In MTB all'Alpe Sacchi, con panorami sul Lago d'Orta

Un percorso impegnativo tra i boschi e gli alpeggi della sponda occidentale del lago

Suggestivo percorso in mountain bike immerso nelle montagne che circondano la sponda ovest del Lago d'Orta, tra boschi di faggeti e pascoli di altura.

Il giro dell'Alpe Sacchi parte e fa ritorno ad Omegna dopo 43 km. E’ abbastanza impegnativo, per la maggior parte formato da single track con pendenze interessanti sia in salita che in discesa.

Si divide in tre settori principali: la salita, 13 km di media intensità (30% su asfalto, il resto su sterrato), il settore centrale, circa 10 km completamente su sterrato, abbastanza pianeggiante con un paio di passaggi impegnativi (al Passo del Ranghetto ci sono circa 100 m. da fare con la bici in spalla), e la discesa, lunga circa 15 km, che porta dalla quota di 1300 m. ai 200 m. del punto di partenza.

La parte finale si caratterizza per una serie di discese di varia difficoltà, di cui l'ultima (circa 2 km) composta da un ciottolato molto stretto e pieno di tornanti sulla parete della montagna, con punti panoramici bellissimi, da percorrere con prudenza.

Gli ultimi 3 km sono su asfalto per tornare al punto di partenza.

Descrizione tecnica:
Percorso impegnativo, sia in termini di dislivello e lunghezza che per un paio di passaggi da vera MTB.
La parte in salita si svolge prevalentemente su strade sterrate molto ampie e ben in ombra, mentre la discesa è caratterizzata da una serie di single track, a volte molto impegnativi.
Difficoltà alta, ci vuole buona conoscenza del connubio MTB/atleta e buona resistenza fisica.

Consigli tecnici
Si consiglia una bicicletta bi-ammortizzata, un abbigliamento da MTB completo e una buona scorta di acqua, visto la difficoltà nell’approvvigionarsene nella prima parte in salita.

Dove parcheggiare:
Omegna o Borca

Periodo consigliato
Tutti i mesi dell'anno, a patto che non sia nevicato, in quanto una parte dei sentieri è in ombra e la neve rimane sino al disgelo primaverile.

Punti d'interesse

OMEGNA
OMEGNA

Posto all'estrema propaggine settentrionale del Lago d'Orta, rappresenta il principale centro del Cusio e cittadina di riferimento della riviera. E’ considerata una “piccola Svizzera”, perché molto ordinata e dal centro storico ricco di viuzze pedonali che arrivano fino al bel lungolago. E’ conosciuta anche perché nella piazza del Municipio sbuca il torrente Nigoglia, unico esempio di emissario dei nostri laghi prealpini che curiosamente scorre verso le Alpi anziché verso il mare. Tra i luoghi di interesse storico, da vedere il Ponte Antico (XVI sec.) e Porta Romana (o Porta della Valle), costruita intorno al 1100 d.C., quanto resta delle antiche cinque porte medievali che conducevano in città. I luoghi di culto maggiori sono la tardo-romanica Collegiata di Sant'Ambrogio (XII sec) e la Chiesa di San Gaudenzio, una delle costruzioni romaniche meglio conservate del Cusio.

PELLA
PELLA

Tra i borghi più antichi e ricchi di storia della riviera d’Orta, il piccolo paese è stato abitato sin dall’Età del Ferro, come testimoniano alcuni reperti rinvenuti in loco. Affacciata sulla sponda occidentale del lago, la località offre diversi punti d’interesse: la torre medievale a cui si arriva passeggiando sul lungolago, la Chiesa di San Filiberto (con la cappella più antica di tutta la riviera occidentale del Lago d’Orta) e Piazza Ravedoni, in cui è conservato uno dei pochi lavatoi antichi rimasti in buone condizioni. Suggestivo anche l’antico ponte sul fiume Pellino (del 1578), che collega Pella con l’oratorio di San Rocco.

LAGO D’ORTA
LAGO D’ORTA

È il più occidentale fra i grandi laghi prealpini del nord Italia, situato interamente in Piemonte. Il lago - chiamato anche Cusio - è originato dal fronte meridionale del ghiacciaio del Sempione e si estende ai piedi del Monte Mottarone, che lo separa ad est dal Lago Maggiore. Ha dimensioni ridotte, ma è ricco di bellezze paesaggistiche. Il lato orientale si caratterizza per i dolci declivi delle colline mentre le sponde occidentali sono più impervie e ripide.

ALPE SACCHI
ALPE SACCHI

Panoramica altura (1230 m.) della Valsesia, dalla quale si aprono belle vedute sulla sponda occidentale del Lago d’Orta, sulle montagne del Cusio, dell’Ossola fino alla Prealpi Lombarde. La spianata è ampia e silenziosa, circondata da prati, felci e boschi in lontananza. La salita che porta all’Alpe da Varallo è considerata una delle più belle della zona dal punto di vista paesaggistico. Nelle vicinanze svetta la cima del Monte Novesso (1409 m.).

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su In MTB all'Alpe Sacchi, con panorami sul Lago d'Orta. Scrivi tu il primo commento su In MTB all'Alpe Sacchi, con panorami sul Lago d'Orta

Dati tecnici

Comune di partenza: Omegna

Partenza: Borca

Comune di arrivo: Omegna

Arrivo: Borca

Lunghezza(km.): 41

Difficolt�: Difficile

Disciplina: MTB

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 1300

Dislivello in discesa (m): 900

Punto pi� alto (m): 1300

Punto pi� basso (m): 280

Durata (h): 5