Ciclovia dei Borboni - Tappa #3

Coast to Coast in Sud Italia, Tappa 3: da Palo del Colle a Ruvo di Puglia

La Ciclovia dei Borboni è un emozionante coast-to-coast in bicicletta che prende il nome dalla dinastia dei Borboni, che regnava in quel Sud Italia un tempo chiamato Regno delle Due Sicilie, tra le cui meraviglie si snoda il percorso.

Da Bari a Napoli, paesaggi mozzafiato e tipiche località del Mezzogiorno accolgono calorosamente il cicloturista, che attraversa il Parco Nazionale dell'Alta Murgia, i luoghi federiciani (tra cui Castel del Monte), la Valle dell'Ofanto ed i siti di Ruvo, Altamura, Venosa e Melfi.

Dall’Adriatico al Tirreno, la Ciclovia (percorso n.10 di Bicitalia) percorre 342 km quasi interamente su strade asfaltate aperte al traffico, ma si tratta di strade piacevoli, a basso traffico motorizzato, con pendenze mai eccessive e paesaggi suggestivi. Il fondo è quasi sempre buono, i pochi tratti non asfaltati (7 km totali) sono praticabili con qualsiasi bicicletta dotata delle giuste rapportature per affrontare i dislivelli.
L'itinerario complessivo è diviso in brevi tappe, modulari, che possono essere combinate dai cicloturisti che intendono affrontare una maggior percorrenza giornaliera.

In particolare durante l’estate, considerando le elevate temperature del Sud Italia, si consiglia di proteggersi dal sole e di portare con sé una buona scorta d’acqua.

Credits: Puglia Promozione - Bicitalia

3° TAPPAPalo del Colle - Ruvo di Puglia (22 km)

Da Piazza Santa Croce ci si dirige verso la SP 89 che conduce fuori da Palo del Colle. Alla rotatoria al km 1,5 è presente anche una fontana: si consiglia di riempire qui le borracce, perché non ci sono altre possibilità di rifornimento fino quasi al termine della tappa.

Superata la chiesetta Madonna della Stella ed un incrocio con una grande croce in ferro, si abbandona la SP 89 per imboccare una strada minore sulla sinistra. Da qui si prosegue sempre diritto, prestando attenzione agli incroci e pedalando tra gli ulivi, immersi nella quiete della campagna barese.

Passato un bel casale in pietra, lo sguardo può spaziare verso i profili quasi orizzontali dell'Altopiano delle Murge, mentre gli ulivi lasciano spazio ai grandi vigneti che producono il vino Doc Castel del Monte. Si affrontano 300 metri su sterrato (km 9) e si ritrova l'asfalto accanto a Villa Pannone-Ferrara. Queste ‘oasi’ sono caratteristiche della Murgia: ville, talvolta grandiose, circondate da giardini ombrosi, che fungevano da residenze di campagna e centri di produzione di uva da tavola, vino ed olio.

Il percorso attraversa la Provinciale (km 10,5) ed un incrocio con muretti a calce bianca, dove è possibile fare una brevissima deviazione per raggiungere il casale Torre di Lerma. Dopodiché, si procede sempre dritto verso Ruvo di Puglia, adagiata su un colle, entrando nell'abitato tramite Via Madonna delle Grazie. 
Un paio di svolte portano a Piazza Bovio, termine della tappa, dove si trova anche il Museo Archeologico Jatta.

Vai alla tappa precedente #2
Vai alla tappa successiva #4

Villa Pannone-Ferrara Villa Pannone Masseria Torre de Lerma Ruvo di Puglia Chiesa San Domenico Ruvo - Piazza Bovio grotta di San Cleto Museo Archeologico Nazionale Jatta

Punti d'interesse

VILLA PANNONE-FERRARA
VILLA PANNONE-FERRARA

Antica magione costruita all’inizio del XX secolo, circondata da alti alberi, che un tempo fungeva da residenza di campagna e centro di produzione di uva da tavola, vino ed olio. Il complesso, elegante in stile liberty internazionale, domina una vasta piana e rimanda al modello di villa rustica degli antichi romani. Si compone di due parti distinte, collegate da un artistico porticato centrale a cinque arcate, che immette in un ampio spazio interno, al cui centro troneggia un’altissima palma. La struttura termina posteriormente con una torre disposta su quattro livelli.

MASSERIA TORRE DI LERMA
MASSERIA TORRE DI LERMA

Si tratta di un antico complesso eretto nell’agro di Bitonto, a pochi km da Palombaio, in una zona interessata da vigneti ed oliveti. L'azienda fu fondata dalla famiglia de Lerma, di origini spagnola, giunta in questa parte della Puglia nel 1565 durante la dominazione spagnola. La masseria, divenuta vero e proprio villaggio, è costituita da varie costruzioni residenziali (alloggi), da un corpo di fabbrica a due piani con portale ad arco e da una chiesetta ottocentesca con campanile a vela. Al suo interno la cappella racchiude un altare e gli arredi sacri.

RUVO DI PUGLIA
RUVO DI PUGLIA

Il paese è uno dei principali della Murgia Barese, conosciuto soprattutto per ospitare il Museo Archeologico Nazionale Jatta, che conserva migliaia di reperti archeologici di età ellenistica rinvenuti nel territorio. Città d’arte e città dell’olio, Ruvo di Puglia è ricca di chiese, che costituiscono il principale nucleo del patrimonio artistico: di notevole interesse sono la Concattedrale, uno dei più noti esempi di romanico pugliese, e la Chiesa di San Domenico. Da visitare anche la Grotta di San Cleto, una cisterna di epoca romana situata nell'ipogeo della Chiesa del Purgatorio. I beni architettonici di Ruvo comprendono anche una serie di palazzi nobiliari, costruiti tra il XVII e il XIX secolo, e alcune torri disseminate nel territorio. L'agro di Ruvo, con i suoi vigneti e oliveti, è uno dei più estesi del barese, luogo in cui troneggiano masserie e jazzi.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Ciclovia dei Borboni - Tappa #3. Scrivi tu il primo commento su Ciclovia dei Borboni - Tappa #3

Dati tecnici

Comune di partenza: Palo del Colle

Partenza: Palo del Colle

Comune di arrivo: Ruvo di Puglia

Arrivo: Ruvo di Puglia

Lunghezza(km.): 22

Difficoltà: Facile

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 191

Dislivello in discesa (m): 104

Punto più alto (m): 252

Punto più basso (m): 152

Durata (h): 2

Link Utili

www.viaggiareinpuglia.it