Lungo la Romea Vicetia Strata: da Barbarano Vicentino a Montagnana

Nelle terre del Palladio, circondati dai colli e da belle città medievali

La Romea Strata è un'antica via di Pellegrinaggio percorsa nei secoli da fedeli desiderosi di arrivare a Roma per poi proseguire verso Gerusalemme.

Qui vi proponiamo il tratto di percorso pianeggiante (22 km) che da Barbarano Vicentino si sposta verso il sud di Vicenza, arrivando nei pressi di Montagnana, una delle più belle città murate del Veneto.

Lungo il tragitto si incontrano due splendide opere architettoniche cinquecentesche: il municipio in stile palladiano di Noventa Vicentina e Villa Pojana, opera di Andrea Palladio e ora tutelata dall'UNESCO.
Il paesaggio tipicamente agrario è caratterizzato dai Colli Berici da un lato e dai Colli Euganei di origine vulcanica dall'altro.

Descrizione tecnica:
Lungo il percorso è opportuno fare attenzione perché si cammina su strade provinciali e regionali con presenza di veicoli. Il fondo non è mai impegnativo ed è per lo più in asfalto.

Consigli tecnici:
Le scarpe da usare devono permettere di camminare senza difficoltà su asfalto. Si attraversano molti centri abitati e si trova acqua facilmente.

Dove parcheggiare:
Lungo tutto il percorso è possibile trovare fermate dei bus che vanno a Vicenza o a Padova.

Periodo consigliato:
Primavera, autunno, inverno. E' sconsigliata l'estate perché l'itinerario è sotto il sole e durante i mesi di Luglio e Agosto le temperature o il clima rendono il percorso molto impegnativo.

Punti d'interesse

VILLA POJANA
VILLA POJANA

Progettato da Andrea Palladio nel 1549 per la famiglia Pojana, nobili signori del luogo, l’edificio è stato decretato Patrimonio UNESCO nel 1996 insieme alle altre suggestive ville dell’architetto veneto. Sorge all’interno di una corte quattrocentesca, fiancheggiata da giardini, e presenta una stile sobrio ed elegante che testimonia la committenza di origine militare. Il fulcro della villa è la grande sala rettangolare centrale con volte a botte, ai cui lati si aprono sale minori disposte in maniera simmetrica. Non ci sono particolari decorativi all’esterno, dove si evidenzia un’architettura armonica e misurata. All’interno ci sono affreschi e decorazioni importanti, soprattutto nel Salone dell’imperatore.

NOVENTA VICENTINA - Duomo
NOVENTA VICENTINA - Duomo

Sorto fra il 1640 e il 1650 in luogo di una precedente cappella gotica - poi ampliato e modificato a fine ‘800 - il Duomo di Noventa Vicentina è dedicato ai SS.Vito, Modesto e Crescenzia. Svetta nella piazza centrale del paese, con la sua facciata marmorea e il suo bel portale. All’interno ha una sola navata, con sei altari laterali e tre grandiosi absidi che incorniciano il presbiterio. Conserva alcune opere di rilievo, come una pala di Giambattista Tiepolo che raffigura i SS. Rocco e Sebastiano, considerato uno dei lavori più pregevoli dell’artista veneziano. Sul retro della chiesa si trova un sacello neogotico, realizzato durante la seconda metà del XIX secolo a scongiurare il pericolo colera.

MONTAGNANA
MONTAGNANA

Annoverata tra i “Borghi più belli d’Italia”, Montagnana è una suggestiva città fortificata ricca di bellezze architettoniche. La sua antica cinta muraria, intervallata da torri esagonali, costituisce uno degli esempi più insigni e meglio conservati di architettura militare medievale in Europa, voluta dai Carraresi - signori di Padova - per ampliare e rafforzare un luogo strategico nella lotta con gli Scaligeri di Verona. La città ha un tessuto urbano fatto di vie e di edifici sorti principalmente in epoca rinascimentale. Tra i monumenti più importanti c’è il Duomo, dalle imponenti forme tardo-gotiche, affacciato sulla piazza principale insieme all'elegante Palazzo Valeri e all'antico Monte di Pietà. Poi, diversi palazzi nobiliari, Villa Pisani (capolavoro del Palladio) e Rocca degli Alberi (1360), imponente e pittoresco complesso militare, un tempo circondato d’acqua e accessibile solo attraverso ponti levatoi, saracinesche e portoni. Di notevole interesse è anche il Castello di San Zeno, la cui odierna costruzione risale per buona parte al XIII secolo. L’edificio principale è rettangolare, con un cortile interno protetto da due torri di vedetta e dal mastio alto 38 metri che domina il nucleo urbano. Attualmente al suo interno sono ospitati il Museo Civico "Antonio Giacomelli", la biblioteca civica e il Centro Studi sui Castelli.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Lungo la Romea Vicetia Strata: da Barbarano Vicentino a Montagnana. Scrivi tu il primo commento su Lungo la Romea Vicetia Strata: da Barbarano Vicentino a Montagnana

Dati tecnici

Comune di partenza: Poiana Maggiore

Partenza: San Pancrazio

Comune di arrivo: Montagnana

Arrivo: Borgo Frassine

Lunghezza(km.): 22

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Giornata intera

Dislivello in salita (m): 18

Dislivello in discesa (m): 46

Punto più alto (m): 22

Punto più basso (m): 0

Durata (h): 5

Link Utili

www.romeastrata.it

Comuni attraversati

Poiana Maggiore (VI)
Poiana Maggiore (VI)

Centro di pianura, di origine medievale, che basa la sua economia prevalentemente sulle attività...

Roveredo di Guà (VR)
Roveredo di Guà (VR)

Comune di pianura, di antiche origini, che accanto alle tradizionali attività agricole ha...

Montagnana (PD)
Montagnana (PD)

Fra le città murate del Veneto, Montagnana è quella che meglio ha saputo conservare la sua cinta...