Casale Monferrato

Antica capitale del Monferrato, è una delle più interessanti città d'arte del Piemonte. Casale è stata definita "città barocca" per i molti palazzi e chiese, con i loro pregevoli interni, rinnovati in quella stagione architettonica; ma Casale ha attrattive appartenenti ad ogni epoca. Ogni secondo fine settimana del mese è possibile visitare palazzi e monumenti con Casale Città Aperta.

Storia

Alle prime attestazioni medievali del toponimo riportanti solo CASALIS, seguono quelle di CASALIS SANCTI EVAXIJ e CASSALIS SANTI EVAXIJ, derivanti dal termine latino che indica in origine un modesto insediamento rurale. Di origine antica, fu abitata da popoli celtico-gallici e poi dai romani. Con le prime invasioni barbariche venne distrutta e, nell’VIII secolo, venne a crearsi un agglomerato detto Sedulia dove trovò rifugio il vescovo Evasio durante la persecuzione degli ariani, i quali riuscirono a ottenere la sua morte per decapitazione. Il re Liutprando, adirato per quest’uccisione, marciò verso i responsabili e vendicò il santo. Nell’anno 882 venne donata, da Carlo il Grosso, all’episcopato di Vercelli; nel 1196 divenne libero comune e nel 1215 venne rasa al suolo dall’esercito alessandrino e di Tommaso di Savoia. Risorta con Federico II, nel 1303 passò agli Aleramici, e poi ai Visconti e ai Paleologi. Con Guglielmo VIII del Monferrato ebbe un suo senato e il titolo di città, diventando capitale monferrina e, nel 1474, sede vescovile. Con l’estinzione dei Paleologi venne occupata da Carlo V che, dopo la pace di Cateau Cambrésis, la assegnò ai Gonzaga di Mantova. Intorno al 1630 fu assediata dagli spagnoli e, difesa dai francesi, ne subì il dominio fino al 1652. Passò al re francese Luigi XIV e da questi venne ceduta al duca di Mantova finché non divenne dominio dei Savoia, a cui venne confermata col trattato di Utrecht del 1713. Occupata durante la rivoluzione francese e subito liberata durante la restaurazione, nel 1805 fu visitata da Napoleone Bonaparte. Su decisione del congresso di Vienna tornò ai Savoia e le venne restituito il senato. Tra i monumenti si segnalano: la cattedrale di Sant’Evasio, in stile romanico-lombardo, dell’XI secolo; il castello dei Gonzaga, a pianta esagonale asimmetrica, del 1352; la chiesa di Santa Maria delle Grazie; la piazza Mazzini, con un monumento equestre; il Monumento ai Caduti, con statue del Bistolfi; il palazzo Gozani di San Giorgio; il palazzo Sannazzaro, costruzione gotica trasformata in età barocca.

Come arrivare

AUTO: È attraversata dalle strade statali n. 31 e n. 31 bis del Monferrato e n. 596 diramazione dei Cairoli; dista 3 km dal proprio casello autostradale che immette sull’autostrada A26 Voltri-Gravellona Toce. TRENO: Il collegamento ferroviario è assicurato dalle linee Asti-Mortara, Valenza-Castelrosso e Vercelli-Casale Popolo che hanno uno scalo sul posto. AEREO: L’aerostazione di riferimento, posta nel capoluogo regionale, dista 99 km; quella intercontinentale di Milano/Malpensa a 82 km.

Monumenti

Castello dei Gonzaga Palazzo Gozzani Duomo Chiesa di Santo Stefano Chiesa di Sant'Ilario Chiesa di Sant'Antonio Abate Chiesa di Santa Caterina Chiesa di San Filippo Neri Chiesa di San Domenico Chiesa della Misericordia

Musei

Museo Civico e Gipsoteca Bistolfi Museo d'Arte e Storia Antica Ebraica

Eventi

SETTEMBRE - Festa del Vino e del Monferrato

Percorsi

Il parco del Po e le colline Monferrine

Il parco del Po e le colline Monferrine

<p>Un anello di 65 chilometri per amanti della mountain bike. Da Casale Monferrato, città d’arte, alle botteghe orafe di Valenza, attraversa le risaie piemontesi della piana del Po e le prime alture del Monferrato. <strong>FONTE:</strong>...

Nazione: IT

Regione: Piemonte

Provincia: Alessandria

Indirizzo: Via Mameli, 10

Telefono: +39 014244411

Fax: +39 0142444312

Altitudine (min/max): 95/299

Superfice (Kmq): 86.00

Popolazione: 36069

Nome abitanti: casalesi o casalaschi

Densità (ab. per Kmq): 418

Frazioni: Popolo, Rolasco Vialarda, Roncaglia, San Germano, Santa Maria del Tempio, Terranova

Comuni limitrofi: Balzola, Borgo San Martino, Camagna Monferrato, Candia Lomellina (PV), Coniolo, Conzano, Frassineto Po, Morano sul Po, Motta de' Conti (VC), Occimiano, Ozzano Monferrato, Pontestura, Rosignano Monferrato, San Giorgio Monferrato, Terruggia, Villanova Monferrato

Classe climatica: E

Classe sismica: 1

Santo patrono: Sant'Evasio

Giorno festivo: 12 novembre