Sant'Ambrogio di Valpolicella

Centro di collina, di antica origine, con un'economia di tipo agricolo e industriale. Gli ambrosiani, che presentano un indice di vecchiaia nella media, sono concentrati per la maggior parte nel capoluogo comunale, che fa registrare evidenti segni di espansione edilizia ed è contiguo alle località Passaggio di Napoleone del comune di Dolcè, Sega del comune di Cavaion Veronese, Ospedaletto del comune di Pescantina e Bure del comune di San Pietro in Cariano; il resto della popolazione è distribuito tra numerose case sparse e gli aggregati urbani di Monte, San Giorgio di Valpolicella, Brentani e Calcarole. Il territorio presenta un profilo geometrico irregolare, con quote comprese tra gli 86 e i 1.075 metri, e offre un panorama collinare molto suggestivo. Sullo sfondo azzurro dello stemma comunale, concesso con Regio Decreto, sono raffigurati due monti d'argento, fondati su una campagna verde e accompagnati da una pianta di vite, munita di grappoli rossi.

Storia

I primi insediamenti nella zona, in cui sono state rinvenute tracce della presenza dell'homo erectus, che pare vi abbia abitato circa 300.000 anni fa, risalgono a epoche preistoriche, come provato dal ritrovamento di vari reperti archeologici databili tra l'età neolitica e quella del bronzo. A questi stanziamenti ne subentrarono altri fino ad arrivare alla colonizzazione dei romani, di cui ci sono pervenute numerose testimonianze. Nel corso del Medioevo grande rilievo ebbe il borgo di San Giorgio, che fino al XV secolo fu sede di una pieve con giurisdizione estesa su gran parte dei territori circostanti. Annessa alla repubblica di Venezia agli inizi del Quattrocento, fu gravemente colpita dalla peste del 1630, che ne decimò la popolazione, seguendo nei secoli successivi le vicende del resto del Veneto, invaso da Napoleone dopo la caduta della Serenissima nel 1796 e poi dagli austriaci ed entrato a far parte del Regno d'Italia nel 1866. Tra i monumenti, oltre alla già citata pieve di San Giorgio del Duecento ma con strutture risalenti all'ottavo secolo, degne di nota sono: la parrocchiale di Sant'Ambrogio della seconda metà del Settecento; la chiesa di San Zeno in Poia, costruita nel XIII secolo; la quattrocentesca casa Panteo; villa Bassani; la chiesa e la villa Rovereti nella località di Domegliara; l'ottocentesca parrocchiale e villa Serego-Alighieri a Gargagnano e, a Ponton, l'antica chiesa di Santa Maria Maddalena e villa ex Nichesola del Cinquecento.

Come arrivare

AUTO: È raggiungibile dalle strade statali n. 12 dell'Abetone e del Brennero, situate ad appena un chilometro dall'abitato, e dall'autostrada A22 Brennero-Verona-Mantova, cui si accede dal casello di Affi-Lago di Garda Sud, distante 10 km. TRENO: Ancora più agevole si presenta il collegamento con la rete ferroviaria. La linea Verona-Brennero ha infatti uno scalo sul posto, situato a soli 2 km. AEREO: L'aeroporto più vicino è a 27 km; quello intercontinentale di Milano/Malpensa dista 197 km.

Prodotti tipici

Nell'economia locale l'agricoltura, favorita dalle caratteristiche del terreno, conserva un ruolo importante: si coltivano cereali, frumento, foraggi, vigneti, frutteti e oliveti; è praticato anche l'allevamento di suini e avicoli.

Musei

Museo della Pieve (Piazza della Pieve - tel.+39 0457701018)

Eventi

SETTEMBRE - “Festa de le fa' e”, caratterizzata dalla presenza di un enorme paiolo pieno di zuppa di fave; SETTEMBRE - Mostra mercato internazionale di marmi, pietre, graniti e derivati; GIUGNO - Gara ciclistica nazionale “Gran Premio Sportivi di Gargagnano”; LUGLIO - Festa delle Pro Loco Corsa podistica “Scarpusando tra en goto e l'altro”; SETTEMBRE - Sagra Settembrina; MAGGIO - Festa della comunità de Domeiara, che si protrae per una settima, durante la quale vi sono musica, teatro, mostre e un raduno di moto e auto d'epoca

Percorsi

I Monti Lessini in bicicletta

I Monti Lessini in bicicletta

Tra i paesaggi collinari della Lessinia, con uno sguardo a Verona

<p>Isolata tra la valle dell'Adige, i Monti Lessini e la Valdagno, la <strong>Lessinia</strong> non è attraversata da grandi vie di comunicazione ed è poco nota. Si tratta di una <strong>zona collinare</strong> che si alza gradualmente dalla...

Nazione: IT

Regione: Veneto

Provincia: Verona

Indirizzo: Via Sengio, 1

Telefono: +39 0456832611

Fax: +39 0456860592

Altitudine (min/max): 86/1075

Superfice (Kmq): 23.50

Popolazione: 11509

Nome abitanti: ambrosiani

Densità (ab. per Kmq): 495

Frazioni: Domegliara, Gargagnago, Ponton, Monte, San Giorgio

Comuni limitrofi: Cavaion Veronese, Dolcè, Fumane, Pastrengo, Pescantina, Rivoli Veronese, San Pietro in Cariano

Classe climatica: E

Classe sismica: 2

Santo patrono: Sant'Ambrogio

Giorno festivo: 7 dicembre