In bici tra Chioggia, Ferrara e Ravenna - Tappa #4

L'itinerario complessivo è un bellissimo bike tour suddiviso in dieci tappe, che si snoda prima all'interno del Parco del Delta del Po per poi addentrarsi nell'entroterra a contatto con i borghi e i luoghi che hanno fatto la storia della bassa pianura padana delle province di Ferrara e Ravenna.

Si tratta di poco più di 600 km di percorso quasi totalmente pianeggiante (a parte una tappa collinare), che possono essere intrapresi facilmente in una settimana. La natura del percorso prevede la possibilità di modificarne facilmente la lunghezza, a seconda di tempi ed energie a disposizione.

Durante il percorso si è accompagnati da un incessante evolversi del panorama paesaggistico: si passa dalla rigogliosa natura faunistica lacustre del Polesine ai campi coltivati e ai corsi fluviali che percorrono la pianura, dai boschi dei rilievi appenninici alle piccole città fortificate medievali. Chioggia, l'isola della Donzella, i castelli di Mesola e Ferrara, Argenta, Bagnacavallo, l'Oasi di Campotto, le basiliche di Ravenna e le valli di Comacchio sono solo alcune delle attrazioni che rendono questo itinerario più unico che raro.

4° TAPPA: Ferrara - Argenta  (49,7 km)

Descrizione tecnica: Dal Castello estense nel centro di Ferrara il tour prosegue verso sud, intercettando il Po Morto di Primaro. Questo piccolo corso fluviale, che si snoda nella campagna attraversando diversi piccoli borghi tipici della pianura padana rurale, tra cui Torre della Fossa, Fossanova, San Biagio, Sant'Egidio, Marrara e Bova, ci accompagna per buona parte del tragitto, sino all'incontro col fiume Reno in località Traghetto.

Svoltando a sinistra, si prosegue quindi in direzione di Argenta. Qui si consiglia di allungare il percorso per far visita al Museo delle Valli di Argenta, immerso nella magnifica Oasi di val Campotto.

Consigli tecnici: Data la lunghezza esigua del percorso, è possibile intraprendere la tappa #5 (anch'essa non molto lunga) all'interno dello stesso giorno. Tuttavia si consiglia una buna preparazione fisica e un occhio alle condizioni meteo, soprattutto in estate.

Vai alla tappa precedente
Vai alla tappa successiva

Po Morto di Primaro Argenta Museo delle Valli di Argenta Museo delle Valli di Argenta - interno Oasi di val Campotto

Punti d'interesse

MUSEO DELLE VALLI DI ARGENTA
MUSEO DELLE VALLI DI ARGENTA

E’ una delle tre stazioni (e centro organizzativo) del percorso dell’Ecomuseo di Argenta, insieme al Museo Civico e al Museo della Bonifica. Il Museo delle Valli è immerso nella splendida Oasi di val Campotto e documenta l'evoluzione dell'ambiente naturale, la cultura, le tradizioni e gli interventi dell'uomo in un'area caratterizzata dalle acque. La sede del Museo è il Casino di Campotto, uno splendido edificio del ‘700 adibito a scopi agricoli e successivamente a casa di caccia, recuperato in modo da mantenerne l’aspetto originale.

ARGENTA
ARGENTA

E’ uno dei comuni più estesi d'Italia, situata al centro del triangolo formato dalle città di Ferrara, Ravenna e Bologna. La sua fondazione risale ad epoca romana. Il territorio è caratterizzato dalla presenza dominante dell'acqua, che ha impresso contrassegni profondi sull'ambiente, la natura e la vita dell'uomo. Argenta è la porta d’accesso al Parco del Delta del Po e sede di un Ecomuseo tra i più importanti d'Europa. Le sue paludi bonificate sono infatti zone umide di interesse internazionale, habitat privilegiato della fauna selvatica e meta di appassionati di birdwatching e fotografia. E’ fra le città italiane decorate al valor militare per la Guerra di Liberazione.

FERRARA - Castello Estense
FERRARA - Castello Estense

E' il monumento più rappresentativo e il vero simbolo di Ferrara, con le sue quattro torri circondate dal fossato, i mattoni di cotto rossi, le eleganti balaustre bianche, le prigioni e le sale per i giochi e il diletto di corte. Chiamato anche "Castello di San Michele" (la prima pietra fu posata il 29 settembre, giorno appunto dedicato al Santo), questa maestosa costruzione fu concepita inizialmente come fortezza di difesa militare, fatta edificare nel 1385 da Niccolò II d’Este. Con il passare dei secoli il castello fu abbellito e slanciato e assunse sempre di più la funzione di reggia signorile: venne arricchito dalle altane sopra le torri, dai balconi di marmo, dal cortile d'onore di forme cinquecentesche e dai fastosi appartamenti affrescati. Le imponenti torri, poste ai quattro angoli del Castello, svettano ancora oggi sulla città, simbolo indelebile della grandezza e magnificenza della Famiglia D'Este.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su In bici tra Chioggia, Ferrara e Ravenna - Tappa #4. Scrivi tu il primo commento su In bici tra Chioggia, Ferrara e Ravenna - Tappa #4

Dati tecnici

Comune di partenza: Ferrara

Partenza: Ferrara

Comune di arrivo: Argenta

Arrivo: Argenta

Lunghezza(km.): 49

Difficoltà: Facile

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 22

Dislivello in discesa (m): 16

Punto più alto (m): 0

Punto più basso (m): 0

Durata (h): 3

Comuni attraversati

Argenta (FE)
Argenta (FE)

Cittadina di pianura, di antica origine, che accanto alle tradizionali attività agricole ha...