Il Tour dei Monasteri in bicicletta

L'armonia tra natura e maestosi monasteri, pedalando nell'Alta Ciociaria

Quando storia, cultura e natura si fondono, il risultato è questo stupendo percorso in bicicletta tra i Monasteri dell’Alta Ciociaria, sconfinando anche nella provincia di Roma.

La maestosità del Monastero di Santa Scolastica a Subiaco e l’antico Santuario del Sacro Speco scavato nella roccia donano all'itinerario un fascino unico, arricchito dalla panoramica salita che conduce al borgo di Jenne e dalla strada che costeggia il fiume Aniene.
Si parte da Fiuggi e ci si fa ritorno chiudendo l'anello, dopo aver scollinato due volte il Passo della Sella.

Descrizione tecnica:
Si parte con un leggero falsopiano per poi iniziare la salita di 6 km verso il Passo della Sella. Dopo il passaggio presso gli Altipiani di Arcinazzo, inizia la lunga discesa verso Subiaco e il bivio per la salita dei Monasteri (10 km al 5%).

Arrivati nel paesino di Jenne, si scende verso la Cascata di Trevi, per poi salire 8 km (intervallati da brevi discese) fino agli Altipiani di Arcinazzo. Attraversato di nuovo il Passo della Sella, si ridiscende verso Fiuggi.

Consigli tecnici:
Consigliato un abbigliamento classico da ciclista, con mantellina al seguito per i tratti in discesa. Ci sono fontanelle per abbeverarsi con buona frequenza.
Attenzione alla svolta a destra per entrare nella Via dei Monasteri: la salita è immediata dopo una lunga discesa.

Dove parcheggiare:
Piazzale della Stazione di Fiuggi. Piazza Martiri di Nassiriya

Periodo consigliato:
Da Marzo a Ottobre

Monastero di Santa Scolastica @ph. Livioandronico 2013

Punti d'interesse

SANTUARIO DEL SACRO SPECO
SANTUARIO DEL SACRO SPECO

Chiamato anche Monastero di San Benedetto e incastonato nella parete rocciosa del Monte Taleo, in prossimità di Subiaco, il Santuario da quasi mille anni custodisce uno dei luoghi più significativi della spiritualità benedettina: la grotta in cui all’inizio del VI secolo il giovanissimo San Benedetto da Norcia visse da eremita, seguendo l’esempio dei padri anacoreti. Il Monastero si compone di due chiese sovrapposte e di molteplici cappelline che seguono l’andamento della parete di roccia a cui la struttura è addossata: la chiesa inferiore custodisce la citata grotta in cui San Benedetto spese i suoi tre anni di vita eremitica. Il resto del Monastero è un complicato labirinto di ambienti e chiesette, talvolta ricavate dalla roccia, ricoperto da una preziosa decorazione a fresco di varie epoche, tra cui il prezioso ritratto di San Francesco (1223), prima fedele raffigurazione mai realizzata del Santo.

MONASTERO DI SANTA SCOLASTICA
MONASTERO DI SANTA SCOLASTICA

E’ uno dei 12 monasteri fondati nel territorio di Subiaco da san Benedetto da Norcia, l’unico sopravvissuto ai terremoti e alle distruzioni saracene, ed essendo stato fondato attorno all'anno 520 è il più antico d'Italia. Nato come “Monastero di San Silvestro”, solo alla fine nel XIV secolo prese il nome attuale. Si presenta come un complesso di edifici costruiti in epoche e stili diversi, ben visibili nei tre Chiostri presenti in successione al suo interno e nella Chiesa di Santa Scolastica (di fine ‘700) sita nel medesimo luogo di quattro luoghi di culto precedenti. In diverse ali del monastero sono presenti anche il dormitorio, il refettorio e la Biblioteca.

JENNE
JENNE

Questa tranquilla località è situata su uno sperone montuoso a dominare l'alta Valle dell'Aniene, in mezzo alle antiche strade di transumanza. Il nome molto particolare deriva con ogni probabilità dalla parola “Gehenna", ovvero “porte dell'inferno", che rimanda alle belle grotte dell'Inferniglio, poste sotto il paese, a 512 metri s.l.m. Jenne è immersa in una varietà di ambienti tipici dell'Appennino centrale e ospita la sede del Parco naturale regionale dell'Appennino - Monti Simbruini, il più esteso del Lazio. Di interesse storico ci sono i resti dell’antico Castello medievale e diverse chiese, in particolare la nuova parrocchiale dedicata a S. Andrea Apostolo, costruita nel 1834 con le pietre della vecchia chiesa attigua a Madonna della Rocca.

CASCATA DI TREVI
CASCATA DI TREVI

Piccolo gioiello color smeraldo, protetto da un folto bosco, la cascata è una delle bellezze naturali più belle e conosciute del territorio dei Monti Simbruini. Si genera nella zona di confluenza tra i fiumi Simbrivio e Aniene, presso l’area archeologica di Comunacque. Il salto d’acqua si crea uscendo da un particolare foro nella roccia e piombando su un placido laghetto. Intorno alla cascata un ambiente selvaggio, in cui si trovano anche resti di opere e manufatti antichissimi, tra cui il tratto iniziale dell’acquedotto romano che riforniva l’Urbe e alcuni ruderi di una vila romana del III-IV secolo.

FIUGGI
FIUGGI

E’ una delle più importanti stazioni termali d'Europa. La cittadina - che fino al 1911 si chiamava Anticoli di Campagna - è divisa in due centri abitati, immersi nel verde dei tipici boschi di castagno: il borgo antico (Fiuggi Città o Vecchia Fiuggi) arroccato sulla collina e il nucleo più moderno (Fiuggi Fonte), che si estende a valle ed è inserito nella zona termale. L’antico borgo è molto caratteristico perché conserva pressoché intatte alcune strutture medioevali, con qualche torre delle mura di difesa che si intravede ancora qua e là tra le case. Le vie principali si collegano tra loro con vicoli scoscesi e stretti, fatti di archi, scalinate ed anguste piazzette. Ai lati dei vicoli le case si innalzano l’una a fianco dell’altra in continua successione. Fiuggi è ricca di chiese e di antichi palazzi.

ALTIPIANI DI ARCINAZZO
ALTIPIANI DI ARCINAZZO

Località turistica a circa 900 m s.l.m., ha origini in epoca romana e ne sono testimonianza i resti della Villa dell'Imperatore Traiano (I sec). Tra i luoghi di interesse vi sono anche l'Arco di Trevi, la torre medievale di Narsio e le rovine di un castello. Inoltre, nei pressi dell’abitato, sono presenti anche alcune grotte che un tempo ospitarono i briganti. Le case con i tetti spioventi e la fitta vegetazione che le circonda sono caratteristiche del luogo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Il Tour dei Monasteri in bicicletta. Scrivi tu il primo commento su Il Tour dei Monasteri in bicicletta

Dati tecnici

Comune di partenza: Fiuggi

Partenza: Fiuggi

Comune di arrivo: Fiuggi

Arrivo: Fiuggi

Lunghezza(km.): 68

Difficoltà: Difficile

Disciplina: Strada

Tipologia itinerario: Vie medie - Giornata intera

Dislivello in salita (m): 1300

Dislivello in discesa (m): 1300

Punto più alto (m): 931

Punto più basso (m): 461

Durata (h): 6