Trail del Monte Tifata

Alla scoperta dei luoghi del Risorgimento Italiano, lungo il percorso del Trail del Monte Tifata

Scoprire i paesaggi campani del Risorgimento Italiano, camminare sulle tracce di Annibale, nei luoghi della 2° Guerra Punica. A due passi da Capua.

A sud del fiume Volturno, corso d’acqua che bagna Capua e sbocca in mare tra Napoli e Gaeta, si ebbero, dal 26 Settembre ed il 2 Ottobre 1860, scontri armati tra i garibaldini e le truppe borboniche. La Battaglia del Volturno è considerata l’ultima battaglia campale del Risorgimento prima della proclamazione del Regno d’Italia. Sant’Angelo in Formis, località in cui fu ospitato Giuseppe Garibaldi, ebbe un ruolo strategico e decisivo per la battaglia che ebbe luogo nei pressi del fiume Volturno.

Non fu solo durante il Risorgimento Italiano che questo territorio entrò nel grande corso della storia. Annibale, infatti, vi si accampò nel 215 a.C., nel corso della sua traversata, e sempre qui il dittatore romano Lucio Cornelio Silla sconfisse il console Gaio Norbano e i partigiani di Caio Mario.

Questo itinerario è realizzato sul tracciato del 5° Trail del Monte Tifata (2° tappa del Circuito Trail delle Contrade) che, tramite una salita aspra e selvaggia, conduce a località dall'essenza fiabesca, come sull'anticima del Monte San Nicola, dove si possono ammirare i ruderi dell'Eremo di Sant'Offa.
Il percorso raggiunge la croce sulla sommità del Monte Tifata, straordinario punto panoramico con vista sulla piana casertana e, nelle giornate più limpide, persino sul Mar Tirreno e le sue isole.

Per maggiori informazioni sull'evento, consultare il regolamento.

Punti d'interesse

SANT’ANGELO IN FORMIS
SANT’ANGELO IN FORMIS

Sorge alle falde del Monte Tifata, nel comune di Capua. Il paese è conosciuta soprattutto per la sua famosa Basilica benedettina in stile bizantino, dedicata a San Michele Arcangelo, che sorge nella parte più antica del borgo e dal cui piazzale a terrazza si ha una bellissima vista panoramica su Capua. Con i suoi sentieri naturali e la flora tipica della macchia mediterranea, il borgo ospita anche il Cimitero Garibaldino ed è collegata con l’abitato di Triflisco dal Ponte Annibale, che sorge sul luogo dove si trovava l’antico ponte (poi distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale) costruito e utilizzato dall'esercito cartaginese per attraversare il fiume durante la 2° Guerra Punica e conquistare così Capua (216 a.C.). Pare che i ruderi siano ancora visibili nelle acque del Volturno.

MONTE TIFATA
MONTE TIFATA

Alto 602 m., il rilievo appartiene all'Appennino campano ed è situato sul confine nord della pianura campana in provincia di Caserta. Prende il nome dai lecci presenti sulle pendici: tifata nell'antica lingua del luogo (quella degli Osci) significa infatti "leccio". Il monte è parzialmente brullo, con una copertura boschiva limitata al solo versante settentrionale, privo di corsi d'acqua o sorgenti. Il suo versante sud occidentale conserva molti evidenti resti della presenza romana, che ne occupò le pendici e la sommità con ville agricole, acquedotti, postazioni di difesa e monumenti funerari. Le falesie esposte a sud sono inoltre uno dei luoghi preferiti dagli arrampicatori campani. Poco sotto la vetta del monte, sull’anticima del Monte San Nicola, ci sono i ruderi dell’Eremo di Sant'Offa, di cui rimangono solo le pareti della chiesetta e delle cisterne.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Trail del Monte Tifata. Scrivi tu il primo commento su Trail del Monte Tifata

Dati tecnici

Comune di partenza: Capua

Partenza: Sant'Angelo in Formis

Comune di arrivo: Capua

Arrivo: Sant'Angelo in Formis

Lunghezza(km.): 17

Difficoltà: Escursionistico

Disciplina: Escursione

Tipologia itinerario: Giornata intera

Dislivello in salita (m): 956

Dislivello in discesa (m): 956

Punto più alto (m): 612

Punto più basso (m): 94

Durata (h): 6

Link Utili

www.azpodismo.it/gare/formis280118.pdf