Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

La storia ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’Altopiano di Asiago. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi Cimbri di provenienza nordica. La lingua cimbra, ormai in disuso, è presente ancora nei nomi dei luoghi e nei soprannomi di molte famiglie. Riti e usanze millenarie, assieme alle antiche leggende di gnomi, fate e altre creature dei boschi, affascinano i visitatori dei Sette Comuni.
La Grande Guerra, che ha devastato i paesi e i panorami di Asiago, è una dolorosa esperienza ormai lontana, ma ancora perfettamente tangibile attraverso i resti di migliaia di trincee e fortificazioni e le testimonianze raccolte nei musei. I siti archeologici contribuiscono ad aggiungere ulteriore fascino alla scoperta di questa terra unica.

Descrizione tecnica:
Il percorso ciclistico è di 53 Km, senza particolari difficoltà, su fondo stradale misto.
Si parte da Asiago in direzione Gallio e Valle di Campomulo. Si prosegue a sud in parziale discesa verso Madonna del Buso, Stoccaredo e Sasso, passando attraverso la Val Valchiama.
Qui il percorso prende la sinistra verso Bocchetta Galgi, da dove comincia un lungo dislivello in discesa che porta fino a Santa Caterina di Lusiana e quindi Lusiana.
Da qui si prende la via di ritorno verso Asiago. Si risale costantemente verso nord, prima lungo la provinciale di Vitarolo poi attraverso i boschi fino a Monte Corno, il punto più alto dell’itinerario (1.294 m). Si prosegue quindi verso nord fino ad Asiago.

Punti d'interesse

PALAZZO MUNICIPALE DI ASIAGO
PALAZZO MUNICIPALE DI ASIAGO

Il Municipio di Asiago, già sede della Spettabile Reggenza dei 7 Comuni e del successivo Consorzio, venne raso al suolo durante la Grande Guerra. Nel 1922 venne scelto il progetto di ricostruzione dell'architetto veneziano Vittorio Invernizzi e il 6 luglio 1924 fu posta la prima pietra con scolpito il motto della ricostruzione di Asiago: "Ex igne splendidor".

OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI ASIAGO
OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI ASIAGO

E’ stato inaugurato nel 1942 in occasione del terzo centenario della morte di Galileo Galilei. Venne scelta Asiago come sede per le condizioni di limpidezza dell'atmosfera e del cielo, che avrebbero consentito un interessante e proficuo lavoro.

CHIESETTA DI SAN SISTO
CHIESETTA DI SAN SISTO

Situata in zona montana, lungo un sentiero all'interno del bosco, troviamo la piccola Chiesetta di San Sisto, posta nel luogo dove un tempo si trovava l'antico lazzaretto di Asiago. La festa legata in particolar modo a questa chiesa ricorre il giorno precedente all'Ascensione, quando una processione partita da Asiago arriva alla chiesetta come punto più significativo del percorso, a ricordo della peste del 1631 che imperversò sull'Altopiano.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità. Scrivi tu il primo commento su Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

Dati tecnici

Comune di partenza: Asiago

Partenza: Asiago

Comune di arrivo: Asiago

Arrivo: Asiago

Lunghezza(km.): 53

Difficoltà: Facile

Disciplina: Strada

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 710

Dislivello in discesa (m): 493

Punto più alto (m): 1290

Punto più basso (m): 583

Durata (h): 2

Comuni attraversati

Lusiana (VI)
Lusiana (VI)

Il nome Lusiana deriva dal termine cimbro Lus-aan significa 'taglia fuori': la parola veniva...

Asiago (VI)
Asiago (VI)

I primi insediamenti umani risalgono al periodo paleolitico e mesolitico e i primi abitanti...

Conco (VI)
Conco (VI)

Il Comune di Conco fa parte del vasto territorio compreso tra Valle dell'Astico, Valsugana e...

Gallio (VI)
Gallio (VI)

Alle pendici del Longara e delle Melette, Gallio è attualmente uno dei centri turisticamente più...