Ciclovia dei Borboni - Tappa #13

Coast to Coast in Sud Italia: Da Avellino a Marzano di Nola

La Ciclovia dei Borboni è un emozionante coast-to-coast in bicicletta che prende il nome dalla dinastia dei Borboni, che regnava in quel Sud Italia un tempo chiamato Regno delle Due Sicilie, tra le cui meraviglie si snoda il percorso.

Da Bari a Napoli, paesaggi mozzafiato e tipiche località del Mezzogiorno accolgono calorosamente il cicloturista, che attraversa il Parco Nazionale dell'Alta Murgia, i luoghi federiciani (tra cui Castel del Monte), la Valle dell'Ofanto ed i siti di Ruvo, Altamura, Venosa e Melfi.

Dall’Adriatico al Tirreno, la Ciclovia (percorso n.10 di Bicitalia) percorre 342 km quasi interamente su strade asfaltate aperte al traffico, ma si tratta di strade piacevoli, a basso traffico motorizzato, con pendenze mai eccessive e paesaggi suggestivi. Il fondo è quasi sempre buono, i pochi tratti non asfaltati (7 km totali) sono praticabili con qualsiasi bicicletta dotata delle giuste rapportature per affrontare i dislivelli. L'itinerario complessivo è diviso in brevi tappe, modulari, che possono essere combinate dai cicloturisti che intendono affrontare una maggior percorrenza giornaliera.

In particolare durante l’estate, considerando le elevate temperature del Sud Italia, si consiglia di proteggersi dal sole e di portare con sé una buona scorta d’acqua.

Credits: Puglia Promozione - Bicitalia

13° TAPPA: Avellino - Marzano di Nola (32 km)

Si riparte da Avellino in direzione sud, attraversando il Fiume Fenestrelle e raggiungendo la frazione di Bellizzi Irpino al km 3. Qui conviene affrontare con cautela un breve tratto contromano su Via Gianicola, per evitare una deviazione a destra poco consigliabile in bicicletta (porterebbe a fare un giro in salita e ad inoltrarsi in una galleria). Usciti da Bellizzi si prosegue dritto alla rotonda e si arriva a Contrada, dove la strada prende il nome di Via Nazionale, abbandonata al km 9,4 per la Statale 403 che porta all'abitato di Forino, all'imbocco di una conca boscosa.

La strada inizia a correre lungo noccioleti, si immerge nel silenzio dei boschi ed inizia a salire, ombreggiata, lungo il versante sud del Poggio Boschitiello, tra pendenze sempre pedalabili, scenari montani e castagneti. Si raggiunge il punto più alto della tappa (667 mt) al km 17: qui termina la salita ed inizia la lunga discesa per il Vallo di Lauro, sempre più ampio e costellato da piccoli centri caratteristici. Al km 23,6 si incontra la prima finta rotatoria, dove si procede dritto attraversando il centro di Moschiano e continuando poi a scendere all'ombra di alti platani per raggiungere Lauro, cittadina famosa per la produzione di nocciole e dominata dall'imponente e ben conservato Castello Lancellotti. Attraversare il centro di Lauro in bicicletta richiede però anche cautela, tra vie anguste, auto in sosta e sensi di marcia contrari.

Usciti dall'abitato si procede lungo la 403, con belle vedute sulla pianura sottostante, mentre inizia ad emergere in lontananza il profilo del vulcano più famoso d'Italia, il Vesuvio. Sempre in dolce discesa si continua a pedalare fino a raggiungere Marzano di Nola, punto di arrivo di tappa.

Vai alla tappa precedente #12 Vai alla tappa successiva #14

Castello dei Lancellotti Lauro @ph. Dancili Lauro @ph. Dancili

Punti d'interesse

VALLO DI LAURO
VALLO DI LAURO

Chiamata anche Valle di Lauro, si estende su un territorio molto caratteristico: è una terra antica, preservata da verdi rilievi che ne segnano la fisionomia, creando un ambiente dall’aspetto quasi montano, anche nella struttura degli abitati e negli scorci naturalistici. L’area del Vallo è costellata da piccoli paesi caratteristici (Lauro, Marzano di Nola, Pago, Domicella, Taurano, Moschiano e Quindici) intorno ai quali si sviluppa un territorio fatto di vigneti, uliveti, ampi noccioleti e, più in alto verso sud, boschi di leccio e di castagno. La spiritualità è molto forte, infatti nella valle sono disseminate chiese e cappelle, oltre a santuari meta di pellegrinaggi, come il Santuario dell’Abbondanza a Marzano di Nola, quello della Madonna dell’Arco a Taurano e della Madonna della Carità a Moschiano.

LAURO - Castello Lancellotti
LAURO - Castello Lancellotti

E’ una delle residenza d’epoca più affascinanti della Campania, un tempo feudo di importanti signorie, oggi museo storico e location per eventi privati e manifestazioni culturali. Il castello sorge imponente e ben conservato a Lauro, piccolo paese della bassa Irpinia, e affonda le sue origini già nel X secolo, anche se la prima testimonianza concreta di dimora feudale è del 1277. Il maniero prende il nome dalla famiglia dei Lancellotti, proprietari dal 1632. Le forme attuali rimandano al profondo restauro di fine ‘800, resosi necessario dopo un devastante incendio. Il castello è circondato da mura merlate, con diverse porte d’accesso tra cui il portale rinascimentale. All’interno svettano torri quadrangolari, con merlature ed archetti pensili, tetti spioventi e pinnacoli angolari. Particolarmente suggestivo è il cortile, che raccorda la cappella, il chiostrino segreto e la biblioteca, creata da Filippo Massimo Lancellotti, che conserva oltre mille opere tra cui quattro libri mastri di fine XVIII secolo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Ciclovia dei Borboni - Tappa #13. Scrivi tu il primo commento su Ciclovia dei Borboni - Tappa #13

Dati tecnici

Comune di partenza: Avellino

Partenza: Avellino

Comune di arrivo: Marzano di Nola

Arrivo: Marzano di Nola

Lunghezza(km.): 32

Difficoltà: Facile

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 692

Dislivello in discesa (m): 943

Punto più alto (m): 667

Punto più basso (m): 98

Durata (h): 2

Link Utili

www.viaggiareinpuglia.it