Ciclovia dell'Alpe Adria - Tappa 7

Tra Austria ed Italia, pedalando dalle Alpi al Mare Adriatico in una settimana

La Ciclovia dell’Alpe Adria è certamente tra le più belle ciclovie in Italia ed Austria: un itinerario unico, che conduce dalle Alpi al mare, unendo Salisburgo con Grado.

I cicloturisti che intraprendono questo tour in bicicletta hanno l'opportunità di pedalare attraverso luoghi magnifici per il loro valore ambientale, storico e culturale, ammirando un panorama che cambia di continuo: vallate selvagge, colline moreniche, la pianura friulana, la laguna ed infine il mare Adriatico. La ciclabile dell’Alpe Adria è quasi interamente in sede propria, ben dotata di segnaletica e collegata con i trasporti pubblici (bus e treno attrezzato per il trasporto di biciclette), rendendo l'itinerario adatto a tutti, grazie anche all'assenza di difficoltà tecniche di rilievo. Alcuni tratti, tra cui il superamento delle Alpi in territorio italiano, si sviluppano seguendo vecchi tracciati di ferrovie dismesse, ora riconvertite per dare nuova vita a spettacolari percorsi naturalistici.

La Ciclovia copre un totale di 413 km, suddivisi in 8 tappe giornaliere, studiate per consentire ai cicloturisti soste in cui godere di tutti i servizi necessari, oltre che poter apprezzare alcune delle località più belle di tutto l'itinerario. Per ogni tappa della Ciclovia dell’Alpe Adria puoi trovare la guida dell’itinerario ed il tracciato gpx.

Credits: Ciclovia Alpe Adria Radweg - PromoTurismo FVG

7° TAPPAVenzone - Udine (55,4 km)

Lasciatasi definitivamente alle spalle l’Austria, la settima tappa della Ciclovia Alpe Adria riprende il suo cammino in territorio italiano, mettendo nel mirino la città di Udine.

Da Venzone, costeggiando la riva destra del fiume Tagliamento, si giunge a Bordano, noto anche come il “paese delle farfalle”, in quanto apprezzata località per gli appassionati di entomologia. Arrivati a Braulins si attraversa il ponte sul Tagliamento in direzione Osoppo, dov’è possibile visitare la Fortezza che fu protagonista durante le guerre napoleoniche, il Risorgimento e la Prima Guerra Mondiale.

Proseguendo, si raggiunge la borgata di San Floreano quindi Buja, sempre restando sulla pista ciclabile e incrociando l’ippovia della Valle del Cormor. Raggiungendo Carvacco, poi Verdoglio, Tricesimo e Luseriacco, la strada prosegue attraversando i campi, ‘toccando’ anche la splendida Villa Rubeis Masieri su strada sterrata delimitata da un viale di alberi di gelsi.

Giunti a Tavagnacco e poi a Feletto Umberto, sempre su pista sterrata, si pedala verso il canale Ledra, da attraversare all’interno del Parco del Cormor, luogo in cui poter sostare, godendo dell’incantevole cornice naturale. In pochi km la tappa termina nel bel centro urbano di Udine.

Vai alla tappa precedente #6
Vai alla tappa successiva #8

Lago di Cavazzo Bordano: Casa delle Farfalle Fortezza di Osoppo Buja Villa Rubeis-Masieri Castello di Cassacco Udine

Punti d'interesse

LAGO DI CAVAZZO
LAGO DI CAVAZZO

E il più esteso tra i laghi naturali friulani e bagna con le sue acque il territorio di tre comuni, Cavazzo Carnico, Bordano e Trasaghis. Di origine glaciale, sorge ai piedi delle Prealpi Carniche ed è alimentato da sorgenti naturali sotterranee, che sono dei veri e propri crateri larghi fino a 2 metri. Il territorio circostante è ricco di sentieri naturalistici e di percorsi ciclabili, che richiamano spesso gli amanti della natura e del relax all’aria aperta. Il lago è incastonato in una valle dalla ricca flora e fauna e lungo le sue sponde è possibile trovare diverse postazioni per il birdwatching.

