Gran traversata in e-Bike fino ai piedi del Monte Rosa

Da Bielmonte ad Alagna Valsesia, sulle strade di Fra Dolcino

Valsessera e Valsesia: due valli così lontane e così vicine. Questo tour in e-bike le unisce, percorrendo quelle che nel 1300 erano le strade di Fra Dolcino, la sua amata Margherita ed i suoi seguaci.

Le alte vie alpine fanno da accompagnamento al biker, che avrà il respiro corto soprattutto per i magnifici panorami che la natura offre.

Descrizione tecnica:
Partenza da Bielmonte. Dopo un primo tratto in single track, si raggiunge, percorrendo prevalentemente strade bianche, la Bocchetta della Boscarola, confine naturale tra la Valsessera e la Valsesia.
Dopo un breve tratto d' asfalto si arriva all'Alpe di Mera, dalla quale, lungo una ciclabile d'alta montagna, si raggiunge Alpe Meggiana. Da qui parte la discesa tecnica verso Piode.

Dal paesino si giunge a Quare e quindi alla ciclabile parallela al fiume Sesia, che tra facili saliscendi conduce sino alla meta di Alagna Valsesia.

Consigli tecnici:
Per le e-bike sono presenti lungo il percorso vari punti dove poter ricaricare la batteria.
Essendo un percorso prevalentemente in alta montagna, si consiglia un abbigliamento adeguato con un cambio per eventuali variazioni del meteo. 

Dove parcheggiare
Alla partenza è presente un grande parcheggio coperto gratuito non custodito.

Periodo consigliato:
Sconsigliato il periodo tardo autunnale, invernale e di inizio primavera, per la presenza importante di cumuli di neve che impediscono il passaggio.

Punti d'interesse

ALAGNA VALSESIA
ALAGNA VALSESIA

E’ la località più nota della Valsesia, situata ai piedi del Monte Rosa e ideale punto di partenza per gli amanti delle escursioni estive ed invernali. Nel tempo il paese è diventato un punto di riferimento di rilevanza internazionale per la pratica dell'alpinismo e, soprattutto, per quella dello sci fuoripista (freeride), attirando appassionati da tutto il mondo. Il centro turistico affonda le sue origine storiche nell'antica cultura Walser e sono proprio le architetture tipiche in legno di quell’epoca a renderlo così caratteristico. Tradizioni, stili di vita e parlata dell’antica cultura trecentesca continuano a rivivere grazie a realtà strutturali come il Museo Walser, in frazione Pedemonte, inaugurato nel 1976. Di interesse artistico anche la chiesa tardo gotica (1511) di San Giovanni Battista, che ospita diversi tesori d’arte ed artigianato.

PIODE
PIODE

Piccolo villaggio della media-alta Valsesia, il cui nome deriva dalle lastre in pietra per la copertura dei tetti, dette appunto “piode”, ricavate dalle cave di scisto un tempo coltivate sul territorio. Il paesino si sviluppa sulle due sponde del Sesia ed è conosciuto soprattutto come uno dei principali punti di imbarco sul fiume per i praticanti di kayak e rafting. Dal centro abitato parte un bel percorso, immerso nel bosco di conifere e faggi, che porta allo storico alpeggio di Meggiana (1553 m.) e all’Alpe Pizzo, dai quali si ammira uno splendido panorama sulla valle e sul massiccio del Monte Rosa. Tra gli edifici religiosi spicca la Chiesa parrocchiale dedicata a Santo Stefano (ricostruita nel 1748), la Chiesa di San Giovanni Battista e il Santuario della Madonna delle Pietre Grosse, costruito sul luogo di una frana (il suo campanile è stato ricavato da uno dei massi caduti a valle durante la calamità).

ALPE DI MERA
ALPE DI MERA

Un tempo ricco alpeggio, utilizzato fin dal Medioevo, l’area si è trasformata in località turistica intorno al 1950, diventando soprattutto un punto di riferimento della zona come stazione sciistica. Durante la stagione invernale, infatti, questo piccolo paese viene immerso dalla neve ed è circondato dalle piste da sci, che corrono letteralmente in mezzo alle case, dispiegandosi per circa 30 km. La località offre uno splendido parco sciistico a tutti gli appassionati (modernizzato dopo le Olimpiadi di Torino 2006) e suggestivi panorami che abbracciano il massiccio del Monte Rosa. Il nucleo abitato si trova a 1500 m.s.l.m e si caratterizza per l’assenza di auto: non è infatti transitabile ma si raggiunge con gli sci ai piedi o con la comoda seggiovia che sale da Scopello.

OASI ZEGNA
OASI ZEGNA

Si tratta di un'area naturalistica che interessa il territorio montano delle Prealpi Biellesi, esteso per un'area di circa 100 km². Il progetto affonda le sue radici negli Anni ’30, quando l'imprenditore Ermenegildo Zegna (fondatore del Gruppo Zegna) decise di dare nuova vita al suo paese natale, Trivero, con la costruzione di case per i dipendenti dell’impresa nata in loco e di un Centro dedicato alla salute, alla formazione, allo sport e al tempo libero dei suoi concittadini: il progetto comprendeva la riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 tra conifere, rododendri e ortensie e la costruzione di una strada, la "Panoramica Zegna", che consentisse alla popolazione locale e ai turisti di godere dell'ambiente naturale montano. Questo patrimonio di idee e realizzazioni concrete è stato raccolto dalle nuove generazioni Zegna, che hanno così realizzato l’Oasi nel 1993, un laboratorio all'aria aperta dove viene valorizzato il contatto diretto con la natura e la promozione dell'educazione ambientale. Grazie alla particolare conformazione naturale del territorio e la notevole dotazione di infrastrutture eco-compatibili, l'Oasi Zegna è un luogo dove praticare, tutto l'anno, una serie di attività dedicate al tempo libero e allo sport, tutte concepite nel pieno rispetto degli ecosistemi. L'accoglienza è garantita da numerose strutture come alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche, che offrono cibo e ospitalità tipici della tradizione della montagna.

PARETE CALVA
PARETE CALVA

Questa imponente e verticale parete rocciosa è uno dei luoghi emblematici della vita di Fra Dolcino, predicatore della setta degli "Apostolici" che nel 1305, in fuga dai mercenari assoldati dai Vescovi di Novara e Vercelli, qui si rifugiò con i suoi seguaci. Sulla sommità si apre il pianoro chiamato Pian dei Gàzzari, ad una quota di 1425 metri. Per la sua maestosità ed imponenza è diventata una meta molto frequentata in Valsesia dagli amanti dell’arrampicata. La parete è stata scalata per la prima volta nel 1984 e oggi sono presenti vie storiche affiancate ad altre vie più moderne.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Gran traversata in e-Bike fino ai piedi del Monte Rosa. Scrivi tu il primo commento su Gran traversata in e-Bike fino ai piedi del Monte Rosa

Dati tecnici

Comune di partenza: Campertogno

Partenza: Bielmonte

Comune di arrivo: Alagna Valsesia

Arrivo: Alagna Valsesia

Lunghezza(km.): 70

Difficoltà: Difficile

Disciplina: E-Bike

Tipologia itinerario: Giornata intera

Dislivello in salita (m): 1480

Dislivello in discesa (m): 1790

Punto più alto (m): 1800

Punto più basso (m): 1100

Durata (h): 5