Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56" - MULTITAPPA

Un'escursione di 4 giorni nel Parco del Pollino più selvaggio, immersi tra rocciose timpe e le Gole del Raganello

Questo suggestivo trekking ad anello attraversa una parte del Parco Nazionale del Pollino lungo il Parallelo 39°56’, con partenza e ritorno dal paese di San Lorenzo Bellizzi.

La sua prima esplorazione risale al maggio 2018, quando un gruppo di spensierati veronesi si rivolse alla Guida Ufficiale del Parco, Luca D’Alba, per vedere i pini loricati e le Gole del Raganello, in un unico lungo percorso che prevedesse bivacchi in tenda e sacco a pelo.

Il percorso è lungo 46 km, suddiviso in 4 tappe giornaliere, e attraversa alcune delle aree naturali più caratteristiche del Parco, tra timpe, gole, faggete e pini loricati. La varietà di fauna e vegetazione ed i panorami mozzafiato rendono questo itinerario davvero unico: un’autentica esperienza di montagna da vivere in ogni stagione.

Descrizione tecnica:
Le tappe sono calibrate in modo da favorire un graduale approccio ai dislivelli e consentire il raggiungimento dei mezzi di supporto per il trasporto di viveri e zaini pesanti, così che i trekkers possano viaggiare con zaini leggeri. Per questo tipo di trekking è comunque richiesta una certa esperienza.

Consigli tecnici
Meglio programmare una navetta di supporto per il trasporto di viveri, tende e sacchi a pelo, in modo da godersi a pieno e senza pesi eccessivi l'escursione.

Dove parcheggiare
Presso il parcheggio della Casa Parco, nel rione Sgrotto di San Lorenzo Bellizzi, cento metri prima dell'imbocco del sentiero della Montagnella.

Periodo consigliato:
Il periodo migliore per affrontare questo tour è la primavera o l’autunno. D’estate bisogna far attenzione al caldo torrido, partendo preferibilmente la mattina presto (soprattutto per le tappe a quota più bassa). D’inverno la presenza di neve e ghiaccio richiede l’uso di attrezzatura tecnica, come piccozze e ramponi.

Tappe

Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 1
Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 1

Questo suggestivo trekking ad anello attraversa una parte del Parco Nazionale del Pollino lungo il Parallelo 39°56’, con partenza e arrivo dal paese di San Lorenzo Bellizzi. La sua prima esplorazione risale al maggio 2018, quando un gruppo di...

Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 2
Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 2

Questo suggestivo trekking ad anello attraversa una parte del Parco Nazionale del Pollino lungo il Parallelo 39°56’, con partenza e arrivo dal paese di San Lorenzo Bellizzi. La sua prima esplorazione risale al maggio 2018, quando un...

Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 3
Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 3

Questo suggestivo trekking ad anello attraversa una parte del Parco Nazionale del Pollino lungo il Parallelo 39°56’, con partenza e arrivo dal paese di San Lorenzo Bellizzi. La sua prima esplorazione risale al maggio 2018, quando un...

Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 4
Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56." - Tappa 4

Questo suggestivo trekking ad anello attraversa una parte del Parco Nazionale del Pollino lungo il Parallelo 39°56’, con partenza e arrivo dal paese di San Lorenzo Bellizzi. La sua prima esplorazione risale al maggio 2018, quando un...

Punti d'interesse

MONTE SPARVIERE
MONTE SPARVIERE

Con i suoi 1713 metri è il rilievo più alto della catena orientale del massiccio del Pollino, situato all’esatto confine tra Calabria e Basilicata. E’ la vetta principale del gruppo dei Monti Previtera, di cui fa parte anche il Timpone Bardisce (1.679 m), e deve il suo nome all’omonimo rapace che qui nidifica. La pendice calabrese domina il vallone Lupara, in cui si trova una fitta vegetazione di aceri, ontani e querce; la pendice lucana è invece caratterizzata dalla presenza di numerosi boschi, come la valle Nera e l'imponente bosco di Lagoforano. Dalla sommità si ha un bel panorama sul paesaggio circostante, caratterizzato da timpe e pianori verdeggianti. In giornate limpide lo sguardo spazia dal Mar Ionio alla Sila.

