Ciclovia dei Borboni - Tappa #10

Coast to Coast in Sud Italia: Da Calitri a Teora

La Ciclovia dei Borboni è un emozionante coast-to-coast in bicicletta che prende il nome dalla dinastia dei Borboni, che regnava in quel Sud Italia un tempo chiamato Regno delle Due Sicilie, tra le cui meraviglie si snoda il percorso.

Da Bari a Napoli, paesaggi mozzafiato e tipiche località del Mezzogiorno accolgono calorosamente il cicloturista, che attraversa il Parco Nazionale dell'Alta Murgia, i luoghi federiciani (tra cui Castel del Monte), la Valle dell'Ofanto ed i siti di Ruvo, Altamura, Venosa e Melfi.

Dall’Adriatico al Tirreno, la Ciclovia (percorso n.10 di Bicitalia) percorre 342 km quasi interamente su strade asfaltate aperte al traffico, ma si tratta di strade piacevoli, a basso traffico motorizzato, con pendenze mai eccessive e paesaggi suggestivi. Il fondo è quasi sempre buono, i pochi tratti non asfaltati (7 km totali) sono praticabili con qualsiasi bicicletta dotata delle giuste rapportature per affrontare i dislivelli.
L'itinerario complessivo è diviso in brevi tappe, modulari, che possono essere combinate dai cicloturisti che intendono affrontare una maggior percorrenza giornaliera.

In particolare durante l’estate, considerando le elevate temperature del Sud Italia, si consiglia di proteggersi dal sole e di portare con sé una buona scorta d’acqua.

Credits: Puglia Promozione - Bicitalia

10° TAPPACalitri - Teora (23 km)

Usciti da Calitri si attraversa il fiume Ofanto e si comincia a salire per la Statale 401, strada scarsamente trafficata con pendenze regolari ed un ottimo fondo, che per un tratto ritorna nel territorio della Basilicata. Ampie vedute accompagnano la pedalata, con alle spalle la Valle dell'Ofanto e più avanti, sopra una rupe, l'abitato di Pescopagano.

Il confine con la Campania viene varcato definitivamente al km 8,8, entrando quasi subito nel paesino di Sant'Andrea di Conza ed imboccando la Statale n.7 Appia, che segue il percorso della gloriosa strada consolare romana. Ci si mantiene su questa strada, evitando notevolmente il traffico automobilistico, concentrato sulle numerose varianti moderne, più larghe e rettilinee.

Si pedala piacevolmente sulla strada tortuosa, con tratti pianeggianti ed altri in falsopiano dal dislivello leggero, fino al km 17, quando si inizia a salire lungo il fianco del Monte Cresta del Gallo, con vista sui Monti Piacentini sulla sinistra. In discesa si raggiunge poi Teora, punto di arrivo della tappa.

Vai alla tappa precedente #9 
Vai alla tappa successiva #11

Calitri @ph. Ale_Dica Oasi Lago di Conza @ph. Nuky84 Vista di Teora @ph. Teoraventura Teora @ph. Comune di Teora

Punti d'interesse

TEORA
TEORA

Adagiato lungo il dorso di una collina, ai piedi del Monte Cresta del Gallo e nello splendido scenario della valle dell’Ofanto, il paese è stato più volte distrutto nei secoli da violenti terremoti, ma poi sempre ricostruito sull’originaria posizione geografica. Dopo il devastante sisma irpino del 1980, il centro storico antico è stato completamente ricostruito e sono rimaste solo tracce delle emergenze artistiche del passato medievale. Del castello dei principi Carafa non vi è più traccia, così come è rimasto solo qualche reperto dell’antica Chiesa di San Nicola di Mira (XI-XII secolo), anch’essa ricostruita. Si conservano tuttora ruderi del Palazzo baronale, del Convento di Maria della Consolazione e della Fontana dei Fantini. Di interesse sono anche il settecentesco mulino della famiglia Corona e alcune fontane storiche, come la monumentale Fontana del Piano, realizzata in pietra chiara, e la Fontana del Monte.

OASI DEL LAGO DI CONZA
OASI DEL LAGO DI CONZA

E’ la più estesa area umida della Campania, un piccolo fiore all’occhiello del paesaggio irpino, e sito di importanza comunitaria. L’Oasi di 800 ettari si sviluppa attorno al Lago di Conza, bacino artificiale realizzato negli anni ’70, in cui confluiscono le acque dell’Ofanto: qui staziona e nidifica una variegata e popolosa avifauna, proveniente anche dall’Asia e dall’Africa, e l’ambiente è caratterizzato da tasselli di bosco igrofilo, pascoli e zone steppiche. L’Oasi è aperta ai visitatori, c’è un laboratorio didattico, un percorso-natura, capanni di osservazione, un’aula per la didattica all’aperto e un’area attrezzata per la sosta.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Ciclovia dei Borboni - Tappa #10. Scrivi tu il primo commento su Ciclovia dei Borboni - Tappa #10

Dati tecnici

Comune di partenza: Calitri

Partenza: Calitri

Comune di arrivo: Teora

Arrivo: Teora

Lunghezza(km.): 23

Difficoltà: Facile

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 542

Dislivello in discesa (m): 283

Punto più alto (m): 779

Punto più basso (m): 362

Durata (h): 2

Link Utili

www.viaggiareinpuglia.it