• Idee di viaggio

VAL PUSTERIA, UN EDEN PER CHI AMA VIAGGIARE SULLE DUE RUOTE

redazione

VAL PUSTERIA, UN EDEN PER CHI AMA VIAGGIARE SULLE DUE RUOTE
PEDALANDO NELLA NATURA

Tra l’Alto Adige e il Tirolo Orientale di estende un territorio che rappresenta un vero e proprio paradiso per gli appassionati delle due ruote a pedali. Si tratta della Val Pusteria, che regala a chi la vuole attraversare una natura straordinaria e paesini caratterizzati da fortificazioni e castelli.

La Val Pusteria si snoda per circa 100 km, lungo i quali si trovano parchi naturali, fiumi, vedute mozzafiato.
Ecco allora due proposte per andare in bici alla scoperta di questo territorio.

LA CICLABILE DELLA DRAVA

Si tratta di un gioiello da vivere appieno e a ritmo lento, per non perdere nulla di quanto scorre sotto le ruote e davanti agli occhi.

Seguendo il corso del fiume Drava, si pedala per 48 km da Dobbiaco a Lienz, attraversando il confine italo-austriaco e percorrendo strade adatte anche a chi viaggia con bambini al seguito.

In realtà il tracciato completo della Ciclabile si estende per ben 366 km: parte infatti dalla Val Pusteria e raggiunge Maribor, in Slovenia. L’itinerario qui proposto rappresenta la parte iniziale, si snoda sempre in leggera discesa ed è molto ben segnalato.

Tra le località attraversate vi sono Dobbiaco - la “porta delle Dolomiti”, nel Parco Naturale Dolomiti di Sesto - e luoghi naturali come la Gola della Galizia, impressionante sito naturale da cui sentieri e ponticelli regalano una vista straordinaria sulle cascate. E poi il paesino di Heinfels col suo castello e la Collegiata di San Candido, il più importante monumento romanico del Tirolo e delle Alpi Orientali, con straordinarie opere d’arte e un importante ciclo di affreschi.

Il percorso si conclude a Lienz, capoluogo del Tirolo Orientale e nota meta turistica. Da qui partono itinerari alla scoperta del Parco Nazionale Alti Tauri o del Parco Faunistico Assling.

PEDALANDO NELLA NATURA
LA CICLABILE DELLA VAL PUSTERIA

La Pusterbike è tra le piste ciclabili più suggestive del Belpaese: parte da San Candido e, seguendo il corso del fiume Rienza, raggiunge Fortezza, nei dintorni di Bressanone. In più o meno quattro ore, è possibile percorrere i suoi 71 km attraversando siti interessanti come Brunico, Villabassa e il Lago di Valdaora.

Questo percorso si fa apprezzare in ogni stagione dell’anno, tra la maestosità delle Dolomiti e l’imponenza dei castelli. È inoltre collegato ad un’ampia rete di ciclabili (come la Ciclabile della Drava) ed è percorribile anche dalle famiglie con i bambini. L’unico tratto in leggera salita è quello iniziale: 5 km da San Candido a Dobbiaco, il punto più alto della Val Pusteria.

Superata la ferrovia, si entra in un bosco d’abeti e si pedala fra i verdissimi prati altoatesini, prima di raggiungere Villabassa, culla del turismo della Val Pusteria e amata soprattutto da chi è in cerca di relax e di benessere.

Il grande parco del Kupkark ospita un esclusivo centro per l’idroterapia Kneipp, mentre il campanile a forma di cipolla della chiesa tardo-barocca di Santo Stefano è il simbolo del paese. Lasciando Villabassa, si costeggia Monguelfo e si raggiunge il Lago di Valdaora, suggestivo specchio d’acqua artificiale costruito nel 1958 per sfruttare le acque del fiume Rienza per produrre energia elettrica.

Da qui si continua verso Brunico, famoso per il suo castello (Kühbergl), costruito su di una collina. Voluto nel 1251 dal principe vescovo di Bressanone, Bruno von Kirchberg, si può raggiungere con una piacevole passeggiata. In una sua ala, dal 2011 trova spazio il Messner Mountain Museum.

Da Brunico si procede poi verso Casteldarne e, attraverso piccoli borghi e grandi paesaggi, verso Rio Pusteria.

Gli ultimi 10 km conducono a Fortezza, il più grande complesso storico dell’Alto Adige. A 750 metri d’altezza, il forte asburgico fu costruito per volere dell’Imperatore d’Austria Francesco I, per poter fermare qualsiasi esercito nemico. In realtà non fu mai attaccato: deposito militare fino al 1991, dal 2005 viene utilizzato per eventi sociali, culturali e per mostre.

LA CICLABILE DELLA VAL PUSTERIA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAGS

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su VAL PUSTERIA, UN EDEN PER CHI AMA VIAGGIARE SULLE DUE RUOTE. Scrivi tu il primo commento su VAL PUSTERIA, UN EDEN PER CHI AMA VIAGGIARE SULLE DUE RUOTE

VACANZATTIVA PORTAL