Ciclovia Spoleto - Assisi: pedalando nel cuore dell'Umbria

In bicicletta nella Valle Umbra, lungo una delle più belle ciclovie d'Italia

La spiritualità di Assisi e dei suoi luoghi patrimonio della cristianità. I torrenti ed i canali che si costeggiano pedalando lungo il percorso. Borghi e castelli medievali incastonati in un panorama unico. Il paesaggio della campagna umbra, tra ulivi, campi coltivati e vigneti.

Sono tante le suggestioni che la Ciclovia Spoleto - Assisi offre al cicloturista che la percorre, lungo un tracciato che si sviluppa principalmente su strade secondarie ed in sede propria, sempre dolce e pianeggiante. L’itinerario, presentato in direzione Assisi, può essere ugualmente percorso nel senso di marcia opposto.

Descrizione del percorso:

Si parte dalla periferia di Spoleto, a San Nicolò, seguendo il corso del torrente Tessino. Raggiunto Ponte Bari in 1 km, si supera la SP 451 passando sotto il ponte stradale, risalendo la rampa a sinistra ed attraversando il ponte ciclopedonale, per scendere alla destra del torrente. Il Tessino confluisce nel Maroggia, il cui argine si costeggia per vari chilometri, ammirando in lontananza i borghi di Eggi, Santa Maria, Bazzano e la catena dei Monti Martani ad ovest.

Al km 11,3 si attraversa il Ponte di Chiesa Tonda e si procede per un tratto alberato. Il borgo di Trevi scorre ad est e si possono vedere i suoi famosi appezzamenti, gli “Orti delle Canapine”. Grazie al Ponte di Pietrarossa ci si riporta nuovamente sul lato sinistro del Maroggia (km 18) che poco dopo prende il nome di Teverone e lo si costeggia, notando poco lontano sulla destra l’abitato di Foligno.
Il Teverone si dirige quindi ad ovest e con un’ansa si raggiunge Bevagna, meraviglioso borgo umbro: lo si attraversa, seguendo sempre il corso del Teverone (che poi diventa il fiume Timia) in direzione nord.

Al km 31,2 dopo una piacevole collina a vigneti, attraversata lungo un viale di cipressi, si raggiunge l’incrocio con la SP 403, che la si supera attraversando il ponte sul Timia, riprendendo poi a pedalare lungo il corso del fiume. Si procede per il tratto sterrato di via Santa Caterina, abbandonata ad un bivio sulla sinistra, attraversando campi coltivati. Si raggiunge presto il torrente Atone, lungo il cui argine si procede, per poi ritrovare nuovamente il Timia (km 36,6) ed attraversare il borgo di Cannara, da cui si esce costeggiando il torrente Topino.

Il tratto finale scorre in aperta campagna, con all’orizzonte la vista sul Monte Subasio. Si raggiunge la frazione di Rivotorto e si procede infine con la salita finale verso Assisi.

Spoleto Spoleto_Ponte delle Torri Lungo la Ciclovia @ph. Umbria ws Pissignano @ph. Ilda Casati Fonti del Clitunno Trevi dalla ciclovia @ph. Ilda Casati Bevagna Bevagna Assisi Assisi - Basilica di San Francesco Santa Maria degli Angeli vista da Assisi @ph. Ilda Cas

Punti d'interesse

BASILICA DI ASSISI
BASILICA DI ASSISI

E’ il luogo che dal 1230 conserva e custodisce le spoglie mortali di San Francesco ed è la chiesa madre dell’Ordine religioso che porta il suo nome. Voluta da Papa Gregorio IX dopo la morte di Francesco e la sua immediata santificazione, la Basilica è oggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO. La struttura è formata da due chiese sovrapposte - inferiore e superiore - legate a due diverse fasi costruttive: al romanico umbro la prima, al gotico francese la seconda. Straordinario, in entrambi i casi, l'apparato decorativo interno. La chiesa inferiore ha una funzione sepolcrale, quella superiore è stata modello d’ispirazione per diverse altre chiese francescane e contiene la più completa raccolta di vetrate medievali d'Italia. A ridosso del fianco sud si innalza la caratteristica torre campanaria.

