Lusiana

Il nome Lusiana deriva dal termine cimbro Lus-aan significa 'taglia fuori': la parola veniva riferita all'originario disboscamento del territorio. In verità però il termine è ancora più antico infatti deriva dal latino Lucus Dianae (bosco di Diana) nome dato dai romani alla zona del monte Cornion dove sono presenti tracce di insediamenti già dal paleolitico, la mezzaluna rovesciata sullo stemma del comune rappresenta appunto questo richiamo religioso del nome.

Storia

Interessanti a livello artistico sono le pale di Jacopo Da Ponte (Jacopo Bassano), custodite nelle chiese del capoluogo e della frazione di Santa Caterina presso la quale è anche conservata una Sacra Spina. La chiesa parrocchiale del capoluogo fu edificata nelle forme attuali tra il XVIII secolo e la prima metà del XIX. Essa è dedicata a San Giacomo ed ha uno svettante campanile. Presso la frazione Piazza Campana si trova la più antica campana di tutto il Veneto. in località Covolo è sita la chiesa di San Donato, piccolo gioiello di storia, arte e fede edificata nel 1089.

Come arrivare

AUTO: Dall’Autostrada A4 Serenissima (Milano-Venezia), in prossimità dell'uscita Vicenza Est si imbocca la comodissima Autostrada A31 Valdastico sino a Piovene Rocchette; da qui si prende la Strada Provinciale del Costo nº349. Dall'Austria, per Bolzano e Trento, passando per Lavarone e per l’Altopiano di Vezzena. TRENO: Treni da Milano e da Venezia fino a Vicenza, anche proseguendo fino a Bassano del Grappa o Thiene. PULLMAN: Corse tutti i giorni dell’anno da Vicenza, da Padova, da Bassano del Grappa e da Thiene. Con la Società Autostradale da Milano, solo in alta stagione. AEREO: Aeroporti di
Venezia a 110 km; Treviso a 130 km; Verona a 105 km. Ad Asiago, aeroporto turistico con pista in asfalto per velivoli leggeri

Prodotti tipici

Latte – Formaggi – Miele – Distillerie – Funghi – Conserve

Monumenti

Monumenti religiosi: Chiesa arcipretale di San Giacomo in piazza IV novembre; Chiesa di Santa Caterina nella frazione omonima (data della fondazione è ignota ma è testimoniata la sua esistenza già nel XIV sec. Al suo interno è custodita la reliquia di una Spina della Corona di Cristo oggetto sacro di grande venerazione per gli abitanti del posto); Chiesa di Santa Maria Maddalena in frazione Laverda (risale al 1766 ed è dedicata alla Santa patrona, alla Madonna del Rosario e Sant' Antonio); Santuario del Lazzaretto in loc. Campana (negli anni appena successivi la terribile peste del 1630, i fedeli sopravvissuti eressero un'edicola dedicata a San Rocco, il Santo invocato dal popolo quale protettore della malattia); Torre Campanaria sempre in loc. Campana (al suo interno è conservata una caratteristica campana in bronzo. Su di essa l'iscrizione incisa con caratteri gotici riporta la data 1388 e la rende la più antica del territorio vicentino); Chiesa di San Donato in loc. Covolo (ricordata fin dal 1089 quale cappella dipendente da Santa Maria di Breganze, la chiesa vanta il primato di essere la più antica del territorio dei Sette Comuni); Chiesa di Santa Maria degli Emigranti in frazione Velo (la chiesa nasce dall'esigenza di concretizzare il legame tra il paese e tutti coloro che emigrando hanno dovuto lasciarlo. E' luogo di incontro spirituale tra la Patria e chi si è allontanato dalla terra natia); Oratorio della Madonna della Salute e di San Vitale in loc. Vitarolo (Risalente al 1578, all'interno sono presenti due tele: "La fuga in Egitto" e "Cristo alla colonna"); Oratorio di San Gaetano da Thiene a Campomezzavia (Edificato nel 1707, adornato da un altare in marmo e da un olio raffigurante il Santo. Inoltre fra i capitelli ricordiamo quelli presenti a Campomezzavia, alla contrada Maini, Busa, Xausa e lungo la strada che conduce a Velo). Altri monumenti: Museo Palazzon "Tradizioni della Gente di Lusiana” (Racchiuso all'interno del Palazzon, il museo è lo scrigno delle usanze e dei costumi degli abitanti di Lusiana. Si trovano, fedelmente ricostruiti, diversi scorci degli ambienti del passato: la cucina, la cantina, la camera, la malga e la parte dedicata alla lavorazione della paglia. Aperture e orari: Maggio, giugno, settembre e ottobre: domenica e festivi ore 15.00-19.00 Luglio e agosto da martedì a sabato ore 15.00-19.00; domenica e festivi ore 10.00-12.00 e 15.00-19.00. In altri periodi, per gruppi, su prenotazione); Villaggio Preistorico del Monte Corgnon (Il villaggio preistorico con le sue capanne e gli spazi per i laboratori è meta ideale per gli amanti della preistoria e dell'ambiente naturale. Aperture e orari: Maggio, giugno, settembre e ottobre: domenica e festivi ore 15.00-19.00 Luglio e agosto: sabato ore 15.00-19.00; domenica e festivi ore 10.00-12.00 e 15.00-19.00 In altri periodi, per gruppi, su prenotazione); Valle dei Mulini (Situata nella parte meridionale del comune, la valle dei Mulini, percorsa dal torrente Chiavone, ospita caratteristici edifici che conservano tuttora i meccanismi per sfruttare l'energia idraulica. Il mulino Garzotto, dei "Sola", il pestarino dei Rigine e il maglio Garzotto si possono definire piccoli capolavori dell'ingegno umano. Aperture: Per le visite guidate all'intera valle e agli edifici è necessaria la prenotazione); Area dimostrativa Labiolo sulle attività del bosco (In una radura situata nel cuore di una faggetta sorgono i baiti del boscaiolo e le ricostruzioni della calcara e della carbonara come prova del legame dell'uomo al bosco. Nelle vicinanze è possibile percorrere il sentiero delle calcare. Aperture: L'area è liberamente visitabile. Per visite guidate è necessaria la prenotazione); Giardino Botanico Alpino del Monte Corno (Posto su un promontorio sassoso - roccioso compreso tra due lingue prative, il Giardino ospita i principali ambienti vegetativi dell'Altopiano dei Sette Comuni. Aperture: Maggio, giugno, luglio,agosto e settembre: domenica e festivi ore 10.30-12.00 e 15.30-17.30. Visite guidate ore 10.30 e 15.30 In altri periodi, per gruppi, su prenotazione); Parco del Sojo – Arte e Natura (Sorto nel contesto naturale dello sperone roccioso del Sojo, il Parco raccoglie sculture d'arte moderna e resti di antichi manufatti dell'uomo).

