Garda

Centro di collina, di origine preistorica, la cui economia è basata prevalentemente sulle attività agricole, zootecniche, alberghiere e commerciali. I gardesani presentano un indice di vecchiaia di poco superiore alla media e sono distribuiti tra il capoluogo comunale, con la maggiore concentrazione demografica, e i nuclei urbani Beati Bassi e Corno, oltre che in alcune case sparse. Il territorio, confinante con la riva del lago di Garda, è caratterizzato da un profilo geometrico irregolare, con variazioni altimetriche accentuate: infatti, va da una quota minima di 65 metri ad una massima di 350 metri sul livello del mare. Nello stemma comunale, concesso con Decreto del Capo del Governo, si raffigura un monte, sovrastato dall’antico castello del Monte Rocca, le cui falde sono lambite dalle acque del lago di Garda; ai piedi del monte domina l’immagine di un leone che, nella sua fierezza, sembra sorridere alle increspanti onde.

Storia

Comune di origine preistorica i cui primi abitanti furono i neolitici del V millennio a.C. testimoniati dai resti di palafitte e utensili rinvenuti presso la Rocca. Resti di edifici romani sono venuti alla luce durante la costruzione dell’eremo dei Camaldolesi. La Rocca fece da prigione nel 951 d.C. alla regina Adelaide; alla morte di suo marito Lotario, Berengario, padre del marito defunto, le chiese di sposare l’altro suo figlio ed erede Adalberto, essendosi rifiutata la fece imprigionare. Adelaide riuscì però a fuggire e sposò Ottone I. Nell’XI secolo fu il centro della Giudicaria Gardense, distretto amministrativo. Nella seconda metà del XII secolo fu assediata dal Barbarossa. Successivamente passò a Verona, in seguito alla signoria Scaligera e ai primi del XV secolo alla repubblica di Venezia. Tutt’ora esiste la Corporazione degli Originari, sorta nella metà del XV secolo, che possedeva i diritti di pesca nelle acque del lago. Tali diritti garantiti da Venezia furono riconosciuti da Napoleone e dal Regno d’Italia. Alla fine del XV secolo Federico III volle assistere alla famosa pesca dei carpioni e per questa ragione si imbarcò a Lazise su una galera inviatagli da Venezia e navigò fino ad arrivare al lago di Garda per essere presente alla gara. Non si segnalano altri avvenimenti sotici di rilievo. Il suo patrimonio storico-architettonico è costituito: dalla pieve di Garda del X secolo; dalla chiesa di San Bernardo risalente al XIV secolo; dalla chiesa di San Carlo; dal “Palazzo” già Carlotti del XVI secolo; da Villa Albertini; da Villa Canossa del XVI secolo e da Villa Guarienti risalente al XVI secolo.

Come arrivare

AUTO: È attraversata dalla strada statale n. 249 Gardesana Orientale; il più vicino tracciato autostradale è quello dell’A22 Brennero-Verona-Modena, cui si accede dal casello di Affi-Lago di Garda Sud, posto a 10 km. TRENO: La rete ferroviaria non è facilmente raggiungibile: infatti la stazione di riferimento lungo la linea Verona-Milano, dista 17 km. AEREO: Il collegamento con la rete di traffico aereo è dato dall’aerostazione più vicina utilizzata per i voli nazionali e internazionali posta a 34 km, mentre l’aeroporto di Milano/Malpensa, che offre linee intercontinentali dirette, dista 189 km.

Monumenti

Palazzo Carlotti Palazzo Fregoso Villa Albertini (ottocentesca) Parrocchiale dell'Assunta (settecentesca) Chiesa di Santa Maria Maggiore

Eventi

AGOSTO - Palio delle Contrade, regata notturna sulle acque del lago

Percorsi

Lago di Garda, dolci Colli Gardesani in bicicletta

Lago di Garda, dolci Colli Gardesani in bicicletta

<p>Escursione in bicicletta che spazia dal <strong>lago di Garda</strong> all'entroterra collinare. Un saliscendi facile, immerso nella dolce <strong>campagna </strong>intorno al lago, da dove tra un olivo e un vitigno si potranno godere di...

Nazione: IT

Regione: Veneto

Provincia: Verona

Indirizzo: Lungolago Regina Adelaide, 15

Telefono: +39 0456208444

Fax: +39 0456208426

Altitudine (min/max): 65/350

Superfice (Kmq): 16.11

Popolazione: 3992

Nome abitanti: gardesani

Densità (ab. per Kmq): 249

Frazioni: Castei, Giare, Punta San Vigilio, Scaveaghe

Comuni limitrofi: Bardolino, Costermano, Manerba del Garda (BS), San Felice del Benaco (BS), Torri del Benaco

Classe climatica: E

Classe sismica: 2

Santo patrono: Maria SS. Assunta

Giorno festivo: 15 agosto