BORDANO - Casa delle Farfalle
BORDANO - Casa delle Farfalle

Unico nel suo genere, questo complesso dedicato alle farfalle sorge al centro di Bordano ed è un vero e proprio museo vivente di questi insetti. La Casa, dove si riproducono oltre 400 specie di farfalle, è divisa in tre grandi giardini: amazzonico, afro-tropicale e indo-australiano. All'interno si possono vedere tutti gli stadi di sviluppo delle farfalle e si possono osservare le differenze tra le farfalle diurne e quelle notturne e altre particolarità.

FORTEZZA DI OSOPPO
FORTEZZA DI OSOPPO

Dichiarata monumento nazionale nel 1923, l’antica rocca posto su uno dei colli principali della città è un complesso di grande interesse storico e naturalistico e punto di riferimento per tutta la zona collinare e prealpina del Friuli Venezia Giulia. Il colle, infatti, è sempre stato un punto cardine per la difesa del territorio, assumendo una posizione strategica fin in epoca romana. Il complesso, restaurato dopo il sisma del 1976, non è altro che un poderoso insieme di resti delle varie epoche di opere difensive, quali gallerie, fossati e trincee, che hanno interessato anche il periodo bellico della Grande Guerra. Il luogo è anche sede di diversi eventi culturali, resi suggestivi dal bellissimo panorama sul fiume Tagliamento e sul territorio circostante.

BUJA
BUJA

Antica località immersa in una splendida cornice paesaggistica, vanta tra i più grandi incisori del secolo scorso: Pietro Giampaoli e Guerrino Mattia Monassi, che furono infatti a capo della Zecca dello Stato. Da non perdere una visita al suggestivo borgo di San Lorenzo, dove ammirare la collezione di medaglie del Museo d'Arte della Medaglia e della Città di Buja. Il colle più alto del paese (località Monte) ospita anche un’antichissima pieve e i resti di un castello, insieme al Parco della Rimembranza, luogo naturalistico ma anche di rispetto e memoria.

CASTELLO DI CASSACCO
CASTELLO DI CASSACCO

Situato in posizione geografica strategica, lungo l'antica direttrice che conduceva oltre le Alpi, questo antico castello medievale ha avuto un importante ruolo difensivo nei secoli. Costruito nel Duecento (con alcune modifiche apportate in seguito), il maniero ha mantenuto pressoché intatte molte delle sue caratteristiche originarie. E’ composto da due torri quadrangolari, un tempo merlate, che fiancheggiano il corpo centrale a cui si addossano altre costruzioni di epoca posteriore. Ottimamente conservata anche la cinta muraria, con i camminamenti di ronda.

UDINE
UDINE

Dalla tipica impronta di città medievale, sviluppatasi intorno ad un colle, Udine ha un fascino veneziano, caratterizzata da piazze e antichi palazzi. Fulcro della città è il castello, che da tempo immemore domina il colle e l'intero abitato, offrendo un panorama che spazia dalle montagne circostanti fino al mare Adriatico. Tra i monumenti più importanti ci sono numerose chiese, come il Duomo di Santa Maria Annunziata e l’antichissima Chiesa di Santa Maria di Castello; grandi palazzi, tra cui il celebre Palazzo Patriarcale (o Arcivescovile) con i capolavori del Tiepolo; e belle piazze, come l’elegante e porticata piazza delle Erbe o le centralissime piazze Libertà, su cui si affaccia la Loggia del Lionello, e San Giacomo. Polmone verde della città è il Parco del Cormor, che prende il nome dall’omonimo torrente e si estende per 30 ettari appena fuori dal centro abitato. Realizzato nei primi anni ’90, ospita un giardino botanico e diverse aree ricreative per svago ed eventi culturali.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Ciclovia dell'Alpe Adria - Tappa 7. Scrivi tu il primo commento su Ciclovia dell'Alpe Adria - Tappa 7

Dati tecnici

Comune di partenza: Venzone

Partenza: Venzone

Comune di arrivo: Udine

Arrivo: Udine

Lunghezza(km.): 55

Difficoltà: Medio

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 217

Dislivello in discesa (m): 121

Punto più alto (m): 250

Punto più basso (m): 113

Durata (h): 4