Gallio

Alle pendici del Longara e delle Melette, Gallio è attualmente uno dei centri turisticamente più rinomati e conosciuti del comprensorio altopianese; la sua felicissima posizione geografica, di poco spostata a nord-est rispetto al capoluogo Asiago, ne ha favorito il grande sviluppo turistico. Menzionato fin dagli albori della storia altopianese (di esso si ha notizia assieme ad altri centri, fin dai documenti del X secolo e la sua prima Chiesa viene data come una delle antesignane della presenza religiosa cristiana sull'Altopiano), Gallio è ricordato come borgo operosissima ed industrioso, la cui gente sapeva ben utilizzare le risorse a propria disposizione. Così sfruttarono adeguatamente l'inusuale (per un altopiano carsico) abbondanza di sorgenti d'acqua per far muovere macine, magli e mulini, soprattutto lungo la Covola e la Valle dei Ronchi, "preludio" alla Val Frenzela, impervio solco tracciato dall'erosione dell'acqua nella roccia che per i lunghi secoli fu vitale via di comunicazione, di traffici e di scambi economici e commerciali fra l'Altopiano e la pianura veneta. Ma in molti altri traffici ed attività si impegnarono i gallesi nei secoli della loro storia (dalla concia delle pelli alle coltivazioni di segale e frumento, dalla pastorizia al commercio e alla lavorazione di lane e legnami), verso la metà del XVII secolo il paese venne raso al suolo da un furioso incendio ma ben presto ricostruito, così ricordano gli storici dell'Altopiano. Subito il dramma della Grande Guerra e pagatone il pesante tributo umano, sociale, economico e morale, la gente di questo centro seppe ricostruire ancora una volta il proprio avvenire con sagacia e fierezza, finché giunse il boom del turismo e la vocazione al ruolo di stazione turistica a ridisegnare il destino ed il futuro di questa terra. Così Gallio ha spostato il baricentro della sua economia sulla bilancia del turismo sia estivo che invernale, forte dell'amena posizione geografica, delle favorevoli condizioni climatico-ambientali di un territorio vasto ed eterogeneo, della disponibilità di località ideali ad ospitare la voglia di sport, di svago e relax del turista. Nel mondo dello sport, specie ovviamente quella parte di esso legata al ghiaccio ed alla neve, Gallio si presenta con un invidiabile biglietto da visita, fatto di una lunga lista di campioni nelle varie discipline (dall' hockey su ghiaccio al salto con gli sci, dal fondo al pattinaggio di velocità) e di strutture; su tutte il maestoso trampolino in cemento armato K95 eretto negli anni ottanta per ospitare i Campionati Mondiali Juniores di salto e sci nordico (e che sorge fra l'altro nella storica valle dei Trampolini del Pakstall), manifestazione che, dopo la felice riuscita nell'edizione del 1987, è stata ripetuta nel 1996, e l'anello naturale ghiacciato di Busa Fonda (gestito dal Corpo Forestale dello Stato) che ogni anno ospita manifestazioni di pattinaggio di velocità, mondiali speedway su ghiaccio e di auto su ghiaccio a livello nazionale, internazionale e mondiale. Dal 1993 Gallio ha sottoscritto un patto di gemellaggio con Ugine , cittadina francese della Savoia, dove su circa 8000 abitanti più di 300 sono emigranti galliesi provenienti in prevalenza da Stoccareddo; il patto di amicizia prevede che vi sia ogni anno uno scambio, alternativamente in una e nell'altra cittadina, in occasione di una manifestazione popolare.

Storia

Il Santuario Mariano della "Madonna del Caravaggio", in località Buso, sorto nei primi decenni del secolo scorso per volontà del frate francescano Frà Battista Casera proprio a ridosso della strozzatura naturale di configurazione tra la Valle dei Ronchi e la Val Frenzela. Attualmente la piccola chiesa (sovrastata da un ardimentoso ponte a campata unica che porta alla frazione di Stoccareddo) è stata restaurata e continua ad essere meta di turisti e di fedeli, questi ultimi particolarmente numerosi ed uniti nelle due celebrazioni mariane annuali: il 26 maggio (anniversario dell'apparizione della Madonna del Caravaggio a Pinè) ed il 26 luglio (Festa di Sant’Anna).

Come arrivare

AUTO: Dall’Autostrada A4 Serenissima (Milano-Venezia), in prossimità dell'uscita Vicenza Est si imbocca la comodissima Autostrada A31 Valdastico sino a Piovene Rocchette; da qui si prende la Strada Provinciale del Costo nº349. Dall'Austria, per Bolzano e Trento, passando per Lavarone e per l’Altopiano di Vezzena. TRENO: Treni da Milano e da Venezia fino a Vicenza, anche proseguendo fino a Bassano del Grappa o Thiene. PULLMAN: Corse tutti i giorni dell’anno da Vicenza, da Padova, da Bassano del Grappa e da Thiene. Con la Società Autostradale da Milano, solo in alta stagione. AEREO: Aeroporti di
Venezia a 110 km; Treviso a 130 km; Verona a 105 km. Ad Asiago, aeroporto turistico con pista in asfalto per velivoli leggeri.

Prodotti tipici

Latte – Formaggi – Miele – Distillerie – Funghi – Conserve

Monumenti

Il Santuario della Madonna del Caravaggio. Di interesse: Il Sentiero del Silenzio, Porta della Memoria, a Campomuletto di Gallio

Musei

Museo all’aperto di Monte Zebio, a 1675 m. in loc. Malga Zebio, conservando opere difensive e trincee e non cancellando i segni del tempo

Eventi

Festa dell’Emigrante alla Chiesetta della Salute Festa del Santo Patrono in località Stoccareddo

Percorsi

Altopiano di Asiago

Altopiano di Asiago

Sull'altopiano tra natura e tipicità

<p>La storia ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri </strong>di provenienza nordica. La lingua...

Asiago - Sull'Altopiano, tra natura e malghe

Asiago - Sull'Altopiano, tra natura e malghe

<p>La<strong> storia</strong> ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri</strong> di provenienza...

Asiago - Dall'Altopiano alla Valbrenta

Asiago - Dall'Altopiano alla Valbrenta

<p>La<strong> storia</strong> ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri</strong> di provenienza...

Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

<p>La<strong> storia</strong> ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri</strong> di provenienza...

Escursione in ciaspole sull'Altopiano di Asiago

Escursione in ciaspole sull'Altopiano di Asiago

Facile percorso tra panorami innevati e storie di guerra

<p>Paradiso per gli amanti della vacanza attiva, sull'<strong>Altopiano di Asiago </strong>sono anche state scritte alcune tra le pagine più insanguinate della storia italiana. Il territorio è stato infatti teatro cruento della <strong>Grande...

Nazione: IT

Regione: Veneto

Provincia: Vicenza

Indirizzo: Via Roma, 2

Telefono: +39 0424447923

Fax: +39 0424447922

Altitudine (min/max): 416/1787

Superfice (Kmq): 48.00

Popolazione: 2483

Nome abitanti: Galliesi

Densità (ab. per Kmq): 52

Frazioni: Stoccareddo

Comuni limitrofi: Asiago, Enego, Foza

Classe climatica: F

Classe sismica: 2

Santo patrono: San Bartolomeo

Giorno festivo: 24 agosto