Asiago e la Grande Guerra: ripercorrendo la storia

La storia ha lasciato segni evidenti tra queste montagne dell'altipiano di Asiago. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi Cimbri di provenienza nordica. La lingua cimbra, ormai in disuso, è presente ancora nei nomi dei luoghi e nei soprannomi di molte famiglie. Riti e usanze millenarie, assieme alle antiche leggende di gnomi, fate e altre creature dei boschi, affascinano i visitatori dei Sette Comuni.
La Grande Guerra, che ha devastato i paesi e i panorami di Asiago, è una dolorosa esperienza ormai lontana, ma ancora perfettamente tangibile attraverso i resti di migliaia di trincee e fortificazioni e le testimonianze raccolte nei musei. I siti archeologici contribuiscono ad aggiungere ulteriore fascino alla scoperta di questa terra unica.

Descrizione tecnica:
Il percorso è di 35 Km di media difficoltà e si dirama attraverso i siti storici della Grande Guerra dell’Altopiano. Da Asiago ci si dirige verso le trincee del Monte Lemerle, passando per Canove di Roana, il Cimitero militare Boscon e l’omonimo Rifugio. Si continua sulla Strada delle Malghe (Caltrano) fino al bivio con il Monte Corno e al Cimitero militare Inglese Granezza. Quindi si ridiscende verso Asiago, passando per Chiesetta di San Sisto e l’Ossario militare Leiten.  

Punti d'interesse

PALAZZO MUNICIPALE DI ASIAGO
PALAZZO MUNICIPALE DI ASIAGO

Il Municipio di Asiago, già sede della Spettabile Reggenza dei 7 Comuni e del successivo Consorzio, venne raso al suolo durante la Grande Guerra. Nel 1922 venne scelto il progetto di ricostruzione dell'architetto veneziano Vittorio Invernizzi e il 6 luglio 1924 fu posta la prima pietra con scolpito il motto della ricostruzione di Asiago: "Ex igne splendidor".

OSSARIO LEITEN
OSSARIO LEITEN

Il sacrario militare di Asiago, più noto come sacrario del Leiten, venne progettato dall'architetto Orfeo Rossato di Venezia, ed è stato ultimato nel 1936. Sorge sul colle del Leiten (pronuncia Laiten) presso Asiago. Nei pressi dell'ingresso alla cripta è stato allestito un museo.

CHIESETTA DI SAN SISTO
CHIESETTA DI SAN SISTO

Situata in zona montana, lungo un sentiero all'interno del bosco, troviamo la piccola Chiesetta di San Sisto, posta nel luogo dove un tempo si trovava l'antico lazzaretto di Asiago. La festa legata in particolar modo a questa chiesa ricorre il giorno precedente all'Ascensione, quando una processione partita da Asiago arriva alla chiesetta come punto più significativo del percorso, a ricordo della peste del 1631 che imperversò sull'Altopiano.

CALTRANO - Via delle Malghe
CALTRANO - Via delle Malghe

Percorso sull'altopiano di Asiago che collega oltre 87 malghe. Sono stati individuati ben 16 itinerari per raggiungere queste malghe attive, di proprietà pubblica, presenti sul territorio. Ogni itinerario si può percorrere facendo riferimento alla segnaletica progettata per la Via delle Malghe, che fa parte di un sistema informativo composto dai cartelli segnaletici, la guida, la carta tematica e il sito web della Unione Montana Spettabile Reggenza dei 7 Comuni.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Asiago e la Grande Guerra: ripercorrendo la storia. Scrivi tu il primo commento su Asiago e la Grande Guerra: ripercorrendo la storia

Dati tecnici

Comune di partenza: Asiago

Partenza: Asiago

Comune di arrivo: Asiago

Arrivo: Asiago

Lunghezza(km.): 35

Difficoltà: Medio

Disciplina: Strada

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 462

Dislivello in discesa (m): 416

Punto più alto (m): 1378

Punto più basso (m): 954

Durata (h): 1

% ciclabilità : 100

Comuni attraversati

Roana (VI)
Roana (VI)

È uno dei pochi paesi dove è ancora viva la lingua e la cultura cimbra. È un comune sparso, in...

Asiago (VI)
Asiago (VI)

I primi insediamenti umani risalgono al periodo paleolitico e mesolitico e i primi abitanti...