Tra le contrade della Lessinia

Suggestivo trekking nella storia rurale delle Prealpi veronesi, tra malghe e antiche contrade

Il percorso trekking si snoda parzialmente all'interno del Parco Naturale Regionale della Lessinia nel quale ha trovato ospitalità da qualche anno anche il lupo, grande predatore che finalmente è tornato dopo oltre 90 anni.

L'ambiente è tipicamente montano con boschi di faggio e abete che si alternano ad ampi ed erbosi pascoli. Si percorrono strade e stradelle che un tempo mettevano in comunicazione le molte famiglie che abitavano, nella bella stagione, questa parte della Lessinia.

In inverno il percorso è adatto a chi ama le escursioni con le ciaspole ai piedi.

Descrizione tecnica:
Il percorso non prevede passaggi tecnicamente impegnativi. La difficoltà può essere considerata “EE” con fondo non sconnesso e su sentieri sempre ottimamente tracciati (stradelle e strade bianche). Non è presente numerazione CAI.
In caso di neve e di uscita con le ciaspole le condizioni possono risultare più faticose nella parte nel bosco perché può esserci ghiaccio.

La zona di Malga Vigna è altamente panoramica e si presta ad una sosta. L’intero percorso è adatto a escursionisti mediamente preparati.

Consigli tecnici:
Non è necessaria una particolare preparazione fisica. Consigliamo buone calzature.
Un'escursione su questo percorso non richiede attrezzatura particolare, solamente una buona scorta di liquidi se lo si percorre in estate, in quanto si trovano fonti di acqua potabile. In località Grietz c'è un ristorante/bar dove è possibile fornirsi di cibo e bevande.

Dove parcheggiare:
Ampio parcheggio in località Grietz, a circa 5 km dal paese di Bosco Chiesanuova.

Navette e collegamenti:
La località Grietz non è collegata con mezzi pubblici a Bosco Chiesanuova.
Da Verona partono bus ogni giorno verso Bosco Chiesanuova.

Periodo consigliato:
Tutto l'anno (ciaspole in inverno)

Punti d'interesse

MALGA VIGNA
MALGA VIGNA

E’ un tipico esempio di architettura vernacolare e conserva tutti i tratti originari di quelli che un tempo erano gli edifici che ospitavano le "compagnie delle malghe". Un vecchio ed enorme faggio, chiamato "il grande vecchio", testimone vivente dello scorrere del tempo, è ancora presente poco distante dal caseggiato principale della malga.

CONTRADA TINAZZO
CONTRADA TINAZZO

E’ una delle tante antiche contrade di questa parte della Lessinia, un luogo storico perché uno dei pochi che ha una sorgente di acqua con portata costante. Questa caratteristica, in passato, ha reso gli abitanti della contrada piuttosto agiati e le generazioni che si sono susseguite in questo nucleo hanno visto aumentare il loro potere economico per oltre duecento anni. Leopoldo Tinazzi nell'Ottocento era considerato uno degli uomini più ricchi e potenti di tutto il veronese. Si pensi che, cosa anomala per quei tempi, egli andava una volta al mese a Milano a teatro e allo stesso tempo aveva investito molte del suo capitale nella costruzione di infrastrutture e stalle con architettura di pregio, che ancora oggi si possono visitare.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Tra le contrade della Lessinia. Scrivi tu il primo commento su Tra le contrade della Lessinia

Dati tecnici

Comune di partenza: Bosco Chiesanuova

Partenza: Grietz

Comune di arrivo: Bosco Chiesanuova

Arrivo: Grietz

Lunghezza(km.): 6

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 100

Dislivello in discesa (m): 100

Punto più alto (m): 1450

Punto più basso (m): 1350

Durata (h): 2

Comuni attraversati

Bosco Chiesanuova (VR)
Bosco Chiesanuova (VR)

Comune di montagna, di origine antica, la cui economia si fonda sulla positiva coesistenza di...