SPOLETO
SPOLETO

Antica capitale dei duchi longobardi, la città custodisce un patrimonio storico-artistico eccezionale, testimonianza delle diverse epoche storiche che la videro protagonista. Il centro storico è ancora in gran parte all'interno delle mura medievali: la parte più antica sorge sulla collina dominata dalla Rocca Albornoziana, simbolo della città, delimitata da un alto sistema di mura perimetrali alternate da sei torri squadrate. Il castello ha due aree distinte: il Cortile d’onore, che ospita il Museo nazionale del Ducato, e il Cortile delle armi, con un teatro all’aperto. Tra i monumenti più famosi c’è il Ponte delle Torri: una struttura lunga 230 metri e alta 82, eretta tra il ‘200 e il ‘300 e citata sia da Goethe nel suo “Viaggio in Italia” sia raffigurata dal pittore inglese Turner. Da vedere anche il Teatro Romano (I sec. d.C), la Casa Romana, attribuita alla madre dell’Imperatore Vespasiano Polla, e Piazza Duomo, su cui si affaccia la Cattedrale di Santa Maria Assunta (1067), che ospita affreschi importanti. Notevoli anche la Basilica di S. Salvatore, fra le più antiche chiese di origine paleocristiana in Italia e patrimonio mondiale UNESCO, e la Chiesa di San Ponziano, sul colle Ciciano.

TREVI
TREVI

Sorta in epoca romana, Trevi è Città dell’Olio ed inserita nel Club Borghi più belli d’Italia. Il paese è sovrastato dai monti Brunette (1422 m) e Serano (1429 m) ed è immerso tra gli ulivi. Conserva testimonianze romane, come le poderose mura (I secolo a.C.) che cingono il centro abitato, e alcune porte medievali. Il centro storico è in posizione rialzata con Piazza Mazzini come suo ‘cuore’, chiusa ad angolo dal Palazzo comunale del XIII secolo con la torre civica. Di notevole pregio sono soprattutto il Santuario della Madonna delle Lacrime, con diverse cappelle affrescate, la gotica Chiesa di San Francesco (XIV secolo) e la Chiesa di Sant'Emiliano, realizzata in stile romanico ma rivisitata più volte nei secoli successivi, dedicata al patrono cittadino. Essendo una delle zone più importanti dell’Umbria per l’elevatissima qualità dell’olio, non mancano i frantoi da visitare.

BEVAGNA
BEVAGNA

Caratteristica cittadina medievale circondata da antiche mura, Bevagna è inserita tra i Borghi più belli d'Italia ed un tempo era nota per le pregiate tele che vi si producevano. Il centro nevralgico è la medievale Piazza Silvestri, una delle più importanti della regione, con la sua forma irregolare e molto caratteristica. Vi si affacciano il Palazzo dei Consoli (del 1270, con ampia scalinata esterna) e tre edifici religiosi: la Chiesa di San Michele (XII secolo), con facciata romanica e campanile a cuspide, la Chiesa di S. Domenico e la Chiesa di San Silvestro (1291), ultimata nel 1195. Da vedere anche la Chiesa di San Francesco e il Monastero di Santa Margherita.

FONTI DEL CLITUNNO
FONTI DEL CLITUNNO

Alimentate da sorgenti sotterranee che fuoriescono da fessure nella roccia, costituiscono un vero gioiello naturalistico della zona. Il parco presenta specchi d’acqua limpidissima, con rive circondate da una fitta vegetazione di salici piangenti e pioppi, in cui vivono cigni, anatre e altri animali acquatici. L’area di 10.000 mq che custodisce le sorgenti del fiume Clitunno è un ambiente dall’atmosfera suggestiva e romantica.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Ciclovia Spoleto - Assisi: pedalando nel cuore dell'Umbria. Scrivi tu il primo commento su Ciclovia Spoleto - Assisi: pedalando nel cuore dell'Umbria

Dati tecnici

Comune di partenza: Spoleto

Partenza: Spoleto

Comune di arrivo: Assisi

Arrivo: Assisi

Lunghezza(km.): 53

Difficoltà: Facile

Disciplina: Strada

Tipologia itinerario: Vie brevi - Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 353

Dislivello in discesa (m): 219

Punto più alto (m): 442

Punto più basso (m): 186

Durata (h): 4