Crespano del Grappa

Ai piedi del Monte Grappa, monte sacro, noto per le epiche vicende della prima guerra mondiale (1914-18), si stende placido e ameno Crespano detto del Grappa perché ha vissuto in prima linea le fasi della lotta, rafforzata dalle azioni sul Massiccio dell'ultima guerra (1940-44). Le molte strade, i suggestivi sentieri permettono al villeggiante di godere e ammirare la bellezza del luogo, sia andando verso la pianura sia verso la montagna Mete obbligate sono il Santuario del Covolo e il Monumento Ossario sulla vetta del Grappa. La Madonna del Covolo (altitudine circa 500 metri) è un tempio che ricorda il Pantheon costruito su disegno di Antonio Canova, lo scultore più famoso dell'epoca di Napoleone. La cima del Monte Grappa (altitudine 1779) richiama italiani e stranieri in visita al Monumento ossario coi resti di soldati italiani, austriaci, ungheresi, slavi ed altri testimoni di un sacrificio. Da cima Grappa la vista spazia su tutto l'arco della pianura padano-veneta con possibilità di ammirare Venezia ed anche gli Appennini. A Crespano si possono trovare tutti i servizi necessari per un soggiorno piacevole e soprattutto tranquillo, lontano da rumori e inquinamenti.

Storia

Molte ipotesi sono state formulate sulla derivazione del nome del luogo; forse la più attendibile è quella che lo fa derivare dall’onomastico latino Crispianus, proprietario in questa zona di un terreno. Le origini sembrano risalire, quindi, all’epoca romana, come attestano anche i consistenti ritrovamenti archeologici effettuati, ma altro materiale archeologico raccolto certifica un origine più antica, addirittura preistorica. Politicamente appartenne a una delle più importanti famiglie nobili di Treviso, i Da Crespano, e in seguito fu posseduta dai Carraresi; infine, dal 1388 al 1796, passò sotto il dominio della repubblica di Venezia, che la incluse nella podesteria di Asolo. Nel 1695 un violento terremoto distrusse molte abitazioni e gravi furono i momenti attraversati dagli abitanti; nel corso della prima guerra mondiale, poi, divenne uno dei principali campi di battaglia, e anche in quest’occasione numerosi furono i danni subiti. Nel patrimonio storico-architettonico si conservano soprattutto edifici sacri, come la chiesa arcipretale, risalente al XVIII secolo, la chiesetta di San Pancrazio, che si pensa eretta nel VI secolo; la chiesa dei Santi Marco e Pancrazio, di cui rimane solo la facciata, e che presenta, accanto, un campanile; la chiesa di San Paolo; il Santuario del Covolo.

Come arrivare

AUTO: A 5 chilometri corre la strada statale n. 248 Schiavonese Marosticana; il più vicino tracciato autostradale è quello dell’A31 Vicenza-Piovene Rocchette e vi si accede tramite il casello di Dueville, posto a 39 km. TRENO: La stazione ferroviaria più vicina, lungo le linee Venezia-Trento e Bassano del Grappa-Camposampiero, dista 12 chilometri. AEREO: Il collegamento con la rete di traffico aereo è dato dall’aerostazione di riferimento, posta a 67 km, per le linee intercontinentali dirette si utilizza quella di Milano/Malpensa, a 304 km. A 41 km c’è anche l’aeroporto di Treviso/San Giuseppe.

Monumenti

Villa Manfrotto Canal (in località Gherla) Santuario Madonna del Covolo

Percorsi

Ciaspolata sul Monte Grappa

Ciaspolata sul Monte Grappa

Escursione in ciaspole sulle Prealpi Venete

<p>D'inverno il <strong>Monte Grappa</strong> si trasforma. Si trova nelle <strong>Prealpi Venete</strong>, tra il canale del Brenta e la valle del Piave, e quando le sue ampie mulattiere ed i suoi sentieri si tingono di bianco, è il momento...

Nazione: IT

Regione: Veneto

Provincia: Treviso

Indirizzo: Via IV Novembre, 31

Telefono: +39 0423930146

Fax: +39 0423939364

Altitudine (min/max): 181/1775

Superfice (Kmq): 17.86

Popolazione: 4726

Nome abitanti: crespanesi

Densità (ab. per Kmq): 265

Frazioni: Barati, Rosset, Santa Lucia

Comuni limitrofi: Borso del Grappa , Cismon del Grappa (VI) , Fonte , Paderno del Grappa , San Zenone degli Ezzelini

Classe climatica: E

Classe sismica: 3

Santo patrono: San Marco

Giorno festivo: 25 aprile