Alberti, anche se le prime notizie certe dell'esistenza di primitive fondamenta risalgono già all'anno 1000. Il castello conserva gran parte dell'originale circuito murario a pianta circolare, costituito dal retro delle abitazioni che danno sulla piazzetta interna, sulla quale si affacciano anche la chiesa di San Romolo, il cassero e Palazzo dei Begliuomini risalente al XIV secolo L'unica porta di accesso al borgo è costituita da una volta ad arco decorata a listelli di laterizio con al centro uno stemma (probabilmente di un capitano di ventura). Il Castello fu costruito allo scopo di creare una linea difensiva tra Firenze e Siena, le due principali antagoniste della Toscana dell’epoca.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su L'Anello di Barberino ed il Castello di Tignano. Scrivi tu il primo commento su L'Anello di Barberino ed il Castello di Tignano

Dati tecnici

Comune di partenza: Barberino Val d'Elsa

Partenza: Barberino Val d'Elsa

Comune di arrivo: Barberino Val d'Elsa

Arrivo: Barberino Val d'Elsa

Lunghezza(km.): 13

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 490

Dislivello in discesa (m): 490

Punto più alto (m): 381

Punto più basso (m): 203

Durata (h): 4