Musei

Il Museo Diffuso di Lusiana - Un vero e proprio ecomuseo composto da poli sparsi sul territorio, curato dall'Associazione Lusaàn ar Spilar Natura. Inoltre di interesse: Il Sito archeologico del Corgnon Il Giardino della Flora Alpina in località Granezza-Monte Corno

Eventi

Sagra di San Giacomo - Festa della Carne Secca Festa degli Gnocchi a Santa Caterina Festa della Madonna del Lazzaretto Festa dell’Emigrante a Velo di Lusiana Festa a Valle di Sopra - Madonna della Neve Concerto Bandistico “A. Ronzani”

Percorsi

Altopiano di Asiago

Altopiano di Asiago

Sull'altopiano tra natura e tipicità

<p>La storia ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri </strong>di provenienza nordica. La lingua...

Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

Asiago - Sull'Altopiano tra natura e tipicità

<p>La<strong> storia</strong> ha lasciato segni evidenti tra le montagne dell’<strong>Altopiano di Asiago</strong>. A cominciare dalle origini dei suoi abitanti, che si vuole discendano dagli antichi <strong>Cimbri</strong> di provenienza...

Asiago: sci nordico nel Barenthal

Asiago: sci nordico nel Barenthal

<p>Il percorso si snoda all'interno di una foresta di pini e abeti e si collega con i Centri fondo <strong>Cesuna</strong> e <strong>Monte Corno</strong>, formando un comprensorio di circa <strong>100 km</strong> di piste, tracciate per tecnica...

Nazione: IT

Regione: Veneto

Provincia: Vicenza

Indirizzo: Piazza IV Novembre 1

Telefono: +39 0424406009

Fax: +39 0424407349

Altitudine (min/max): 229/1388

Superfice (Kmq): 34.32

Popolazione: 2836

Nome abitanti: Lusiaghesi

Densità (ab. per Kmq): 82

Frazioni: Campana, Laverda, Santa Caterina, Valle di Sotto, Velo, Vitarolo

Comuni limitrofi: Asiago, Conco, Lugo di Vicenza, Marostica, Salcedo

Classe climatica: F

Classe sismica: 2

Santo patrono: San Giacomo

Giorno festivo: 25 luglio