SAN LORENZO BELLIZZI
SAN LORENZO BELLIZZI

Questo piccolo paese al confine tra Calabria e Basilicata è immerso nella natura suggestiva del Parco Nazionale del Pollino: da qui si possono fare escursioni nella Riserva naturale Gole di Raganello o raggiungere le timpe di San Lorenzo Cassano e della Falconara, a stretto contatto con una ricca flora e fauna selvatica. Il paese, che presenta ancora molti caratteri originari dell’antico centro rurale, conserva anche alcuni monumenti di interesse storico, come il campanile a forma di torre in pietra e l’ottocentesca Cappella della Madonna del Carmine.

TIMPA FALCONARA
TIMPA FALCONARA

Chiamata anche semplicemente La Falconara, questo sperone di roccia a forma piramidale si staglia al confine tra Calabria e Basilicata, poco sopra le alture del territorio di San Lorenzo Bellizzi. Presenta strati rocciosi inclinati e tagliati dalle faglie che la rendono distinguibile da qualunque prospettiva la si osservi. Le sue pareti verticali la rendono una meta privilegiata per gli amanti dell’arrampicata. La cima è posta a 1.656 mt. e tutto intorno si estendono valli coltivate, foreste e masserie.

SERRA DELLE CIAVOLE
SERRA DELLE CIAVOLE

E’ una delle principali cime del Massiccio del Pollino (2.127 m.) e tra le più belle montagne dell’intera Calabria. Prende il nome dalla taccola, un corvide che nel dialetto locale è detto appunto ciavola. Situata a nord della Serra Dolcedorme, in posizione dominante, sulla sua cresta rocciosa si possono ammirare dei longevi esemplari di pini loricati, mentre ai suoi piedi si estende il Bosco della Fagosa, la faggeta più estesa del Parco Nazionale del Pollino. In estate i suoi piani diventano pascoli per mandrie di cavalli e vacche, in inverno sono invece ricoperti dalla neve.

GOLE DEL RAGANELLO
GOLE DEL RAGANELLO

Sono un sito di grandissimo interesse naturalistico ed escursionistico: un canyon lungo in totale circa 17 km, che parte dalla sorgente della Lamia e arriva nel comune di Civita, dove sorge il caratteristico Ponte del Diavolo. L’area è Riserva naturale protetta dal 1987 ed occupa una superficie di 1.600 ettari all'interno del Parco Nazionale del Pollino. Le Gole sono meta molto frequentata dai turisti e dagli escursionisti, attratti dalle bellezze naturalistiche del luogo, ma anche dagli amanti del rafting che scendono lungo le rapide del torrente Raganello. Il canyon è diviso in due zone: le gole alte (o Gole di Barile) che dalla sorgente della Lamia arrivano dopo 9 km nei pressi di San Lorenzo Bellizzi, tra le pareti rocciose delle Timpe di Porace-Cassano e di San Lorenzo; le gole basse che portano a Civita in 8 km, più ricche d’acqua ed impervie da attraversare.

SCALA DI BARILE
SCALA DI BARILE

E’ uno dei punti più caratteristici delle Gole Alte del Raganello, conosciute anche come Gole di Barile: una gradinata scavata nella roccia dove la Timpa di Cassano e la Timpa di San Lorenzo sembrano scontarsi l’una contro l’altra, nel loro impressionante avvicendarsi in una profonda spaccatura, il canyon del Raganello. Si raggiunge il letto del torrente, in uno scenario naturale fatto di cascate, tunnel scavati nella roccia, scivoli e pareti per l’arrampicata.

TIMPA DI PORACE
TIMPA DI PORACE

E’ una delle cime del Pollino orientale che si affacciano sulle Gole Alte del Raganello. Raggiunge una quota di 1423 metri, separata dalla vicina Timpa di Cassano da una piccola sella. E’ un sito di interesse comunitario, ricoperto da una vegetazione rada, specie in vetta, e ricco di fauna tipica dell’area del Pollino. Per la sua conformazione rocciosa, questa montagna si presta alla pratica dell'alpinismo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56" - MULTITAPPA. Scrivi tu il primo commento su Trekking nel Pollino "Parallelo 39.56" - MULTITAPPA

Dati tecnici

Comune di partenza: San Lorenzo Bellizzi

Partenza: Rione Sgrotto

Comune di arrivo: San Lorenzo Bellizzi

Arrivo: Rione Sgrotto

Lunghezza(km.): 47

Disciplina: Trekking

Tipologia itinerario: Mezza giornata