La Ciclabile della Val Pusteria

Da San Candido a Fortezza, lungo uno degli itinerari più famosi dell'Alto Adige

La Pusterbike, o Ciclabile della Val Pusteria, corre sotto le Dolomiti ed è tra le ciclabili più belle d'Italia.
Partendo da San Candido, ultimo baluardo italiano prima dell'Austria, la Pusterbike si snoda seguendo il corso del fiume Rienza, fino a raggiungere Fortezza, nei pressi di Bressanone, scivolando attraverso meraviglie paesaggistiche come il Lago di Valdaora e luoghi famosi dell'Alto Adige come Brunico e Villabassa.

I colori che cambiano con le stagioni ma sempre sgargianti, la maestosità delle Dolomiti, i Castelli che attirano inevitabilmente lo sguardo del cicloturista ed il fascino e sapori dei paesi incastonati con armonia nella valle sono tra i motivi che rendono l'itinerario imperdibile.

E' un percorso a misura di famiglia, su piste riservate alla bicicletta, pedalando perlopiù in moderata discesa. Si collega inoltre ad una più ampia rete di ciclabili, come quella che segue il corso della Drava, da Dobbiaco a Lienz.

Descrizione del percorso:
Partiti da San Candido, i primi 5 km sono tra i pochissimi tratti da affrontare in salita, comunque leggera, fino a Dobbiaco, ‘porta’ delle Dolomiti e punto più alto della valle. E' qui che si incontra per la prima volta il Rienza, che sarà un piacevole compagno per gran parte dell'itinerario.

Un sottopassaggio permette di superare la ferrovia, per poi immergersi con la bicicletta in un fitto bosco di abeti. La vista si riapre rapidamente, con i prati altoatesini dal colore verde intenso, mentre si inizia a scorgere il campanile della Chiesa di Santo Stefano, a Villabassa, dalla classica forma a cipolla.

Lasciando il pasese un altro piacevole tratto nel bosco permette di rinfrescarsi tra la vegetazione, mentre sfilano improvvisi scorci sulle maestose montagne che circondano la valle. Si procede costeggiando Monguelfo e poi sul fantastico tratto che conduce al Lago di Valdaora (km 19): praterie e boschi si alternano fino a raggiungere le sponde di questo lago artificiale, incastonato con perfezione nella natura intorno ed i suoi colori.

Inizia una dolce salita, mentre la strada si fa sterrata nei pressi di Perca e porta a Brunico (km 34), cuore della valle, dal centro storico che ha saputo mantenere le sue forme medievali, sopra al quale si erge il Castello di Brunico, parte del Messner Mountain Museum.

Da Brunico si esce costeggiando nuovamente il Rienza, abbandonato solo per un istante dopo San Lorenzo di Sebato, per salire brevemente e ridiscendere una collina, arrivando a Casteldarne, piccolo abitato che esibisce con orgoglio il proprio castello.
Piccoli borghi e grandi paesaggi continuano a scorrere fino a Vandoies, subito seguito da Rio Pusteria, dove si trova l'omonima chiusa, perfettamente conservata, che sovrasta la ciclabile con le sue mura e la fortezza.

Restano gli ultimi 10 km, con un paio di leggeri saliscendi, fino al punto di arrivo, Fortezza, dove una pista ciclabile corre all'interno del forte austro-ungarico che caratterizza il borgo sul fiume Isarco.

Descrizione tecnica:
Nessun passaggio tecnico, l'itinerario è adatto a tutti.

@ph. altoadige_suedtirol_southtyrol San Candido @ph. Llorenzi @ph. altoadige_suedtirol_southtyrol Lago Valdaora @ph. Roberto Guerrini Brunico @ph. Foto Fitti Chiusa Rio Pusteria @ph. Piergiuliano Chiesi

Punti d'interesse

DOBBIACO
DOBBIACO

Considerato la "porta sulle Dolomiti", il paese è immerso nella natura del Parco Naturale Dolomiti di Sesto e dell'adiacente Parco di Fanes-Sennes-Braies. Sul suo territorio si trovano due laghi di notevole bellezza, il Lago di Dobbiaco ed il Lago di Landro. Nel centro storico merita una visita Castel Herbstenburg ed una passeggiata lungo Via Massimiliano.

