Pedalare in Val Vibrata

Al confine tra Marche ed Abruzzo, tra uliveti secolari e vedute panoramiche

Il percorso nella valle che unisce Teramo ad Ascoli Piceno, sul confine tra Marche e Abruzzo, è molto impegnativo ma, in termini di tempo ed energie, ripaga ampiamente con splendide vedute panoramiche. Consente inoltre di viaggiare a stretto contatto con la storia dell'uomo, che ha disseminato questo territorio con opere risalenti a diverse epoche, espressioni del livello tecnologico e delle necessità economiche di un determinato frangente storico.
Non è infatti raro imbattersi in campi fotovoltaici e antichi casolari, manieri abbandonati e uliveti secolari. Anche la natura offre grandi tesori ai viaggiatori, come le Gole del Salinello e le maestose montagne circostanti.

Descrizione tecnica:
E' un percorso lungo (140 Km) e molto difficile, per gambe esperte. Si attraversa un territorio misto, tra pianura, colline e alture.

La partenza è dalla stazione balneare abruzzese di Martinsicuro, sul confine con le Marche. Dopo una prima pedalata sulla ‘Ciclovia Adriatica’ che costeggia il mare, si punta verso l’entroterra, destinazione Sant’Omero. Procedendo a sud-ovest, comincia un tratto collinare fino a Cesenà e poi Campli. A quel punto si affrontano le alture dell’estremità nord-est dei Monti della Laga, con una costante salita (30 Km) che porta fino a 1200 metri tra Macchia da Sole e Settecerri. Un po’ di discesa verso Cerquito e poi di nuovo in salita (10 Km) sul versante che porta a San Giacomo.

La via del ritorno in Val Vibrata passa per la discesa verso Civitella del Tronto e lungo la statale fino a Sant’Omero. Rispetto al tragitto di andata, da qui si punta prima a nord verso il borgo agricolo di Corropoli e poi si attraversa la valle fino alla salitella che porta a Tortoreto. Al mare di Martinsicuro ci sono pochissimi chilometri.  

Le gole del fiume Salinello Piazza di Corropoli Panoramica di Civitella del Tronto I tetti della cittadina di Campli Vista panoramica del lungomare di Alba Adriatica Pista ciclabile Adriatica I resti di Castel Manfrino Torre storica di Martinsicuro Via del centro storico di Tortoreto alta

Punti d'interesse

CASTEL MANFRINO
CASTEL MANFRINO

Castel Manfrino si eleva in località Macchia da Sole, nel territorio comunale di Valle Castellana in provincia di Teramo. Fu costruito in epoca bassomedievale, tra il XII ed XIII secolo, e rappresentò uno dei luoghi votati alla difesa della contea Ascolana voluta da Carlo Magno. Deve il suo nome a Manfredi di Svevia, figlio di Federico II. Oggi sono visibili solo i resti dell'antica opera fortificata, fortemente danneggiata nel corso del tempo. I ruderi della postazione difensiva si trovano a 963 metri di altitudine, su uno sperone roccioso al confine tra la provincia di Ascoli Piceno e la provincia di Teramo. All'interno del recinto murario si trovano la torre, residenza del castellano, e i resti di una piccola cappella.

CAMPLI
CAMPLI

Il territorio camplese, compreso tra Ascoli Piceno e Teramo, ha avuto in antichità civiltà ed insediamenti propri, almeno fino alla dominazione romana. Nei secoli XIII e XIV Campli poté vantare uno stato di floridezza e di progresso: è allora che si costruirono il Campanile di S. Maria in Platea, la chiesa di S. Francesco e il Palazzo Parlamentare. Nel 1776 fu eretta nel centro della città la Scala Santa, una vera rarità mondiale con i suoi 28 gradini in legno d'ulivo. Oggi Campli fa parte della Comunità montana della Laga.

CIVITELLA DEL TRONTO
CIVITELLA DEL TRONTO

Civitella del Tronto è un borgo situato su di una rupe rocciosa di travertino ed è sovrastato dalla Fortezza, ultimo disperato baluardo dei Borbone di Napoli e del Regno delle Due Sicilie, che si arrese ai piemontesi addirittura dopo che fu proclamata l'Unità d'Italia. E' un luogo ricco di fascino per le imponenti architetture, le ampie vedute sul paesaggio circostante e gli eventi storici spesso cruenti legati alla sua fortezza, tra le più imponenti opere di ingegneria militare d'Europa.

CORROPOLI
CORROPOLI

Centro agricolo, è situato nella valle del torrente Fontanelle, affluente del Vibrata. I romani vi edificarono ville e templi pagani dei quali restano evidenze archeologiche. La Torre Campanaria è il simbolo della città. Eretta da Antonio da Lodi tra il XV e il XVI secolo, fa parte di un gruppo di quattro campanili "fratelli" della provincia di Teramo.

SANTO OMERO
SANTO OMERO

È uno dei 12 comuni appartenenti alla Val Vibrata. È tra le località più antiche della zona. Sorge su una lussureggiante collina verde, spartiacque tra i due fiumi, Vibrata da un lato e Salinello dall'altro. Notevoli sono i luoghi storico-turistici da visitare e molte le attività di carattere familiare, che offrono ristoro ai turisti.

TORTORETO LIDO
TORTORETO LIDO

Tortoreto Lido è una nota e frequentata località balneare che richiama in estate molti turisti. Tra le architetture religiose da ammirare si annoverano la Chiesa di Santa Maria della Misericordia risalente al 1348, con mirabili affreschi cinquecenteschi eseguiti da Giacomo Confini e dai suoi allievi. Di pregio archeologico anche i resti di una villa romana del II secolo a.C. Intorno ad un piccolo lago artificiale, c' è poi l'oasi naturalistica "Le fonti del Vascello".

CICLOVIA ADRIATICA
CICLOVIA ADRIATICA

Da Martinsicuro a Roseto degli Abruzzi, è possibile pedalare lungo la costa per circa 25 km, grazie ai ponti in legno costruiti sul torrente Vibrata, sul Salinello e sul fiume Tordino.

GOLE DEL SALINELLO
GOLE DEL SALINELLO

La Riserva Naturale delle "Gole del Salinello", strettissimo canyon con pareti a strapiombo scavato dal fiume Salinello, rappresenta uno dei luoghi più spettacolari e selvaggi dell'intero territorio abruzzese. All'ingresso delle Gole si trova la preistorica grotta dell'eremo di Sant'Angelo.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Pedalare in Val Vibrata. Scrivi tu il primo commento su Pedalare in Val Vibrata

Dati tecnici

Comune di partenza: Martinsicuro

Partenza: Martinsicuro

Comune di arrivo: Martinsicuro

Arrivo: Martinsicuro

Lunghezza(km.): 140

Difficoltà:

Disciplina: Misto

Tipologia itinerario: Giornata intera

Dislivello in salita (m): 2500

Dislivello in discesa (m): 2500

Punto più alto (m): 1189

Punto più basso (m): 0

Durata (h): 10

% ciclabilità : 95

Comuni attraversati

Alba Adriatica (TE)
Alba Adriatica (TE)

Alba Adriatica è un comune italiano di 12.386 abitanti della provincia di Teramo in Abruzzo. È...

Civitella del Tronto (TE)
Civitella del Tronto (TE)

Centro medievale situato su di un colle, sorvegliato dalle mura di una storica fortezza; alle...

Campli (TE)
Campli (TE)

Centro di collina sorto nella remota antichità, rurale per tradizione ma proiettato con slancio...