Due Ruote in Città: Pescara, l'esteta sul mare

Alla scoperta del capoluogo abruzzese in bicicletta, tra lungomare, centro storico e parchi

Un bike tour nel capoluogo abruzzese, alla scoperta dell’antico centro storico, degli spazi verdi e del bel lungomare.

Pescara è la città natale del "Poeta Vate" Gabriele D'Annunzio, simbolo italiano dell'estetismo, che sempre amò e rimase legato alla propria terra natia.
Quale miglior luogo di partenza per questo itinerario in bicicletta alla scoperta del capoluogo abruzzese, se non proprio dal Museo “Casa Natale di Gabriele D'Annunzio”?

Da Corso Manthoné, nel cuore di Pescara Vecchia, si imbocca rapidamente la ciclabile che attraversa il fiume Pescara sul Ponte Ennio Flaiano e si dirige verso il centro storico.

Ci si addentra quindi nei vicoli, arrivando a Piazza Salotto, luogo nevralgico del centro. Pedalando verso nord su Via Castellammare Adriatico si esce dal centro, passando per il bel Parco Villa Sabucchi.
Procedendo senza sosta sul lungo viale alberato, si costeggia l’intera Pineta di Santa Filomena, che separa la strada dal mare ed è Riserva naturale statale.

Arrivati nei pressi di Montesilvano, all’altezza dei giardini di Villa Verrocchio, si svolta a destra verso il mare, per imboccare la bellissima ciclovia che lo costeggia.
La via del ritorno si snoda interamente procedendo verso sud sul lungomare, incontrando importanti luoghi d’interesse come la Nave di Cascella e il Museo d'Arte Moderna Vittoria Colonna. Il percorso si conclude presso il sinuoso Ponte del Mare, affacciato sull’antico porto romano e i suoi famosi “trabocchi”.

Museo Casa Natale Gabriele D'Annunzio Cattedrale San Cetteo Piazza della Rinascita Piazza Salotto_Elefantino Riserva Statale Pineta di Santa Filomena Parco Villa Sabucchi Lungomare Nave di Cascella Ponte del Mare Trabocco

Punti d'interesse

PESCARA VECCHIA
PESCARA VECCHIA

E’ il nucleo urbano più antico della città, a sud del fiume Pescara, dove sorgeva il borgo che ad inizio ‘500 era racchiuso dalla Fortezza borbonica (di cui rimangono pochi resti). L’area è pedonalizzata ed è il cuore pulsante della vita pescarese, conserva le testimonianze di come era la città prima dei pesanti bombardamenti che la distrussero nel 1943, portandosi via un ricco patrimonio architettonico ed artistico: un importante centro marinaresco fin dall’epoca romana, con piccole case di pescatori, chiesette e strette vie. Nel quartiere nacquero Gabriele D’Annunzio (1863) e lo scrittore Ennio Flaiano (1900): è possibile visitare il Museo “Casa Natale di Gabriele D’Annunzio” - Monumento Nazionale che ripercorre la vita del poeta - ed il Museo delle Genti d’Abruzzo, due poli culturali di notevole interesse.

PONTE DEL MARE
PONTE DEL MARE

È un'opera che contraddistingue il paesaggio della città e che, dal 2009, unisce le due riviere del fiume. Il ponte ha una forma ‘sinuosa’ che ricorda una vela ed è lungo 466 metri: è il più grande ponte ciclo-pedonale d'Europa. Il panorama dall’alto è eccezionale: il mare, la costa ondulata, il Porto canale con i suoi “trabocchi” (antiche costruzioni per la pesca tipiche abruzzesi) e la ruota panoramica cittadina. Poco distante c’è il Museo del Mare, dedicato al mare, ai suoi “abitanti” e alla storia del rapporto di essi con la città.

CATTEDRALE DI SAN CETTEO
CATTEDRALE DI SAN CETTEO

Costruito tra il 1933 e il 1938 in stile romanico abruzzese, il Duomo dedicato al patrono cittadino è situato nei pressi dei resti dell'antica Chiesa di Santa Gerusalemme, di epoca romana. Pare che lo stesso Gabriele D'Annunzio finanziò una parte dei lavori di edificazione: all’interno sono conservate le spoglie della madre del poeta. La chiesa bianca ha una facciata con tre rosoni, tre portali e un campanile laterale; al suo interno si possono ammirare bellissimi organi dalla canne dorate e un importante dipinto del Guercino, donato dallo stesso D’Annunzio: l’Estasi di San Francesco.

LA “NAVE” DI CASCELLA
LA “NAVE” DI CASCELLA

E’ il simbolo della città: una fontana, ispirata ad una nave, realizzata nel 1986 dall’artista Pietro Cascella in marmo di Carrara. La scultura rappresenta una barca a remi e rievoca la vocazione alla pesca della città. E’ installata sul lungomare e prima dell’inaugurazione per alcuni mesi è stata esposta a Firenze in Piazza Santa Croce.

PIAZZA DELLA RINASCITA
PIAZZA DELLA RINASCITA

Comunemente chiamata Piazza Salotto dai pescaresi fin dagli anni ’70, è il cuore del centro cittadino. Completamente pedonale e molto frequentata, la piazza è sede storica di manifestazioni e attività di svago ed è stata fortemente ridisegnata nel 2006 in chiave più moderna. Vi si affacciano boutique, caffè e alcuni storici palazzi porticati, come Palazzo Arlecchino e Palazzo Testa. Ci sono anche spazi verdi, dove svettano alcune palme. In un angolo della piazza, dagli anni '70, è presente una scultura di Vicentino Michetti, un elefante in cemento che è diventato il simbolo del luogo.

RISERVA NATURALE “PINETA DI SANTA FILOMENA”
RISERVA NATURALE “PINETA DI SANTA FILOMENA”

E’ una Riserva Naturale Statale che si estende in un'area di circa 20 ettari, al confine tra i comuni di Pescara e di Montesilvano. Insieme alla Riserva Dannunziana costituisce l'ultima parte di quella che nei secoli fu una grande pineta che si estendeva su tutto il litorale circostante. La fascia litoranea a protezione dell’entroterra è circondata da aree edificate e si affaccia sulla mare nella parte orientale. All'interno è ricca di sentieri e ospita molte specie di uccelli. C’è anche un centro di recupero dei rapaci gestito dalla Guardia forestale.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Due Ruote in Città: Pescara, l'esteta sul mare. Scrivi tu il primo commento su Due Ruote in Città: Pescara, l'esteta sul mare

Dati tecnici

Comune di partenza: Pescara

Partenza: Casa Natale Gabriele D'Annunzio

Comune di arrivo: Pescara

Arrivo: Ponte del Mare

Lunghezza(km.): 15

Difficoltà: Facile

a Storia, enogastronomia

Disciplina: City Bike

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 58

Dislivello in discesa (m): 69

Punto più alto (m): 6

Punto più basso (m): 0

Durata (h): 2