CASTELLO DI BRUNICO
CASTELLO DI BRUNICO

Sorge sopra una collina - il Kühbergl - nel centro storico del paese. Fu fatto costruire nel 1251 dal principe vescovo di Bressanone Bruno von Kirchberg. Il castello è facilmente raggiungibile con una passeggiata e l'ingresso avviene attraverso il portone meridionale, dove un tempo c'era un ponte levatoio. All'interno è presente un cortile con una torre circolare per l'accesso agli ambienti superiori, in cui si trovano alcune stanze vescovili e una piccola cappella. Un'ala del castello è sede dal 2011 di una sezione del 'Messner Mountain Museum', esposizione voluta del famoso scalatore Reinhold Messner.

COLLEGIATA DI SAN CANDIDO
COLLEGIATA DI SAN CANDIDO

E’ considerato il più importante monumento romanico del Tirolo e delle Alpi Orientali. La struttura è formata da una chiesa e da un complesso monastico. Fondata nell'VIII secolo e completamente ricostruita a cavallo del Duecento, la chiesa conserva notevoli opere d'arte come il grande Crocifisso ligneo dell'altare maggiore e un ciclo di affreschi della stessa epoca nella cupola centrale. L’intero edificio è in blocchi di pietra a vista e ha una struttura romanica molto semplice, con facciata a capanna e un massiccio campanile.

FORTEZZA - Il Forte asburgico
FORTEZZA - Il Forte asburgico

Con i suoi 65mila m² di superficie, è il più grande complesso storico dell’Alto Adige. Sorge a 750 m. di quota, all’incrocio tra la Val d'Isarco e la Val Pusteria, e appartiene al grande sistema di fortificazioni austriache al confine italiano. Fu costruito in appena 5 anni (1833-1838) per ordine dell’Imperatore d’Austria Francesco I, con lo scopo di creare uno sbarramento invalicabile per qualunque esercito. In realtà non subì mai alcun attacco ed ha svolto la funzione di deposito militare fino alla fine del 1991, dopo di che è stata dismesso. Dal 2005 viene utilizzato per eventi sociali e culturali ed è sede di grandi mostre straordinarie. Il complesso è suddiviso in tre blocchi indipendenti: il Forte Alto, che sovrasta isolato la valle, il Forte Medio contenente la Kaiser-Villa e il Forte Basso, articolato in diverse costruzioni erette sul fondo della Val d'Isarco, raggiungibile attraverso uno spettacolare passaggio sotterraneo.

VILLABASSA
VILLABASSA

E’ considerata la culla del turismo della Val Pusteria, vantando una lunga storia e tradizione in questo campo. E’ una località da sempre molto apprezzata per il suo clima e meta frequentata da chi cerca relax e benessere in montagna. All’interno del Kurpark, grande parco immerso in uno splendido scenario paesaggistico, tra aree gioco e ricreative, c’è un importante centro esclusivo per praticare l’idroterapia Kneipp. Villabassa ha anche un bel centro storico, dove svetta il campanile a forma di cipolla della chiesa parrocchiale tardo barocca di Santo Stefano. Il paese è molto noto tra i ciclisti, in quanto punto di partenza della gara più dura delle Dolomiti: il Dolomiti Superbike.

LAGO VALDAORA
LAGO VALDAORA

Noto anche come Lago di Monguelfo per la vicinanza all’omonimo paese, è un importante lago artificiale nel cuore della Val Pusteria, in Alto Adige. Copre una superficie di 44 ettari ed è stato costruito nel 1958 per sfruttare le acque del fiume Rienza per la produzione di energia elettrica. Circondato da belle vette dolomitiche e ricco di sentieri adiacenti, il lago è una nota meta per il tempo libero: in estate si può anche pescare (con licenza).

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su La Ciclabile della Val Pusteria. Scrivi tu il primo commento su La Ciclabile della Val Pusteria

Dati tecnici

Comune di partenza: San Candido

Partenza: San Candido

Comune di arrivo: Fortezza

Arrivo: Fortezza

Lunghezza(km.): 71

Difficoltà: Facile

subdetails.tpl

Motivazioni: Natura

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 250

Dislivello in discesa (m): 690

Punto più alto (m): 1217

Punto più basso (m): 707

Durata (h): 4

Comuni attraversati

Dobbiaco (BZ)
Dobbiaco (BZ)

Dobbiaco (1.256 m), la porta sulle Dolomiti, nome che deriva dalla magnifica vista panoramica...