Trekking del Parco dello Stelvio - Tappa #4

Trekking d'alta quota in 6 tappe nel gruppo Ortles-Cevedale: dal Rifugio Martello al Rifugio Cevedale "G. Larcher"

Siamo nell'affascinante cornice del Parco Nazionale dello Stelvio, per un viaggio in sei tappe tra il Trentino e l'Alto Adige, in un susseguirsi di vallate e di paesaggi alpini alla scoperta della Val di Rabbi, della Val di Peio e della Val Martello.

Il percorso in trekking si snoda tra ambienti naturali sempre vari: dai prati fioriti di fondovalle ai pascoli delle malghe, tra i torrenti e le spumeggianti cascate, salendo in alto fino alle vedrette nivali e ai laghi alla base dei ghiacciai.
Ogni tappa si conclude presso un rifugio nel gruppo Ortles-Cevedale.

Consigli tecnici:
Trekking alpinistico solo per escursionisti esperti, dotati di casco, imbrago, ramponi e piccozza. Abbigliamento impermeabile, leggero e caldo, su più strati, scarponi da trekking (evitare le scarpe da ginnastica), guanti, berretto, abbigliamento minimo di ricambio, zaino e borraccia, crema e occhiali da sole, sacco lenzuolo personale.

Periodo consigliato:
Da Giugno a Settembre

Credits: Apt Valli di Sole, Peio e Rabbi

4° TAPPARifugio Martello - Rifugio Cevedale "G. Larcher" (5,4 km)

Partendo dal Rifugio Martello (Marteller Hütte) a 2.610 m., con una meravigliosa vista sul Monte Cevedale (3.757 m) che svetta tra gli ultimi larici, in circa mezz'ora si raggiunge l'inizio della Vedretta della Forcola, seguendo il sentiero SAT 103.
Conviene iniziare la salita circa 100 metri a destra (nord-ovest) della lunga morena che ricopre il ghiacciaio finché spiana subito sotto il Passo della Forcola. Quindi si percorre il ghiacciaio fino a quando termina contro il pendio, che si risale impostando un lungo traverso da destra verso sinistra fino ad arrivare al Passo (segnalato con pali di legno).
Si consiglia la percorrenza in condizioni di buona visibilità e l'utilizzo di corda e ramponi. Sulla Vedretta della Forcola, appena sotto l'omonimo passo, ci possono essere alcuni crepacci con andamento ortogonale rispetto alla traccia di salita.

Dal Passo della Forcola, con un buon sentiero, ripido solo nel tratto iniziale, si scende in Val de la Mare con una bella vista su enormi morene, rocce lisciate dal passaggio dei ghiacciai e qualche branco di camosci. Gli aspetti glaciologici e geomorfologici sono tra i più evidenti e interessanti di tutto il Gruppo Ortles-Cevedale.

Sempre seguendo il sentiero SAT 103 si raggiuge infine il Rifugio Cevedale "G. Larcher" (2.608 m).

Vai alla tappa precedente #3
Vai alla tappa successiva #5

@ph. Guide Alpine Val di Sole @ph. Guide Alpine Val di Sole @ph. Guide Alpine Val di Sole Rifugio Cevedale Larcher @ph. Guide Alpine Val di Sole

Punti d'interesse

ALTA VAL DE LA MARE
ALTA VAL DE LA MARE

Offre uno dei paesaggi più suggestivi del Parco Nazionale dello Stelvio. Si tratta di una vallata che testimonia con chiarezza il modellamento avvenuto ad opera dei ghiacciai: il territorio è infatti caratterizzato da morene, depositi e rocce montonate, ma anche da laghetti alpini (Marmotta, Lungo, Nero) che hanno riempito antiche conche glaciali. Il paesaggio è quello tipico di alta montagna, con la sua caratteristica flora e fauna.

PASSO DELLA FORCOLA
PASSO DELLA FORCOLA

Valico panoramico posto a quota 3032 metri, da cui si apre una bella vista su Val Martello, sul Gran Zebrù e l'Ortles. E’ un naturale punto di passaggio per diverse escursioni in zona, soprattutto come base di partenza per l’ascesa ai 3757 metri della Zufallspitze, l’anticima del vicino Monte Cevedale.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Trekking del Parco dello Stelvio - Tappa #4. Scrivi tu il primo commento su Trekking del Parco dello Stelvio - Tappa #4

Dati tecnici

Comune di partenza: Rabbi

Partenza: Rifugio Martello

Comune di arrivo: Peio

Arrivo: Rifugio Cevedale G. Larcher

Lunghezza(km.): 5

Difficoltà: Escursionisti Esperti con Attrezzatura

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 491

Dislivello in discesa (m): 479

Punto più alto (m): 3013

Punto più basso (m): 2559

Durata (h): 3