In bici nel Montefeltro, dagli scogli ai castelli

Suggestivi panorami marchigiani, nel mito di Paolo e Francesca

Una fusione armonica tra la costa e l’entroterra marchigiano, passando dai primi scogli che si affacciano sul Mar Adriatico alle ondulate colline del Montefeltro. Tra storia e bellezze naturali.

Questa pedalata affascinante si sviluppa su saliscendi non troppo impegnativi, immersa in un paesaggio tranquillo e “romantico”, dominato dal Castello di Gradara che ospita l’eterna vicenda d’amore di Paolo e Francesca.
Il percorso porta anche alla scoperta di importante realtà costiere come Cattolica e Pesaro, attraversando gli scenari del Parco di Monte San Bartolo, area protetta e molto amata da ciclisti ed escursionisti.

Itinerario presente sulla Guida Viatoribus: Italia in Bici con Gusto

Descrizione del percorso:
L’itinerario ad anello è lungo 48 km, con partenza ed arrivo presso Gabicce Mare.

Dal paese si seguono le indicazioni per Gradara. Costeggiando Cattolica, dopo circa 2,5 km inizia la prima salita (2 km) con pendenze accessibili che arriva ai piedi del Castello di Gradara. Terminata la visita al borgo medievale, si riprende la strada principale in direzione Tavullia: qui il tracciato sale con continuità per circa 5 km, con pendenze non proibitive.
Arrivati in località Monteluro, si prende la sinistra al bivio seguendo le indicazioni per Pesaro: inizia così la discesa che passa attraverso le frazioni di Babbucce, Tre Ponti e Case Bruciate.

Alla fine di questo tratto, in zona “Pesaro Fiera”, si prosegue in direzione del centro storico. Da Baia Flaminia, dopo aver attraversato il tessuto urbano di Pesaro (attenzione al traffico), inizia l’ondulata strada panoramica del Monte San Bartolo (circa 25 km), che termina esattamente a Gabicce Monte, passando per i caratteristici paesini di Santa Marina Alta, Fiorenzuola di Focara e Casteldimezzo.
Da Gabicce Monte l’ultimo tratto in discesa riporta al mare della riviera.

Consigli tecnici:
Il profilo altimetrico ondulato richiede una certa preparazione di base. I tratti più impegnativi si incontrano sui primi 4 km della Panoramica dal porto di Pesaro e sull’ascesa che da Baia Vallugola arriva a Gabicce Monte (circa 2 km).

@ph. ildirettore Castello di Gradara

Punti d'interesse

CASTELLO DI GRADARA
CASTELLO DI GRADARA

Di grande rilevanza storica, l’imponente complesso sorge sulla sommità di una collina ed è costituito da una rocca medievale (castello-fortezza) e dall'adiacente borgo storico, protetto da una cinta muraria esterna che si estende per quasi 800 metri. Strategicamente importante per via della posizione geografica, in epoca medievale la fortezza è stata uno dei principali teatri degli scontri tra le milizie fedeli al Papato e le turbolente signorie marchigiane e romagnole. Costruita attorno al 1150, fu un caposaldo dei Malatesta fino a metà del ‘400. La rocca è famosa anche perché legata alla leggenda di Paolo e Francesca, cantata da Dante nella Divina Commedia, in quanto il castello avrebbe fatto da sfondo al loro tragico amore. Oggi il castello è diventato uno dei monumenti più visitati della regione ed è teatro di eventi museali, musicali ed artistici.

PARCO DEL MONTE SAN BARTOLO
PARCO DEL MONTE SAN BARTOLO

Ha una superficie totale di circa 1600 ettari e comprende la dorsale collinare che dal porto di Pesaro si estende fino a Gabicce Mare, di fatto costituendo il primo promontorio che affaccia sulla costa adriatica provenendo dal Nord Italia. Il paesaggio del Parco mostra ambienti differenti: lungo il mare si caratterizza per un tratto di costa alta, in gran parte rappresentata da falesie e grotte (assai rare nell’Adriatico), mentre il versante interno protetto è costituto dal paesaggio rurale che, fino agli anni ’50, era attivamente coltivato anche ai limiti del mare. Il promontorio è ricco di sentieri, che permettono di raggiungere scorci fantastici o nicchie incontaminate.

FIORENZUOLA DI FOCARA
FIORENZUOLA DI FOCARA

L’antico borgo medievale sorge su uno sperone roccioso a strapiombo sul Mare Adriatico. Denominato originariamente solo Fiorenzuola (Focara fu aggiunto nel 1889, la cui etimologia deriva dalla presenza nell’antichità di fuochi che segnalavano ai naviganti la posizione), il suo castello ebbe un’importanza strategica nel sistema difensivo dei Malatesta, insieme alle rocche di Casteldimezzo, Gradara e Granarola. A testimonianza della sua storia, rimangono visibili ancora alcuni resti delle mura medievali e qualche portale del ’600-’700. Interessante in particolare la porta sulla quale una targa rievoca i versi Danteschi (Inferno XXVIII) relativi ad un fatto avvenuto sul mare antistante. Tra le piazzette e i vicoli caratteristici del borgo, si staglia il suggestivo campanile con orologio dell’antica Chiesa di Sant’Andrea (XII secolo). Dalla cima della collina a strapiombo sul mare, attraverso alcune stradine tortuose, si raggiunge la riva del mare, dove c’è una bella spiaggia.

PESARO
PESARO

Affacciata sul mare Adriatico, Pesaro è un importante centro balneare situato tra due colline costiere, il Monte Ardizio e il Monte San Bartolo. Oltre ad un lungo e attrezzato litorale sabbioso, la città ha un centro storico ricco di elementi di interesse, specie del periodo rinascimentale. Tra gli edifici più noti c’è la quattrocentesca Rocca Costanza (con torrioni cilindrici e ampio fossato), il Palazzo Ducale (affacciato su Piazza del Popolo con la bella fontana), la Cattedrale di Santa Maria Assunta (eretta sui resti di un edificio tardo romano), la Chiesa di S.Agostino (conserva un bel portale gotico-veneziano e importanti tele all'interno) e il Santuario della Madonna delle Grazie (edificata nel XIII secolo dai Malatesta e rifatta in forme barocche). Pesaro è anche la città natale del compositore Gioachino Rossini, di cui è visitabile la casa-museo ed al quale sono intitolati un conservatorio e l'omonimo teatro, dove dal 1980 ogni anno si svolge il Rossini Opera Festival che richiama appassionati della lirica da tutto il mondo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su In bici nel Montefeltro, dagli scogli ai castelli. Scrivi tu il primo commento su In bici nel Montefeltro, dagli scogli ai castelli

Dati tecnici

Comune di partenza: Gabicce Mare

Partenza: Gabicce Mare

Comune di arrivo: Gabicce Mare

Arrivo: Gabicce Mare

Lunghezza(km.): 48

Difficoltà: Medio

Disciplina: Strada

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 840

Dislivello in discesa (m): 840

Punto più alto (m): 201

Punto più basso (m): 5

Durata (h): 0