Tra Rinascimento e Pop Art in Valtiberina

In bici attorno a Città di Castello, nel verde del "cuore" d'Italia

Viaggio nel cuore del Belpaese, dove Umbria e Toscana si incontrano tra le acque verde smeraldo del Tevere.

L’Alta Val Tiberina è una sorta di territorio di confine tra occidente e oriente d’Italia, dove natura e arte si danno appuntamento, tra un capolavoro rinascimentale di Piero della Francesca da una parte e la forza delle pulsioni della Pop Art di Alberto Burri dall’altra.
Una piccola magia da scoprire pedalando lungo le stradine di campagna che circondano la suggestiva Città di Castello, principale centro della valle, ricco di storia e cultura.

Itinerario presente sulla Guida Viatoribus: Italia in Bici con Gusto

Descrizione del percorso:
Il percorso ad anello di 25 km ha partenza e arrivo presso Città di Castello.

Da Piazza Garibaldi si esce dal centro storico su viale de Cesare in direzione Fano. Costeggiando l’ospedale si prende la strada che porta a Badiali, quindi si seguono le indicazioni per Vallurbana  e Selci-Lama. Giunti in località Grumale, al primo bivio (dopo 500 m.) si piega a sinistra in un incrocio poco segnalato presso il cartello che indica il ristorante “Torrione”.

Dopo 1,2 km si arriva a Selci-Lama, dove nei pressi del fiume Selci ci si immette nella ciclabile su sfondo sterrato che senza difficoltà raggiunge la confluenza col Tevere fuori l’abitato.
Seguendo il corso del fiume per circa 10 km, pedalando immersi nel verde, si fa ritorno a Città di Castello nei pressi del Canoa Club. Su asfalto si punta il manubrio verso il centro storico.

Consigli tecnici:
I primi 10 km fino a Selci-Lama sono su strade asfaltate secondarie, il resto del percorso è su ciclabile protetta percorribile solo in bici o a piedi.

Punti d'interesse

CITTA’ DI CASTELLO
CITTA’ DI CASTELLO

E’ il centro principale dell'Alta Valle del Tevere, caratterizzato da una storia antica, le cui vicende sono spesso state dettate dalla contrapposizione tra potere civico e religioso. Cinta ancora per buoni tratti dalle mura cinquecentesche, la città è ricca di arte, che si può ritrovare nelle eleganti architetture rinascimentali, nei cortili e nei loggiati dei palazzi gentilizi, nei chiostri e nelle navate delle chiese. Nel centro storico ci sono gli edifici amministrativi più antichi, come il Palazzo del Podestà (con facciata barocca del 1686) e il Palazzo Comunale. Nella centrale Piazza Matteotti si affacciano altri palazzi importanti. Storica anche la Torre Civica del XIII secolo, chiamata “Torre del Vescovo” perché unita al Palazzo Vescovile. Non mancano gli edifici religiosi, come il Duomo, con il caratteristico campanile rotondo, la Chiesa di San Domenico e la Chiesa di San Francesco. Città di Castello lega il proprio nome ad un grande artista del Novecento: Alberto Burri, uno dei maggiori esponenti dell'arte informale italiana. Un museo con alcune sue opere è stato creato nel complesso industriale dell’Ex Seccatoio del Tabacco, riadattato a spazio espositivo e inaugurato nel 1990.

COMMENTI

PER INSERIRE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO



Non sono stati scritti ancora commenti su Tra Rinascimento e Pop Art in Valtiberina. Scrivi tu il primo commento su Tra Rinascimento e Pop Art in Valtiberina

Dati tecnici

Comune di partenza: Città di Castello

Partenza: Città di Castello

Comune di arrivo: Città di Castello

Arrivo: Città di Castello

Lunghezza(km.): 25

Difficoltà: Facile

Disciplina: Cicloturismo

Tipologia itinerario: Mezza giornata

Dislivello in salita (m): 50

Dislivello in discesa (m): 50

Punto più alto (m): 333

Punto più basso (m): 275

Durata (h): 2